Egidio Dabbeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Egidio Dabbeni (Fiumicello, 12 febbraio 1873Brescia, 1964) è stato un ingegnere e architetto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in ingegneria civile a Padova nel 1896, nel 1898 realizzò la prima costruzione civile in cemento armato, in stile eclettico con decorazioni liberty[1]. Nel 1904 conseguì a Roma la laurea in architettura.

Nel 1925 ricostruisce l'ala orientale del Palazzo delle Mercanzie in stile neorinascimentale[2].

Negli anni venti suo figlio Mario partecipò alla realizzazione di piazza della Vittoria a Brescia; in tale progetto disegnò l'Albergo Vittoria.

Collaborò in Francia con Raoul Jourde alla costruzione di Parc Lescure, stadio di Bordeaux interamente coperto (1933-35).

Tra le altre sue realizzazioni si annoverano: Villa Beretta a Gardone Val Trompia, la propria villa di famiglia a Bovegno, villa Gussalli a Brescia, Casa Capretti, Casa Migliorati, Palazzo Bertolotti di Viale Venezia e Palazzi Pisa di Via Solferino è Corso Magenta sempre a Brescia, la chiesa Santa Maria Immacolata a Brescia e la cappella della famiglia Comini-Seccamani nel cimitero di Brescia.

Il Comune di Brescia gli ha dedicato una via nella zona nord della città, a Mompiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Società Editrice Athesis S.p.A, Dabbeni, la Brescia che cambia volto, su Bresciaoggi.it. URL consultato il 9 giugno 2020.
  2. ^ PALAZZO DEL MAGISTRATO DELLA MERCANZIA - Scheda su bresciaonline.it, su bresciaonline.it. URL consultato il 1º dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN148523581 · ISNI (EN0000 0000 9996 8855 · WorldCat Identities (ENviaf-148523581