Edificio postale di Roma (piazza Bologna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ufficio postale Roma Nomentano
Roma PT Piazza Bologna.jpg
Vista dell'ufficio postale da viale delle Province
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma
Indirizzo Piazza Bologna
Coordinate 41°54′49.52″N 12°31′13.3″E / 41.913755°N 12.520361°E41.913755; 12.520361Coordinate: 41°54′49.52″N 12°31′13.3″E / 41.913755°N 12.520361°E41.913755; 12.520361
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1933-35
Inaugurazione 28 ottobre 1935
Stile Razionalista
Uso Ufficio postale
Realizzazione
Architetto Mario Ridolfi
Mario Fagiolo
Proprietario Poste italiane
Proprietario storico Ministero delle comunicazioni (Costanzo Ciano)

L'edificio postale Roma Nomentano, noto come Posta di piazza Bologna, è situato a Roma, in piazza Bologna[1], nel quartiere Nomentano.

Ospita l'ufficio postale Roma Nomentano (Frazionario 55647).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione di questo ufficio postale, insieme a quelli di viale Mazzini, via Taranto e via Marmorata, rientrava nel piano dello sviluppo dell'Urbe, che prevedeva il decentramento dei servizi in zone esterne al nucleo storico della città. Nel 1932 il concorso per la realizzazione dell'opera, bandito dal Ministero delle Poste, fu vinto dall'architetto Mario Ridolfi.

L'ufficio postale fu inaugurato il 28 ottobre 1935.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, caratterizzato per la sua doppia curvatura e per il rivestimento a cortina in listelli di travertino[1], rappresenta una delle opere più interessanti dell'architettura razionalista italiana.

L'edificio è stato sottoposto a modifiche nel 1976[1], le più radicali nel salone pubblico dell'ufficio postale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Donatella Paradisi, Le strade di Roma. Volume primo A-D, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • AA. VV., Il moderno attraverso Roma - Guida a 200 architetture e alle loro opere d'arte, Roma, Croma Quaderni 9, 2000, ISBN 88-7621-099-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]