Edipodia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edipodia
Titolo originale Οἰδιπόδεια
Autore Cinetone di Sparta?
1ª ed. originale VII secolo a.C.
Genere poema epico
Lingua originale greco antico
Serie Ciclo Tebano

L'Edipodia (Οἰδιπόδεια) è un poema epico perduto del Ciclo tebano, parte del Ciclo epico, di cui oggi restano appena tre frammenti e una breve notizia. Il poema era lungo circa 6.600 versi e attribuito dagli antichi a Cinetone di Sparta, poeta di cui abbiamo poche notizie.[1]

Raccontava la storia di Edipo e la sfinge, secondo una versione del mito alternativa rispetto a quella più nota. Secondo il poema, il matrimonio tra Edipo e la madre Giocasta era stato senza figli, e questi ultimi erano nati da una precedente relazione di Edipo con Eurigania, figlia di Iperfate.[2]

Un piccolo cenno allo stile di Cinetone di Sparta è presente nell'opera Sugli oracoli della Pizia (De Pythiae oraculis) di Plutarco, dove si afferma che Cinetone di Sparta "aggiunse agli oracoli uno stile pomposo e drammatico non necessario".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IG 14.1292 2.11; Euseb. Chron. Ol. 4.1.
  2. ^ Pausania, Descrizione della Grecia, 9.5.10-1; West, Fr. 1.
  3. ^ Plutarco, Sugli oracoli della Pizia, 407b.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]