Edmondo I d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edmondo I
Edmund I.jpg
Re d'Inghilterra
In carica 939 –
946
Predecessore Atelstano
Successore Edredo
Nascita Wessex, 921
Morte Pucklechurch, 26 maggio 946
Dinastia Wessex
Figli Edwing
Edgardo

Edmondo I d'Inghilterra, detto il Vecchio o il Giusto o il Magnifico, in inglese antico Edmund o Eadmund (Wessex, 921Pucklechurch, 26 maggio 946), figlio di Edoardo il Vecchio e Edgiva di Kent, fu re d'Inghilterra dal 939 fino alla sua morte.

Quando il fratellastro Atelstano morì il 27 ottobre 939, Edmondo gli succedette come re. Poco dopo la sua proclamazione dovette affrontare diverse e gravi minacce militari. Re Olaf I di Dublino conquistò la Northumbria e invase le Midlands. Quando Olaf morì, nel 942, Edmondo riconquistò le Midlands.

Nel 943 divenne il padrino di Re Olaf di York. Nel 944, Edmondo ebbe successo nella riconquista della Northumbria. Nello stesso anno il suo alleato Olaf di York perse il trono e partì per Dublino, in Irlanda. Olaf divenne Re di Dublino con il nome di Olaf Cuaran e continuò ad essere alleato del padrino.

Nel 945 Edmondo conquistò lo Strathclyde, ma concesse i suoi diritti sul territorio a Re Malcolm I di Scozia. In cambio essi firmarono un trattato di mutua assistenza militare. Edmondo stabilì così una politica di relazioni pacifiche e confini sicuri con la Scozia.

Durante il suo regno ebbe inizio la rinascita dei monasteri in Inghilterra.

Edmondo venne assassinato nel 946 da Leofa, un ladro esiliato. Stava partecipando ad un ricevimento a Pucklechurch, quando individuò Leofa nella folla. Dopo che il fuorilegge si rifiutò di andarsene, il Re e i suoi consiglieri combatterono contro Leofa. Edmondo e Leofa vennero entrambi uccisi.

Gli succedette il fratello Edredo, re dal 946 al 955.

I figli di Edmondo governarono in seguito l'Inghilterra come:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re degli Anglosassoni Successore
Atelstano 939-946 Edredo
Re d'Inghilterra
939-946
Controllo di autorità VIAF: (EN75847323 · ISNI: (EN0000 0000 3955 2954 · LCCN: (ENnb2008005975 · GND: (DE1014632609 · CERL: cnp01300025