Eduard Fueter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eduard Fueter (Basilea, 13 novembre 1876Basilea, 20 novembre 1928) è stato uno storico svizzero.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

A partire dal 1915 fu professore all'università di Zurigo. Il suo testo più noto è Geschichte der neueren Historiographie pubblicato nel 1911 e tradotto da Altiero Spinelli con il titolo di Storia della storiografia moderna (Napoli, Ricciardi, 1943-44). Il testo è considerato ancora "utile strumento di lavoro"[1].

Tra gli altri lavori la Geschichte des europäischen Staatensystems von 1492 bis 1559, pubblicato nel 1919 e tradotto in italiano da Biagio Marin col titolo Storia del sistema degli stati europei dal 1492 al 1559 (Firenze, La Nuova Italia, 1932), oggetto di critiche[1]; la Weltgeschichte der letzten 100 Jahre 1815-1920 (1921; tradotto prima in La storia del secolo XIX e la guerra mondiale, rielaborazione italiana con aggiunte di Fausto Nicolini, Bari, Laterza, 1922, poi in Storia universale: 1815-1920, Torino, Einaudi, 1947).

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Religion und Kirche in England im fünfzehnten Jahrhundert, 1904
  • Geschichte der neueren Historiographie, 1911
  • Geschichte des europäischen Staatensystems von 1492 bis 1559, 1919
  • Weltgeschichte der letzten hundert Jahre. 1815-1920, 1921
  • Die Schweiz seit 1848. Geschichte, Politik, Wirtschaft, 1928

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Enciclopedia Treccani.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54212257 LCCN: n79078142