Edu Marangon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edu Marangon
Edu Carlos Eduardo Marangon.jpg
Edu con la maglia del Torino (1988)
Nome Carlos Eduardo Marangon
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 181 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1984-1988 Portuguesa Portuguesa 45 (3)
1988-1989 Torino Torino 22 (2)
1989 Nacional Nacional  ? (?)
1989-1990 Porto Porto 1 (0)
1990-1991 Santos Santos 24 (3)
1991-1992 Palmeiras Palmeiras 16 (3)
1993-1996 Yokohama Flugels Yokohama Flügels 67 (18)
1996 Inter de Limeira Inter de Limeira  ? (0)
1996 Coritiba Coritiba 9 (1)
1997 Inter de Limeira Inter de Limeira  ? (0)[1]
1997 Bragantino Bragantino  ? (?)
Nazionale
1987-1990 Brasile Brasile 10 (1)
Carriera da allenatore
1999 Inter de Limeira Inter de Limeira
2005 Juventus-SP Juventus-SP
2007 Juventus-SP Juventus-SP
2008 Rio Claro Rio Claro
2009 Juventus-SP Juventus-SP
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlos Eduardo Marangon – detto Edu Marangon o solo Edu – (San Paolo, 15 febbraio 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a dare i primi calci al pallone nelle giovanili del Palmeiras ma per via della eccessiva lontananza da casa del campo di allenamento tale da non consentirgli di conciliare scuola e calcio, cambiò squadra e venne tesserato dal Portuguesa, società che lo fece esordire in campionato nel 1984 dopo la conclusione degli studi e il raggiungimento della laurea in amministrazione aziendale.

Nel 1988 venne contattato dal Torino che lo acquistò per un miliardo e 250 milioni. Il centrocampista di San Paolo giunse a Torino con le carte in regola per diventare uno dei protagonisti del campionato 1988-89, visto l’interesse nei suoi confronti da parte di alcuni clubs brasiliani, ma non riuscì mai ad imprimere con incisività il suo marchio nell’economia del gioco di squadra perdendo gradualmente la fiducia di Radice prima e di Claudio Sala poi, i quali, lo emarginarono in panchina nonostante il suo impegno decretandone la bocciatura. In extremis Sergio Vatta lo recuperò utilizzandolo con continuità nel tentativo di salvare una situazione di classifica ormai disperata ma ciò non bastò ad evitare al Torino un’ingloriosa retrocessione, la seconda a distanza di 30 anni dalla precedente esperienza del Talmone Torino nel 1958-59.

Conclusasi amaramente l’esperienza sotto la Mole dopo solo una stagione, Edu tornò in Brasile, militando in diverse squadre (Palmeiras, Botafogo, Santos), disputando anche una stagione in Giappone prima di ritirarsi dall’attività agonistica e intraprendere la carriera di allenatore in Spagna (nel Logroñés) e Brasile (Rio Branco).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Portuguese shield.svg Campionato portoghese: 1

Porto: 1989-1990

Candido-Oliveira.jpg Supercoppa di Portogallo: 1

Porto: 1990

Campionato giapponese: 1

Yokohama Flügels: 1995

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Supercoppa d'Asia: 1

Yokohama Flügels: 1995

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Coppa Stanley Rous: 1

1987

Gold medal america.svg Giochi panamericani: 1

1987

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1+ (1) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Paulista.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gente Granata (Sergio Barbero – Graphot Editrice – 1989)
  • Campioni e Bidoni (Enzo Palladini – Edizioni La Campanella – 2001)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]