Effetto Biefeld-Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Effetto Biefeld–Brown

L'Effetto Biefeld–Brown è un effetto elettrico scoperto da Paul Alfred Biefeld e da Thomas Townsend Brown, che produce un vento ionico che a sua volta trasferisce il suo impulso alle circostanti particelle neutre.

L'effetto, sebbene scoperto a partire dagli anni '20, rimase a lungo sconosciuto perché tenuto segreto dal governo statunitense che a lungo studiò questo effetto per le possibili applicazioni militari.

L'Effetto Biefeld–Brown è una forza che si esercita su un condensatore asimmetrico quando questo è sottoposto ad alta tensione.

La forza che si esercita è di solito indipendente dal senso di polarizzazione e si esercita dalla parte dell'elettrodo più piccolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]