Eduard Baron von der Ropp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eduard Baron von der Ropp
arcivescovo della Chiesa cattolica
Eduard von der Ropp.png
Fotografia di mons. va der Ropp
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Incarichi ricoperti
Nato 15 dicembre 1851, Daugavpils
Ordinato presbitero 2 agosto 1886
Nominato vescovo 9 giugno 1902 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo 16 novembre 1902 dall'arcivescovo Boleslaw Hieronim Klopotowski
Elevato arcivescovo 25 luglio 1917 da papa Benedetto XV
Deceduto 25 giugno 1939 (87 anni), Poznań

Eduard Baron von der Ropp (in tedesco: Eduard Michael Johann Maria Baron von der Ropp), (in russo: Эдуард Юльевич Ропп) (Daugavpils, 15 dicembre 1851Poznań, 25 giugno 1939) è stato un arcivescovo cattolico tedesco, vescovo di Tiraspol, vescovo di Vilnius, arcivescovo metropolita di Mahilëŭ, politico russo, deputato di Duma, vittima della persecuzione dei cristiani in URSS.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1875 terminò la facoltà di diritto all'Università statale di San Pietroburgo. Compiuti gli studi al seminario diocesano di Kaunas, il 20 giugno 1886 fu ordinato sacerdote a Kaunas. Prosegue gli studi a Innsbruck. Dal 1889 è parroco a Liepāja e decano di Curlandia. Il 9 giugno 1902 è consacrato vescovo di Tiraspol. Nel novembre 1903 è nominato vescovo di Vilnius. Il 5 ottobre 1907 è allontanato da Vilnius, accusato di nazionalismo polacco e di Polonizzazione degli lituani e bielorussi. Il 25 luglio 1917 è nominato arcivescovo di Mahilëŭ. Nel 1919 viene arrestato e trasferito a Mosca. Il 22 novembre 1919 può raggiungere la Polonia e stabilirsi a Varsavia. Qui fonda Università Cattolica Giovanni Paolo II di Lublino un istituto per la formazione di missionari per la Russia e costantemente si interessa del destino della Chiesa cattolica in Russia.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8526583 · ISNI (EN0000 0000 5543 0236 · LCCN (ENn2006008687 · GND (DE131692593