Edwar Al Kharrat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edwar Al Kharrat (Alessandria d'Egitto, 16 marzo 1926Il Cairo, 1º dicembre 2015[1]) è stato un rivoluzionario e scrittore egiziano.

Nasce ad Alessandria d'Egitto nel 1926 da una famiglia copta. Attivo nel movimento rivoluzionario egiziano, sconta due anni di carcere negli anni quaranta.

Laureato in legge, funzionario di vari enti, eletto segretario generale dell'Unione degli scrittori afro-asiatici. Si dedica dal 1983 esclusivamente alla letteratura e nel 1986 fonda una rivista d'avanguardia "Gallery '68" che si oppone all'estetica classica di Mahfuz.

Ha pubblicato numerosi libri, oggi tradotti in molte lingue, tra cui Alessandria città di zafferano, Le ragazze di Alessandria, Muri alti, L'ora dell'orgoglio.

Per il suo stile surrealista e simbolista, è uno degli innovatori della letteratura araba contemporanea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Egypt: Novelist Edwar Al-Kharrat Passes Away At 89, Leaving Behind a Literary Legacy (en) Allafrica.com
Controllo di autorità VIAF: (EN96958326 · LCCN: (ENn82270637 · ISNI: (EN0000 0001 0927 716X · GND: (DE119426838 · BNF: (FRcb122007012 (data) · NLA: (EN35188678