Elf Aquitaine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da ELF Aquitaine)
Elf Aquitaine
Logo
StatoFrancia Francia
Forma societariasocietà anonima
Borse valoriEuronext: AQ
Fondazione1966 (come ERAP)
Fondata daRAP e BRP
Chiusura2000 (acquisizione da parte di TotalFina)
Sede principaleCourbevoie
GruppoStato francese (1966-1994)
Total (dal 2000)
SettoreIndustria petrolifera
ProdottiPetrolio, Carburante, Lubrificante
Sito web
Genealogia della Total.
Una stazione di rifornimento "Elf" nel 2008.

La Elf Aquitaine è stata un'azienda francese di ricerca, estrazione, raffinazione e distribuzione del petrolio che nel 2000 si è fusa con il gruppo Total Fina e ha formato l'azienda TotalElfFina, divenuto Total nel 2003. Il gruppo è stato anche al centro di uno scandalo per frode e tangenti venuto alla luce nel 1994 il quale, per il quotidiano The Guardian, è stato "la più grande inchiesta per frode in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale [...], Elf era diventata una banca privata per i governi che aveva speso 200 milioni di sterline in favori ai politici, amanti, gioielleria, opere d'arte, ville e appartamenti"[1]. Gli avvenimenti contestati riguardavano un sistema consolidato di tangenti elargite negli anni '80 e '90[2].

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Le tre società che diedero origine ad Elf Aquitaine furono:

La RAP e la BRP si fusero nel 1966 per dare origine all'Entreprise de recherches et d'activités pétrolières (ERAP, denominata Elf-RAP dal 1967 al 1976), che il 1º settembre 1976 si fuse con la SNPA e divenne la Société Nationale Elf Aquitaine (SNEA, denominata Elf Aquitaine). Il marchio "Elf" fu creato il 27 aprile 1967.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La Renault sponsorizzata Elf del 1979

Il nome della ditta è legato anche al mondo dei motori, della Formula 1 e della 24 Ore di Le Mans in particolare, sponsorizzando piloti francesi, la scuderia Tyrrell, e come fornitore di carburante e sponsor di tutte le vetture con motore Renault (ad esempio Lotus, Williams, Benetton) tra cui ovviamente la stessa scuderia Renault. È stata anche fornitrice di carburante e titolare di una squadra, denominata team Elf, che ha partecipato alle gare del motomondiale negli anni ottanta (con le moto derivate dal prototipi Elf X)[3][4][5] e negli anni novanta con la Elf 500.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ observer.guardian.co.uk, https://web.archive.org/web/20071112050032/http://observer.guardian.co.uk/iraq/story/0,,1086486,00.html. (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2007).
  2. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20131206205442/http://archiviostorico.corriere.it/2002/febbraio/05/scandalo_Elf_incombe_sul_voto_co_0_0202057602.shtml. (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2013).
  3. ^ Articolo su motorcyclespecs.co.za, su motorcyclespecs.co.za. URL consultato il 28 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2010).
  4. ^ Le Honda Elf e la GP 500 del 1986 [VIDEO Amarcord], su omnimoto.it. URL consultato il 19 maggio 2017.
  5. ^ Team Elf 500 GP: un esperimento lungo 20 anni, su omnimoto.it. URL consultato il 19 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]