Edith Potter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Edith Louise Potter (Clinton, 26 settembre 190122 marzo 1993, durante una crociera nei Caraibi) è stato un medico e scienziato statunitense.

Potter, che in particolar modo esplorò il campo della patologia perinatale, diede notevoli contributi alla comprensione della eritroblastosi fetale in particolare della malattia da Rh . Stabilì il legame tra un aspetto facciale caratteristico e l'assenza di reni fetali, un'associazione che divenne nota come sequenza di Potter . Dopo essersi ritirato dalla pratica medica, Potter divenne nota per il suo coinvolgimento nell'orticoltura .

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Potter è nato a Clinton, nello Iowa, da Edna Rugg Holmes e William Harvey Potter. [1] Suo padre era un ingegnere locomotore. Ha trascorso la sua gioventà nel Wisconsin e nel Minnesota . Ha frequentato l' Università del Minnesota, dove ha conseguito una laurea in medicina. Potter ha frequentato il reparto a Minneapolis, proseguì gli studi post-laurea a Vienna ed aprì uno studio medico privato nel Minnesota per cinque anni. Ha conseguito un dottorato di ricerca nell'Università del Minnesota nel 1934. [2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca, Potter si trasferì a Chicago, dove è diventata un'insegnante di patologia nel dipartimento di ginecologia e ostetricia presso l' Università di Chicago . Potter rimase all'università fino al suo pensionamento. [1] La scuola era affiliata al Chicago Lying-in Hospital, dove Potter era patologa. Quando un amministratore del dipartimento sanitario di Chicago iniziò a considerare le cause della mortalità infantile in città, decise di richiedere autopsie per consentire ai genitori di ottenere i permessi di sepoltura. In un periodo di oltre 30 anni, Potter ha eseguito più di 10.000 autopsie sui neonati. [3]

Nel 1940, Potter ha scritto Fetal e Neonatal Death insieme con il collega di dipartimento Fred Lyman Adair; la coppia ha analizzato le cause della morte di oltre 500 bambini morti negli anni '30. [3] Essi hanno scoperto che l' ipossia e l'emorragia intracranica erano due principali cause di morte. [2] Man mano che acquisiva maggiore esperienza con le autopsie, Potter sentiva che identificare anomalie nei singoli bambini era solo una piccola parte del suo lavoro. Potter ha affermato che un obiettivo più ampio era correlare i risultati di specifici bambini con quelli di gruppi di altri bambini, integrando i risultati fisici con altri potenziali fattori eziologici per identificare i modelli e le cause della morte infantile.

Potter divenne famosa per il suo lavoro che stabiliva come la Eritroblastosi fetale come un'importante causa di morte infantile. [1] Ha anche pubblicato un articolo del 1946 che legava l' agenesi renale a specifici risultati facciali in un gruppo di 20 bambini. Diversi anni dopo, è stato stabilito che l'agenesia renale bilaterale ha provocato oligoidramnios e che i bassi livelli di liquido amniotico hanno causato la compressione fetale e le caratteristiche facciali osservate. Il quadro clinico divenne noto come sequenza di Potter . [3]

Nell'estate del 1944, Potter sposò lo scultore architettonico Alvin Meyer, che ebbe una figlia. Meyer è stato l'illustratore di uno dei libri di Potter, Fundamentals of Human Reproduction (1948). [4] Potter ha ricevuto un dottorato onorario dall'Università del Brasile ; aveva prestato servizio per un anno come docente ospite lì. [1] L' Università della Florida del sud le ha successivamente conferito un dottorato onorario in scienze. [5]

Dopo il ritiro accademico[modifica | modifica wikitesto]

Potter si ritirò a metà degli anni '60 e si trasferì a Fort Myers, in Florida, con Alvin Meyer. Meyer è morto nel 1976. In seguito Potter sposò Frank Deats, coordinatore architettonico e acquarellista. Deats morì nel 1983, dieci anni prima della morte della Potter. [2] Dopo il suo ritiro dalla carriera accademica, Potter si interessò all'orticoltura, in particolare alla coltivazione di piante d'appartamento. In particolare, Potter coltivò bromeliacee e donò 122 piante all'Università del Minnesota nel 1980 per istituire il Conservatorio Meyer-Deats nell'arboreto della scuola. Il giardino d'inverno è stato nominato in onore dei mariti della Potter. [6]

Alla Potter fu diagnosticato un tumore del colon in età avanzata e morì durante una crociera nel 1993 nei Caraibi. [2] Una cattedra dotata presso la Florida Gulf Coast University è stata istituita in nome di Potter. [7] È anche onorata dal Congresso americano di ostetrici e ginecologi con una lezione a suo nome. [8]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Morte fetale e neonatale (1939, con Fred L. Adair)
  • Rh, la sua relazione con la malattia emolitica congenita e le reazioni trasfusionali infragruppo (1947)
  • Fondamenti di riproduzione umana (1948)
  • Patologia del feto e del bambino (1953)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Marilyn Bailey Ogilvie e Joy Dorothy Harvey, The Biographical Dictionary of Women in Science: L-Z, Taylor & Francis, 2000, pp. 1045–1046, ISBN 9780415920407.
  2. ^ a b c d P. M. Dunn, Dr. Edith Potter (1901-1993) of Chicago: Pioneer in perinatal pathology, in Archives of Disease in Childhood: Fetal and Neonatal Edition, vol. 92, nº 5, September 1, 2007, pp. F419–F420, DOI:10.1136/fnn.2005.091397, PMID 17712193.
  3. ^ a b c (EN) Lawrence D. Longo, The Rise of Fetal and Neonatal Physiology: Basic Science to Clinical Care, Springer Science & Business Media, 2013, pp. 354–355, ISBN 9781461479215.
  4. ^ Alvin William Meyer, The Chicago Loop. URL consultato il January 10, 2016.
  5. ^ Honorary degree recipients, University of South Florida. URL consultato il January 12, 2016 (archiviato dall'url originale il marzo 4, 2016).
  6. ^ Dr. Edith Potter. Journal of the Bromeliad Society 31 (2):81. March–April 1981. Retrieved January 10, 2016.
  7. ^ Eminent Scholars and Professorships, Florida Gulf Coast University. URL consultato il January 12, 2016 (archiviato dall'url originale il dicembre 2, 2015).
  8. ^ ACM Named Lectureships, American Congress of Obstetricians and Gynecologists. URL consultato il January 13, 2016.


Controllo di autoritàVIAF (EN14027334 · ISNI (EN0000 0001 0956 015X · LCCN (ENn95801999 · GND (DE13786051X · WorldCat Identities (ENn95-801999