EarthBound

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
EarthBound
videogioco
EarthBound Box.jpg
Titolo originaleMother 2: Gyiyg no gyakushu
PiattaformaSuper Nintendo, Game Boy Advance, Wii U, Nintendo 3DS
Data di pubblicazioneSNES:
Giappone 1994
Flags of Canada and the United States.svg 1995

Virtual Console:
Giappone 20 marzo 2013
Mondo/non specificato 18 luglio 2013

GenereVideogioco di ruolo
TemaFantasy
OrigineGiappone
SviluppoNintendo, Ape Inc., HAL Laboratory
PubblicazioneNintendo
DesignShigesato Itoi
SerieEarthbound
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad
SupportoCartuccia
Distribuzione digitaleVirtual Console
Preceduto daEarthBound Beginnings
Seguito daMother 1 + 2 (Remake)
Mother 3

EarthBound (titolo originale Mother 2: Gyiyg no gyakushu, ovvero "Mother 2: il contrattacco di Gyiyg" o per meglio dire "Gyiyg colpisce ancora") è un videogioco di genere GdR pubblicato per Super Nintendo nel 1994 in Giappone e l'anno successivo negli Stati Uniti. Il gioco è stato realizzato in gran parte da Shigesato Itoi, autore anche del predecessore EarthBound Beginnings (1989).

Il gioco è stato pubblicato come aggiunta nella raccolta per Game Boy Advance Mother 1 + 2 distribuita solo in Giappone. Nel 2013 è stata distribuita tramite il Nintendo eShop del Wii U anche la versione europea del gioco. Il gioco ha ricevuto un seguito chiamato Mother 3. Il gioco è inoltre presente nelle versioni americane ed europee del Nintendo Classic Mini: Super Nintendo Entertainment System.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un meteorite precipita nelle vicinanze di Onett, una piccola cittadina nel paese di Eagleland, un'allegoria degli Stati Uniti d'America. Il giovane Ness (nome di default, è possibile cambiarlo), 13 anni, viene svegliato dal frastuono e si reca ad indagare; ben presto si trova a fare la conoscenza di Buzz Buzz, un essere proveniente dal futuro con l'aspetto di un'ape. Buzz Buzz rivela a Ness che 10 anni nel futuro un'entità maligna chiamata Giygas ("Gyiyg" nella versione giapponese) ha assoggettato il mondo, e Ness assieme ad altri tre ragazzi è l'unica speranza che possa scongiurare una catastrofe cosmica. Ness dovrà sfruttare i suoi poteri psichici e la sua fida mazza da baseball per trovare gli altri tre prescelti e assieme a loro sconfiggere Giygas, in un'avventura che lo porterà a fare il giro del mondo e affrontare una numerosa serie di prove, che vanno dal liberare una cittadina dai teppisti a debellare una bizzarra setta, dall'aiutare la misteriosa popolazione dei Mr.Saturn al ripulire una cittadina infestata da fantasmi e zombi, e nel contempo ricercare otto locazioni definite "Santuari" allo scopo di ricomporre una misteriosa melodia che potrebbe essere determinante nella lotta contro Giygas.

Ness e gli altri visiteranno Stonehenge (al di sotto della quale si trova la base segreta degli Starmen, gli scagnozzi di Giygas), il complesso delle piramidi e della Sfinge (la Sfinge parla e rivela che le piramidi erano state costruite in un lontano passato per fronteggiare gli invasori, che ciclicamente tornano ogni millennio), incontreranno il mostro di Loch Ness, qui trasfigurato in un essere viola chiamato "Tessie" che vive in un lago, si batteranno contro il Kraken, e per finire troveranno nel sottosuolo un mondo in cui i dinosauri sono ancora vivi e vegeti.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto da GdR di EarthBound ha similarità con quello di altre serie più note quali Dragon Quest (almeno gli episodi del periodo 8-16 bit), ma le avventure di Ness e amici si svolgono nel presente (nell'anno "199X"). Gli eroi adoperano oggetti prosaici quali mazze da baseball, padelle, yo-yo e fionde, mentre le classiche magie sono state sostituite da poteri psichici dagli effetti analoghi (attacco, difesa e cura). Il denaro inoltre non viene ottenuto eliminando mostri, ma viene dal padre del protagonista, che periodicamente gli rimpingua il conto in banca, dal quale si potrà ricavare denaro attraverso i bancomat sparsi per quasi tutti i negozi del mondo.

L'elenco delle armi ha già messo in evidenza un'altra delle caratteristiche del gioco, l'ironia. A fare da contraltare alla trama di stampo epico dei ragazzini che da soli devono salvare l'universo, il gioco è ricco di dialoghi bizzarri, battute, personaggi non giocanti singolari, situazioni paradossali (ad esempio la morte di Buzz Buzz, in grado di sconfiggere nemici venuti dal futuro ma schiacciato dalla madre di Porky, che lo aveva scambiato per una mosca), nemici strani e in generale avvenimenti inaspettati.

Non esistono incontri casuali: tutti i nemici sono sempre ben visibili sull'area di gioco. Ciò può tramutarsi in un vantaggio come in uno svantaggio per il giocatore: se riesce ad ingaggiare battaglia con un nemico prendendolo alla sprovvista, ad esempio avvicinandosi a lui da dietro o di lato, lo schermo si colorerà di verde e sarà data al giocatore la possibilità di effettuare la prima mossa, oltre che un 100% di possibilità di riuscita della fuga. Se invece sarà un nemico a cogliere alla sprovvista i personaggi presenti sul campo di gioco, lo schermo diventerà rosso e sarà il nemico a colpire per primo. Se nemici e giocatore si fronteggiano normalmente, lo schermo diventerà grigio e il primo ad attaccare sarà chi ha un valore più alto dell'attributo velocità.

La schermata dei combattimenti è molto simile a quella di Dragon Quest, in cui vengono visualizzati solo i nemici, visti frontalmente e le varie mosse da eseguire e item da utilizzare si possono scegliere attraverso dei menù.

Un altro elemento decisamente originale relativo ai combattimenti è la rappresentazione del contatore di punti vita e punti psichici, che ricorda un odometro. In sintesi, quando si viene colpiti o si utilizzano punti psichici, il numero che rappresenta la vitalità/i punti psichici non cambia immediatamente, ma le cifre scorrono come se si trattasse di un contatore meccanico. Ciò rappresenta in parte un vantaggio per il giocatore, dato che anche nel caso in cui riceva un colpo mortale, se riesce a terminare la battaglia prima che il contatore raggiunga 0, il personaggio sarà salvo, con un ammontare di energia pari al numero raggiunto dal contatore. D'altra parte questa situazione genera anche momenti di frenesia, quando ad esempio si cerca di far passare velocemente i turni in modo da poter usare un item curativo prima che il contatore segni 0.

Inoltre, oltre agli stati d'alterazione standard tipici di tutti i GDR (sonno, confusione, avvelenamento...), che possono essere ottenuti in battaglia o causati da qualche item o condizione dello scenario, ne sono stati aggiunti alcuni decisamente atipici: la diamantizzazione (Diamondized), che equivale a una sorta di morte cerebrale, in quanto il personaggio è vivo ma trasformato in una statua di diamante che non è in grado di fare alcunché; la "funghizzazione" (Mashroomized), in cui al personaggio spunta un fungo sulla testa che gli fa invertire i controlli nell'area di gioco e causa confusione in battaglia; la possessione (Possessed) in cui un piccolo fantasma segue i personaggi e talvolta interferisce in battaglia.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Per l'edizione americana sono state fatte alcune modifiche al gioco originale giapponese, che comprendono inoltre alcuni elementi modificati per motivi culturali. Ad esempio quando Ness arriva a Magicant, la zona che rappresenta il suo subconscio, in originale è nudo, nella versione USA è in pigiama; le menzioni di bevande alcooliche sono sostituite con nomi di bevande non alcooliche (l'esempio più eclatante è quello dell'uomo d'affari che annega i suoi dispiaceri nel cappuccino).

Halloween Hack[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 uscì una hack, rinominata Halloween Hack, da utilizzare sulla ROM per Pc del gioco: la hack, creata da Toby Fox, creatore del celeberrimo videogioco indipendente Undertale, permette di combattere contro il Dr. Andonuts. La musica della battaglia, Megalovania, è un prodotto originale di Fox ed è utilizzata anche nello webcomic Homestuck e nel sopracitato Undertale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi