Elf Aquitaine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da ELF Aquitaine)
Elf Aquitaine
Logo
Stato Francia Francia
Fondazione 1966 come ERAP
Chiusura 2000 (fusione in Total Fina)
Sede principale Parigi
Settore Petrolifero
Prodotti ricerca, estrazione, raffinazione e distribuzione del petrolio

La Elf Aquitaine è stata un'azienda francese di ricerca, estrazione, raffinazione e distribuzione del petrolio che nel 2000 si è fusa con il gruppo Total Fina e ha formato l'azienda TotalElfFina, divenuto Total nel 2003. Il gruppo è stato anche al centro di uno scandalo per frode e tangenti venuto alla luce nel 1994 il quale, per il quotidiano The Guardian, è stato "la più grande inchiesta per frode in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale [...], Elf era diventata una banca privata per i governi che aveva speso 200 milioni di sterline in favori ai politici, amanti, gioielleria, opere d'arte, ville e appartamenti"[1]. Gli avvenimenti contestati riguardavano un sistema consolidato di tangenti elargite negli anni '80 e '90[2].

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Le tre società che diedero origine ad Elf Aquitaine furono:

  • la Régie autonome des pétroles (RAP), fondata il 29 luglio 1939 per sfruttare i giacimenti di gas naturale di Saint-Marcet in Alta Garonna;
  • la Société nationale des pétroles d'Aquitaine (SNPA), creata a seguito di una legge del 10 novembre 1941;
  • il Bureau de recherche de pétrole (BRP), fondato nel 1945.

La RAP, la SNPA et le BRP si fusero nel 1966 per dare origine all'ERAP (denominato Elf-RAP dal 1967 al 1976), che il 1º settembre 1976 divenne la Société Nationale Elf Aquitaine (SNEA). Il marchio ELF fu creato il 27 aprile 1967.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La Renault sponsorizzata Elf del 1979

Il nome della ditta è legato anche al mondo dei motori, della Formula 1 e della 24 Ore di Le Mans in particolare, sponsorizzando piloti francesi, la scuderia Tyrrell, e come fornitore di carburante e sponsor di tutte le vetture con motore Renault (ad esempio Lotus, Williams, Benetton) tra cui ovviamente la stessa scuderia Renault. È stata anche fornitrice di carburante e titolare di una squadra, denominata team Elf, che ha partecipato alle gare del motomondiale negli anni ottanta (con le moto derivate dal prototipi Elf X)[3][4][5] e negli anni novanta con la Elf 500.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ observer.guardian.co.uk, https://web.archive.org/web/20071112050032/http://observer.guardian.co.uk/iraq/story/0,,1086486,00.html . (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2007).
  2. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/*/http://archiviostorico.corriere.it/2002/febbraio/05/scandalo_Elf_incombe_sul_voto_co_0_0202057602.shtml . (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Articolo su motorcyclespecs.co.za, motorcyclespecs.co.za. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  4. ^ Le Honda Elf e la GP 500 del 1986 [VIDEO Amarcord], omnimoto.it. URL consultato il 19 maggio 2017.
  5. ^ Team Elf 500 GP: un esperimento lungo 20 anni, omnimoto.it. URL consultato il 19 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende