Eccesso enantiomerico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'eccesso enantiomerico di una sostanza chimica misura il livello di purezza della stessa. Come impurità, in questo caso, è considerato l'altro enantiomero del composto chirale. Il valore è fondamentale per misurare l'enantioselettività, e quindi l'efficacia, di una sintesi asimmetrica.

Definizione e misurazione[modifica | modifica wikitesto]

L'eccesso enantiomerico è definito come la differenza assoluta fra le frazioni molari dei due enantiomeri.[1]

Può essere espresso anche in forma di percentuale; comunemente, se è nota la quantità dei singoli enantiomeri prodotti (R e S), l'eccesso enantiomerico si calcola utilizzando:

Ad esempio, se il prodotto contiene 70% dell'isomero R e 30% dell'isomero S, l'eccesso enantiomerico sarà del 40%.


Inoltre, è possibile correlare in modo semplice l'eccesso enantiomerico e il rapporto tra le concentrazioni dei due enantiomeri:

Rap rappresenta il rapporto tra le concentrazioni, che spesso viene indicato come rapporto tra due numeri naturali (es. 1:1 , 20:1 ) derivante dalla normalizzazione del rapporto tra le concentrazioni reali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) enantiomer excess (enantiomeric excess), in IUPAC Gold Book. URL consultato il 4 aprile 2012.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia