Edoardo Volterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo Volterra
Edoardo Volterra.JPG

Prorettore della Alma Mater Studiorum
Università di Bologna
Durata mandato 5 maggio 1945 –
19 giugno 1945
Predecessore Felice Battaglia (come commissario)
Successore Edoardo Volterra

Magnifico Rettore della Alma Mater Studiorum
Università di Bologna
Durata mandato 20 giugno 1945 –
19 giugno 1947
Predecessore Edoardo Volterra (come prorettore)
Successore Guido Guerrini

Dati generali
Università Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Professione giurista

Edoardo Volterra (Roma, 7 gennaio 1904Roma, 19 luglio 1984) è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Già professore ordinario di istituzioni di diritto romano nella facoltà di giurisprudenza delle università di Cagliari, Camerino, Pisa, Parma e Bologna, passò infine all'università di Roma.

Collocato a riposo nel 1938 a causa delle leggi razziali fasciste, insegnò in Egitto ed ebbe incarichi di ricerca in Francia. Tornò in Italia nel maggio 1940 e fu arrestato nel marzo 1943 per attività antifasciste (fu uno dei fondatori del Partito d'Azione). Partecipò alla guerra di liberazione come partigiano combattente col grado di Comandante Militare e fu insignito con la medaglia d'argento al valor militare e la croce di guerra. Nel 1944 fu nominato Deputato Provinciale di Roma e nel 1945-1946 fu membro della Consulta Nazionale come rappresentante dell'Emilia e Romagna per il Partito d'Azione. Fu Rettore dell'università di Bologna dal 1945 al 1947.

Nel 1973 fu nominato dal presidente della Repubblica Giovanni Leone giudice della Corte Costituzionale della quale divenne vicepresidente nell'ottobre 1981, cessando l'incarico nel gennaio dell'anno successivo.

Accademico dei lincei e membro di diverse altre istituzioni italiane e straniere pubblicò numerosi studi giuridici tra cui: Diritto Romano e diritti orientali, Collatio legum mosaicarum et romanarum e La conception du mariage d'après les juristes romains.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 26 febbraio 1969[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100189626 · LCCN: (ENn98026957 · SBN: IT\ICCU\RAVV\044735 · ISNI: (EN0000 0001 1691 6628 · GND: (DE123180368 · BNF: (FRcb128099501 (data) · BAV: ADV10250079