Edoardo Purgatori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edoardo Purgatori, conosciuto anche come Ed Hendrik (Roma, 14 gennaio 1989), è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma da madre tedesca e padre italiano, lei storica dell'arte e attrice, lui sceneggiatore e giornalista (Andrea Purgatori)[1]; ha un fratello e una sorella più piccoli[2]. Frequenta fin dall'asilo la scuola tedesca di Roma ed entra nella compagnia teatrale scolastica a tredici anni, recitando per sei anni davanti ai compagni di scuola[1][2]. Una volta diciottenne, partecipa a vari workshop con insegnanti dell'Actors Studio di New York.

Nel 2009, Edoardo si trasferisce a Londra e dopo diverse audizioni entra alla Oxford School of Drama[2]. Dal 2010 è membro attivo dello Studio De Fazio a Roma, sotto la direzione artistica del maestro Dominique De Fazio[3](Actors Studio).

Dopo numerosi ruoli in teatro, dal 2007 compare in alcune serie e miniserie televisive italiane, come Donna detective, Un caso di coscienza e Anita Garibaldi[2]. Nel 2013 è nell'ottava stagione di Un medico in famiglia nel ruolo di Emiliano Lupi[1][4], a teatro con lo spettacolo in lingua inglese The Shape of Things[2] e con la conferenza spettacolo in inglese/italiano The Glass Menagerie[3]. Grazie al successo del suo personaggio in Un medico in famiglia 8, viene riconfermato nella nona e decima stagione della serie.

Sempre nel 2013 interpreta ruoli da protagonista nel cortometraggio tedesco Am Wald, in un film per la televisione tedesca Trennung auf Italienisch. Nel 2014 è sul grande schermo con il film dal titolo Amore oggi.

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Insieme all'attrice Eleonora Cadeddu, collega della fiction Un medico in famiglia, dal 2013 è testimonial dell'iniziativa benefica "Leo4Children"[5], tema operativo nazionale con lo scopo di aiutare i bambini in momenti di criticità, promosso e finanziato dai Leo (Lions club) italiani.

Edoardo ed Eleonora, insieme ai Leo italiani, finanzieranno il nuovo Tema Operativo Nazionale "Leo4Children" nel triennio 2013-2016.

Il fine del progetto è quello di sostenere i bambini in un momento difficile, apportando un sensibile miglioramento alla loro qualità di vita durante il loro periodo di permanenza ospedaliera con l'allestimento e miglioramento delle sale ricreative dei reparti di pediatria.

Un triennio di pianificazione con lo scopo di sensibilizzare le famiglie sull'importanza del trascorrere la vita all'interno di una struttura ospedaliera a misura di bambino.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]