Egidio Dabbeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Egidio Dabbeni (Fiumicello, 12 febbraio 1873Brescia, 1964) è stato un architetto italiano.

Dettaglio del Palazzo Pisa a Brescia di Dabbeni

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia ingegneria a Padova e si laurea nel 1896, successivamente si specializza in architettura a Roma. Nel 1898 progetta la prima costruzione civile in cemento armato, in stile eclettico con decorazioni Liberty.

Nel 1925 ricostruisce l'ala orientale del Palazzo delle Mercanzie in stile neorinascimentale[1].

Negli anni 20, il figlio Mario, è chiamato nello staff per la realizzazione di piazza della Vittoria, sorta su progetto di Marcello Piacentini demolendo il fatiscente quartiere delle Pescherie nel centro di Brescia. In quest'ambito Egidio progetta l'Albergo Vittoria.

Progettò lo Stadio di Bordeaux come primo esempio di struttura sportiva con tribune interamente coperte (1933 - 1935).

Tra le altre sue realizzazioni si annoverano: Villa Beretta a Gardone Val Trompia, la propria villa di famiglia a Bovegno, villa Gussalli a Brescia, Casa Capretti, Casa Migliorati, Palazzo Bertolotti di Viale Venezia e Palazzo Pisa di Via Solferino sempre a Brescia, e la cappella della famiglia Comini-Seccamani nel cimitero di Brescia.

Il Comune di Brescia gli ha dedicato una via nella zona nord della città, a Mompiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PALAZZO DEL MAGISTRATO DELLA MERCANZIA - Scheda su bresciaonline.it, su bresciaonline.it. URL consultato il 1º dicembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 9996 8855