Eduard von Keyserling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Eduard von Keyserling di Lovis Corinth

Eduard von Keyserling (Hasenpoth, 15 maggio 1855Monaco di Baviera, 28 settembre 1918) è stato uno scrittore tedesco dell'epoca dell'Impressionismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente ad un'antica famiglia di nobiltà baltica, nacque a Schloss-Paddern, a quel tempo sotto l'impero russo e oggi parte della Lettonia. Studiò dapprima nelle locali scuole tedesche, quindi all'Università di Vienna.

Si stabilì nel 1895 a Monaco di Baviera, dove visse fino alla morte. Gran parte della sua produzione letteraria (romanzi, racconti e drammi) fu composta qui. Negli ultimi vent'anni di vita fu tormentato da una grave forma di sifilide, che lo costrinse a lunghi periodi di immobilità e da ultimo lo rese cieco.

Produzione letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Le opere di Keyserling sono state spesso definite "le novelle del castello", perché gran parte di esse sono ambientate nelle tenute della nobiltà baltica da cui proveniva. Questo sfondo è caratteristico per l'isolamento che contraddistingueva i suoi personaggi: sudditi dell'impero russo (a cui diedero molti generali), ma di lingua e cultura tedesca, signori di vaste tenute dove lavoravano contadini di differente etnia. Traspare il senso di crisi e di esaurimento di queste casate, ritratte alla vigilia della Prima guerra mondiale e della Rivoluzione russa, che ne avrebbero decretato la fine.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi, la data di pubblicazione originale e il titolo della più recente traduzione italiana:

  • Beate und Mareile (1903; Un nobile adulterio, Milano, SugarCo, 1990, trad. di Luisa Coeta; Il padiglione cinese, Firenze, Barbès, 2011, trad. di Mario Benzi (1933), revisione e commento di Gian Mario Benzing)
  • Schwüle Tage (1904; Giorni d'afa, Milano, SugarCo, 1998, trad. di Luisa Coeta; Afa, Milano, Adelphi, 2000, trad. di Anna Rosa Azzone Zweifel)
  • Seine Liebeserfahrung (1906; L'esperienza amorosa, Milano, Marcos y Marcos, 2005, trad. di Silvia Borge)
  • Dumala (1908; Il castello di Dumala, Milano, Marcos y Marcos, 2005, trad. di Giuseppe Farese)
  • Bunte Herzen (1909; I confini del castello, Milano, SugarCo, 1989)
  • Wellen (1911; Onde, Milano, Marcos y Marcos, 2005, trad. di Eva Banchelli)
  • Am Südhang (1914; Versante Sud, Parma, Guanda, 1989, trad. di Giovanna Agabio)
  • Abendliche Häuser (1914; Case crepuscolari, Milano, 1932, traduzione di Mario Benzi)
  • Fürstinnen (1917; Principesse, Milano, Adelphi, 1988, trad. di Anna Rosa Azzone Zweifel)
  • Im stillen Winkel (1918; Nell'angolo di quiete, Roma, L'orma editore, 2018, trad. di Giovanni Tateo)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14790848 · ISNI (EN0000 0001 0871 8752 · LCCN (ENnr89004993 · GND (DE118561812 · BNF (FRcb120576046 (data)