ESO 243-49

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ESO 243-49
Galassia a spirale
ESO 243-49 (HST).jpg
ESO 243-49
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneFenice
Ascensione retta01h 10m 27.7s
Declinazione-46° 04′ 27″
Distanza287 milioni a.l.  
Magnitudine apparente (V)15.0
Dimensione apparente (V)1',06 x 0',30
Redshiftz = 0,022395
Velocità radiale6.714 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia a spirale
Altre designazioni
PGC 4181, 2MASX J01102774-4604274
Mappa di localizzazione
ESO 243-49
Phoenix IAU.svg
Categoria di galassie a spirale

Coordinate: Carta celeste 01h 10m 27.7s, -46° 04′ 27″

ESO 243-49 è una galassia a spirale (S0-a) situata nella costellazione della Fenice alla distanza di oltre 280 milioni di anni luce dalla Terra. Fa parte di un piccolo gruppo di galassie denominato HDCE 0050 che a sua volta è uno dei componenti dell'ammasso di galassie Abell 2877, uno dei membri che costituiscono il Superammasso della Fenice (SCl 018). Nel 2012 il Telescopio spaziale Hubble ne ha raccolto una bella immagine in cui si presenta di taglio (edge-on)[1].

Inoltre lungo il piano galattico, con osservazioni effettuate nel 2004 dal telescopio spaziale XMM-Newton, è stata individuata una fonte di emissioni di raggi X che corrisponde ad un buco nero di massa intermedia stimato in 20.000 masse solari e denominato HLX-1, acronimo di Hyper-Luminous X-ray source 1[2]. La presenza intorno al buco nero di un ammasso di giovani stelle e variazioni di luminosità dell'area non imputabile allo stesso ammasso, portano a concludere che il buco nero è quanto resta del buco nero centrale di una galassia nana entrata in collisione con ESO 243-49[3]. Queste giovani stelle si sono formate a seguito dello scontro tra le due galassie che si stima sia avvenuto meno di 200 milioni di anni fa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hubble Space Telescope - News, su hubblesite.org. URL consultato il 21 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2016).
  2. ^ Black Hole Came from a Shredded Galaxy, in www.cfa.harvard.edu/, 2 ottobre 2013. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  3. ^ (EN) S. A. Farrell, M. Servillat e J. Pforr, A Young Massive Stellar Population around the Intermediate-mass Black Hole ESO 243-49 HLX-1, in The Astrophysical Journal Letters, vol. 747, n. 1, 1º gennaio 2012, pp. L13, DOI:10.1088/2041-8205/747/1/L13. URL consultato il 21 dicembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari