Edge of the Century

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edge of the Century
ArtistaStyx
Tipo albumStudio
Pubblicazioneottobre 1980
pubblicato negli Stati Uniti
Durata42:35
Dischi1
Tracce10
GenereRock
EtichettaA&M Records (75021 5327 2)
ProduttoreDennis DeYoung
RegistrazioneChicago al Chicago Recording Company
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 500 000+)
Styx - cronologia
Album precedente
(1984)
Album successivo
(1997)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 2/5 stelle[2]
The New Rolling Stone Album Guide 1/5 stelle[3]
Sputnikmusic 2.4 (Average)[4]
Dizionario del Pop-Rock 1/5 stelle[5]

Edge of the Century è il dodicesimo album del gruppo musicale Styx, pubblicato nell'ottobre del 1990[6] per l'etichetta discografica A&M Records.

L'album nella Chart statunitense di Billboard 200 raggiunse la sessantatresima posizione (3 novembre 1990)[7], mentre i singoli contenuti nell'album, a piazzarsi nella classifica Billboard Hot 100 furono: Love Is the Ritual (ottantesima posizione), Show Me the Way (terza posizione) e Love at First Sight (venticinquesima posizione)[8].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Love Is the Ritual – 3:48 (Glen Burtnik, Plinky (Plinky Giglio))
  2. Show Me the Way – 4:35 (Dennis DeYoung)
  3. Edge of the Century – 4:20 (Glen Burtnik, Bob Burger)
  4. Love at First Sight – 4:35 (Glen Burtnik, Dennis DeYoung, James Young)
  5. All in a Day's Work – 4:11 (Glen Burtnik, Dennis DeYoung)
  6. Not Dead Yet – 3:32 (Ralph Covert)
  7. World Tonite – 3:38 (Glen Burtnik)
  8. Carrie Ann – 4:26 (Dennis DeYoung)
  9. Homewrecker – 5:12 (Dennis DeYoung, James Young)
  10. Back to Chicago – 4:18 (Dennis DeYoung)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti aggiunti

  • Howard Levy - armonica
  • Jo Pusateri - percussioni aggiunte
  • John Negus - clarinetto, sassofono
  • Mark Ohlsen - tromba
  • Mike Halpin - trombone
  • Dan Barber - tromba
  • Michael Smith - sassofono
  • Ron Kolber - sassofono baritono
  • John Negus e Max Bialystock - arrangiamento strumenti a fiato (brano: Back to Chicago)
  • Gary Fry - synclavier programming (brano: Love at First Sight)
  • Terry Fryer - sound collage (brano: Homewrecker)

Note aggiuntive

  • Dennis DeYoung - produttore
  • Registrato e mixato al Chicago Recording Company di Chicago, Illinois (Stati Uniti)
  • Phil Bonanno - ingegnere delle registrazioni
  • Chris Shepard - secondo ingegnere delle registrazioni
  • Pinky - ingegnere delle registrazioni aggiunto e sequencing nel brano: Love Is the Ritual al Trax East, South River, New Jersey
  • Masterizzazione a cura di Ted Jensen al Sterling Sound
  • Hugh Syme - art direction, design
  • Marc Hauser - fotografia
  • Ron Weisner Entertainment - management[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Edge of the Century – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) Brian Mansfield, Edge of the Century, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'8 agosto 2017.
  3. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 789
  4. ^ [1]
  5. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 954
  6. ^ [2]
  7. ^ [3]
  8. ^ [4]
  9. ^ Note di copertina di Edge of the Century, Styx, A&M Records 75021 5327 2, 1990.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock