Edwig Van Hooydonck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edwig Van Hooydonck
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 178 cm
Peso 61 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1996
Carriera
Squadre di club
1986 Kwantum Hallen
1987-1989 Superconfex
1990-1992 Buckler
1993-1994 Wordperfect
1995 Novell
1996 Rabobank
Nazionale
1988-1994 Belgio Belgio
 

Edwig Van Hooydonck (Ekeren, 4 agosto 1966) è un ex ciclista su strada belga. Passista veloce, professionista dal 1986 al 1996, vinse due edizioni del Giro delle Fiandre, nel 1989 e 1991, e quattro della Freccia del Brabante.

È fratello di Gino, ciclista professionista dal 1986 al 1993

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Si mise in evidenza nelle categorie giovanili vincendo la prova in linea ai Campionati nazionali Juniores nel 1984 e il Giro delle Fiandre per dilettanti nel 1986.

Passò professionista nel settembre 1986, a soli 20 anni, con la Kwantum Hallen-Yoko di Jan Raas. Gareggiò come professionista fino al 1996, correndo sempre per le squadre di Raas, ottenendo una trentina di successi. Particolarmente adatto alle classiche belghe, vinse due edizioni del Giro delle Fiandre, nel 1989 precedendo Herman Frison e nel 1991 in solitaria; si aggiudicò anche quattro edizioni, tuttora record assoluto, della Freccia del Brabante, nel 1987, 1991, 1993 e nel 1995, e la Dwars door België nel 1990, e i terzi posti al Giro delle Fiandre del 1992 e alla Parigi-Roubaix del 1989 e 1990.

Si ritirò dalle corse nell'aprile del 1996, a soli 30 anni[1]. Alcuni anni dopo dichiarò di aver scelto di ritirarsi rifiutandosi di far uso di EPO, sostanza dopante che negli anni Novanta si diffuse nel ciclismo, e quindi non sentendosi più adeguato a competere con il resto del gruppo[2]. Nella stessa occasione polemizzò con Johan Museeuw, affermando che questi si sarebbe dopato per tutta la sua carriera[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991 (Buckler-Colnago-Decca, quattro vittorie)
Grand Prix de Bessèges
Giro delle Fiandre
Freccia del Brabante
Schaal Sels-Merksem
  • 1992 (Buckler-Colnago-Decca, sei vittorie)
Grand Prix La Marseillaise-Aubagne
4ª tappa Etoile de Bessèges (Brodezac)
Grand Prix de Denain
6ª tappa Vuelta a España (Gandía > Benicasim)
3ª tappa Tour of Ireland (Limerick)
Tour de la Haute-Sambre
  • 1993 (Wordperfect-Colnago-Decca, quattro vittorie)
Freccia del Brabante
2ª tappa Tour de Romandie (Sion)
3ª tappa, 2ª semitappa Tour de Luxembourg (Bettembourg)
Stadsprijs Geraardsbergen
  • 1995 (Novell Software-Decca, una vittoria)
Freccia del Brabante

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 (Superconfex-Yok0)
Pinkstercriterium-Kloosterzande (Kermesse)
Grote prijs van Gingelom (Kermesse)
  • 1988 (Superconfex-Yoko)
La Calamine-Kelmis (Kermesse)
Grand Prix de la Libération (Cronosquadre)
  • 1989 (Superconfex-Yoko)
Tokyo Supercriterium (Criterium)
  • 1991 (Buckler-Colnago-Decca)
Grand Prix de la Libération (Cronosquadre)
Ronde van Made (Kermesse)
  • 1992 (Buckler-Colnago-Decca)
Merbes-le-chateau (Kermesse)
  • 1994 (Wordperfect-Colnago-Decca)
Grote Prijs Paul Borremans-Viane (Kermesse)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi giri[modifica | modifica wikitesto]

1989: 110º
1990: 101º
1991: 103º
1992: ritirato (13ª tappa)
1993: 136º (lanterne rouge)
1994: ritirato (14ª tappa)
1992: 116º
1995: 102º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1991: 13º
1992: 11º
1995: 33º
1987: 27º
1988: 22º
1989: vincitore
1991: vincitore
1992: 3º
1993: 7º
1994: 9º
1995: 42º
1987: 5º
1988: 19º
1989: 3º
1990: 3º
1991: 17º
1992: 18º
1993: 6º
1994: 40º
1995: 13º
1988: 32º
1990: 108º
1991: 9º
1992: 10º
1993: 32º
1994: 47º
1995: 60º
1991: ritirato
1994: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

1989: 6º
1991: 4º
1992: 17º
1993: 16º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Palmarès d'Edwig Van Hooydonck (Bel), su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 15 aprile 2018.
  2. ^ a b (NL) Museeuw noemt uitlatingen Van Hooydonck ’fout en ongegrond’, su nieuwsblad.be, 25 maggio 2007. URL consultato il 15 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]