Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edison - L'uomo che illuminò il mondo
LOGO EDISON 01DISTRIBUTION.jpg
Logo italiano del film
Titolo originaleThe Current War
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata107 min
Generebiografico, storico, drammatico
RegiaAlfonso Gomez-Rejon
SceneggiaturaMichael Mitnick
ProduttoreTimur Bekmambetov, Basil Iwanyk
Produttore esecutivoAdam Ackland, Garrett Basch, Michael Mitnick, Ann Ruark, , Martin Scorsese, Adam Sidman, Steven Zaillian
Casa di produzioneBazelevs Production, Film Rites, Fourth Floor Productions
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaChung-hoon Chung
MontaggioDavid Trachtenberg
MusicheVolker Bertelmann, Dustin O'Halloran, Danny Bensi, Saunder Jurriaans
ScenografiaJan Roelfs
CostumiMichael Wilkinson
TruccoRomaine Bowman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edison - L'uomo che illuminò il mondo (The Current War) è un film del 2017 diretto da Alfonso Gomez-Rejon con protagonisti Benedict Cumberbatch, Michael Shannon e Nicholas Hoult, rispettivamente nei panni di Thomas Edison, George Westinghouse e Nikola Tesla.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del XIX secolo, Thomas Edison realizza una lampadina elettrica in grado di illuminare per oltre tredici ore. Questo gli procura una grande fama e gli dà la possibilità di aprire la sua prima centrale elettrica a New York. Subito nasce l'idea di utilizzare l'invenzione di Edison per illuminare le grandi città; il problema è che essa è basata sull'utilizzo della corrente continua, che non consente di coprire grandi distanze. George Westinghouse, diventato famoso per l'invenzione e la produzione in serie di un sistema di freni ad aria per locomotive, decide di entrare nel mercato dell'elettricità e compra i brevetti per la corrente alternata, cercando successivamente un contatto con Edison per convincerlo a collaborare; questo contatto sfuma diverse volte, in quanto Edison ha un carattere piuttosto ambizioso ed è convinto che la corrente alternata sia pericolosa, in quanto, se è vero che essa consente di coprire distanze maggiori aumentando la , è vero anche che l'alta tensione può portare a folgorazione in caso di contatti accidentali.

La concorrenza tra Edison e Westinghouse diventa ben presto una vera e propria guerra, la guerra delle correnti. I due imprenditori, con le rispettive filosofie progettuali, si trovano a competere negli appalti per l'illuminazione delle varie città degli Stati Uniti d'America; i brevetti di Westinghouse, coadiuvato da Franklin Leonard Pope, sono più economici ed efficienti, ma Edison ha maggior impatto sull'opinione pubblica, che non dà peso alle imperfezioni dei suoi prodotti, e pertanto, in un primo momento, è lui ad accaparrarsi il maggior numero di appalti. Un giorno, presso la società di Edison, si presenta Nikola Tesla, un giovane scienziato emigrato dall'impero austro-ungarico; Edison lo assume promettendo che lo ricompenserà con 50.000 dollari se porterà brevetti all'azienda. Nonostante la genialità di Tesla procuri a Edison numerosi brevetti, Edison non mantiene la promessa che gli aveva fatto, per questo motivo Tesla si dimette dal suo impiego.

Intanto Mary Stillwell, moglie di Edison, si ammala e muore in breve tempo, lasciandolo solo con i due figli, e questo drammatico evento incupisce l'inventore, portandolo ad adottare una tattica scorretta nei confronti di Westinghouse: per tentare di convincere il pubblico che la corrente alternata sarebbe pericolosa ed andrebbe evitata, Edison inizia a tenere esperimenti in luoghi pubblici in cui utilizza la corrente alternata per uccidere animali in modo rapido ed indolore. A seguito di questi esperimenti, il governo americano chiede con insistenza a Edison l'invenzione di una macchina in grado di rendere più semplici le esecuzioni capitali, ma Edison dichiara pubblicamente di non voler essere coinvolto in tale progetto, poiché ritiene un'invenzione di questo tipo eticamente negativa.

Westinghouse intanto deve affrontare la perdita di Pope, che rimane ucciso durante un esperimento, e tale evento sensibilizza l'opinione pubblica riguardo ai rischi della corrente alternata. A quel punto però gli si presenta Tesla, che, dopo aver abbandonato la società di Edison, ha tentato di fondare una sua azienda ma è stato raggirato da alcuni affaristi senza scrupoli, è rimasto al verde ed ha successivamente lavorato come scavatore di fossi per gli impianti Edison. Westinghouse gli offre uno stipendio notevole e ne promuove le invenzioni. Edison intanto continua la sua campagna di discredito mentre in realtà collabora, in segreto, con il governo americano alla progettazione della sedia elettrica, arrivando perfino a supportarla durante il processo a William Kemmler, uxoricida condannato alla pena capitale, che diverrà il primo criminale a essere giustiziato con tale metodo. Successivamente, tuttavia, un investigatore privato fa emergere le prove del coinvolgimento di Edison nelle scelte del governo, mettendo in luce la sua vera posizione: egli ritiene in realtà che la sedia elettrica sia tutt'altro che indolore e che il metodo sia ancora da perfezionare. Questo viene confermato dall'esecuzione di Kemmler, che, davanti al pubblico intervenuto, muore solo dopo ben tre scariche elettriche, tra atroci sofferenze.

La strategia di Edison gli si rivolta contro: la sua stessa azienda lo estromette dal consiglio di amministrazione e Westinghouse lo supera abbondantemente, anche grazie alle intuizioni di Tesla. La resa dei conti si verifica con la scelta dell'azienda che dovrà illuminare la Fiera Internazionale di Chicago del 1893: Edison presenta un progetto basato sulla corrente continua, molto costoso, e basa la sua presentazione unicamente sul discredito di Westinghouse e sul dire che ritiene pericoloso il progetto del rivale, mentre Westinghouse dice unicamente che il suo sistema è molto più economico di quello di Edison, e questo porta il governo a sceglierlo. Durante la fiera i due rivali si incontrano e discutono di quanto è successo; Westinghouse si dichiara ancora aperto a una collaborazione con Edison, ma questi rifiuta, rivelandogli di essere al lavoro su una nuova invenzione che lo libererà per sempre dal legame tra il suo nome e l'elettricità: Edison infatti brevetterà il kinetoscopio, con il quale darà il via alla cinematografia e finirà per mettere in ombra sia Westinghouse che Tesla.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 settembre 2015, Benedict Cumberbatch e Jake Gyllenhaal erano in trattative per interpretare Thomas Edison e George Westinghouse.[1] Il 29 settembre 2016, Michael Shannon è stato scelto come Westinghouse[2] e il 4 ottobre Nicholas Hoult come Nikola Tesla.[3] Nel novembre 2016, Katherine Waterston[4] e Tom Holland[5] si sono uniti al cast. Il mese seguente sono entrati nel cast anche Tuppence Middleton[6] e Matthew Macfadyen.[7]

Le riprese del film sono iniziate il 18 dicembre 2016 a Londra.[8]

Dopo la chiusura della The Weinstein Company, successiva al caso Harvey Weinstein, i diritti di distribuzione del film sono stati acquistati dalla 101 Studios.[9]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 7 settembre 2017.[10]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2017.[11]

A causa del caso Harvey Weinstein, viene distribuito con due anni di ritardo: nelle sale cinematografiche italiane dal 18 luglio 2019[12] e negli Stati Uniti dal 4 ottobre 2019 in distribuzione limitata[13] per poi espandersi in tutta la nazione dal weekend successivo.[9]

Director's Cut[modifica | modifica wikitesto]

Il regista Gomez-Rejon fu costretto ad accettare la versione finale del film fatta da Harvey Weinstein, ma grazie ad una clausola contrattuale che prevedeva che la decisione finale sul film spettasse a Martin Scorsese, riuscì a portare alla luce la sua versione nelle sale cinematografiche statunitensi, la Director's Cut, che ha previsto la modifica della colonna sonora, del montaggio e alcune scene aggiuntive, al costo di un milione di dollari.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Patrick Hipes, Patrick Hipes, Benedict Cumberbatch & Jake Gyllenhaal In Talks For ‘The Current War’, su Deadline, 24 settembre 2015. URL consultato il 27 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Diana Lodderhose, Diana Lodderhose, Michael Shannon Joins Benedict Cumberbatch In TWC’s ‘The Current War’, su Deadline, 29 settembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Nicholas Hoult to Play Nikola Tesla in ‘The Current War’, su Variety, 4 ottobre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  4. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Katherine Waterston Joins ‘The Current War’, su Deadline, 1º novembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  5. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, ‘Spider-Man: Homecoming’s Tom Holland Joining ‘The Current War’, su Deadline, 2 novembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  6. ^ (EN) Erik Pedersen, Erik Pedersen, Tuppence Middleton Plugs Into ‘The Current War’, su Deadline, 14 dicembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Amanda N'Duka, Amanda N'Duka, Matthew Macfadyen Joins ‘The Current War’; ‘D.O.A. Blood River’ Rounds Out Cast; Katia Winter Stars In ‘Unwanted’, su Deadline, 16 dicembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  8. ^ (EN) Current War Begins Filming with Benedict Cumberbatch, su ComingSoon.net, 16 dicembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  9. ^ a b Matteo Tosini, The Current War: fissata la data di uscita del film con Benedict Cumberbatch, su badtaste.it, 22 maggio 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  10. ^ (EN) Michael Nordine, ‘The Current War’ Trailer: Benedict Cumberbatch and Michael Shannon Battle Over Electricity, indiewire.com, 7 settembre 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  11. ^ (EN) Etan Vlessing, Toronto: Jennifer Lawrence's 'Mother!,' George Clooney's 'Suburbicon' Among 2017 Festival Lineup, The Hollywood Reporter, 25 luglio 2017. URL consultato il 7 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2017).
  12. ^ Leone Film Group, EDISON - L'UOMO CHE ILLUMINÒ IL MONDO arriva al cinema il 18 luglio., su Facebook, 31 maggio 2019. URL consultato il 31 maggio 2019.
  13. ^ (EN) m/the_current_war_directors_cut Edison - L'uomo che illuminò il mondo, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 2 agosto 2019. Modifica su Wikidata
  14. ^ Mirko D'Alessio, Edison, la “clausola Scorsese” che ha salvato il film dall’ingerenza di Harvey Weinstein, su badtaste.it, 24 ottobre 2019. URL consultato il 24 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]