Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ed Dueim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ed Dueim
città
Localizzazione
Stato Sudan Sudan
Stato (wilāya) Nilo Bianco
Territorio
Coordinate 14°00′00″N 32°19′00″E / 14°N 32.316667°E14; 32.316667 (Ed Dueim)Coordinate: 14°00′00″N 32°19′00″E / 14°N 32.316667°E14; 32.316667 (Ed Dueim)
Altitudine 378 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudan
Ed Dueim
Ed Dueim

Ed Dueim ( anche ad-Duwaym, الدويم ) è una grande città,[1] fra le più popolose situate sulle sponde del Nilo Bianco in Sudan. Si trova nello stato sudanese del Nilo Bianco. La città è conosciuta per il suo rinomato istituto pedagogico per la formazione di professori e maestri: il Bakht El Ruda.

Ed Dueim è una delle più importanti città del Sudan e gioca un ruolo chiave nella promozione dell'istruzione attraverso tutto quanto il suo territorio. L'istituto pedagogico di Bakht el Ruda, che ha sede nella zona nord di Ed Dueim, ha sfornato personaggi e pedagoghi di grande importanza, molti dei quali hanno contribuito enormemente allo sviluppo del moderno Sudan. In particolare l'istituto ha contribuito alla formazione di maestri e maestre con un corso biennale specifico chiamato "Al Sanatain", frequentato da studenti provenienti da tutte le regioni del Sudan così come dagli stati confinanti.

Clima[2][modifica | modifica wikitesto]

Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 31,3 33,2 37,3 40,1 41,2 39,5 36,2 34,6 36,5 38,1 35,4 32,2 32,2 39,5 36,8 36,7 36,3
T. mediaC) 23,8 25,5 28,7 31,7 32,9 32,4 30,6 29,1 30,2 31,2 28,2 25,1 24,8 31,1 30,7 29,9 29,1
T. min. mediaC) 16,3 17,7 20,0 23,4 24,3 25,3 25,0 23,6 23,9 24,3 21,0 17,9 17,3 22,6 24,6 23,1 21,9
Precipitazioni (mm) 0,0 0,0 0,1 0,1 5,8 22,1 65,8 99,6 38,1 5,2 0,4 0,0 0,0 6,0 187,5 43,7 237,2
Umidità relativa media (%) 31 26 22 21 26 36 51 58 50 39 30 34 30,3 23 48,3 39,7 35,3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ encyclopedia.com, verso la fine della sezione "Socialization".
  2. ^ climate-charts.com. URL consultato il 12 aprile 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]