ECW (WWE)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da ECW on SyFy)
ECW
Logo del programma
Anno 13 giugno 2006 - 16 febbraio 2010
Genere Wrestling
Durata 50 minuti
Produttore World Wrestling Entertainment
Presentatore Matt Striker e Todd Grisham (in lingua originale)
Fabrizio Redaelli e Michele Posa (in lingua italiana)
Regia Paul Heyman e Vince McMahon
Rete SyFy Channel (negli USA)
Sky Sport 2 (in Italia)
Sito web Cancellato

ECW è stato un programma televisivo di wrestling prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE) che, insieme a Raw e SmackDown!, fu anche uno dei tre brand/roster della WWE; era basato sullo stile e sui personaggi della Extreme Championship Wrestling (ECW), federazione di wrestling attiva tra il 1992 e il 2001.

Debuttò ufficialmente il 13 giugno 2006, subito dopo il pay-per-view One Night Stand, con un programma a cadenza settimanale.[1] La sigla di apertura era Don't question my heart dei Saliva e Berent Smith.

Veniva trasmesso su SyFy negli Stati Uniti, X-Treme Sports e Global in Canada, Sky Sports 3 nel Regno Unito e nella Repubblica d'Irlanda, SKY Sport 2 in Italia, Première in Germania, FX Latin America in America Latina, Ten Sports in India, Astro Supersport in Malesia, Solar Sports e Jack TV nelle Filippine, FOX8 in Australia, SKY 1 in Nuova Zelanda, E.tv in Sudafrica e SIC Radical in Portogallo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima ECW[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Extreme Championship Wrestling.

Nel 1992 l'imprenditore Tod Gordon fondò la Eastern Championship Wrestling (ECW), federazione indipendente di wrestling attiva nella zona del nord-est degli Stati Uniti. La ECW raggiunse un grande successo di pubblico quando il suo successore, Paul Heyman, ne cambiò il nome in Extreme Championship Wrestling (ECW), determinando anche un cambiamento radicale nello stile di lotta, più incentrato sull'hardcore wrestling, e nella tipologie di storylines.

Il fallimento[modifica | modifica wikitesto]

La ECW fallì nel giugno del 2001, quando il suo fondatore, Paul Heyman, dichiarò bancarotta. Nel 2003 la World Wrestling Entertainment (WWE), federazione di wrestling con sede a Stamford (Connecticut), acquisì tutti i diritti sul marchio ECW e sui suoi archivi video. I filmati vennero utilizzati per realizzare un doppio DVD, intitolato The Rise and Fall of ECW, pubblicato nel novembre del 2004 e contenente un documentario sulla storia della ECW. Questo DVD divenne il secondo più venduto nella storia del wrestling, alle spalle di quello dedicato a WrestleMania XX.

WWE One Night Stand[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: WWE One Night Stand.

Sulla scia del grande successo ottenuto dal DVD The Rise and Fall of ECW, la World Wrestling Entertainment (WWE) decise di organizzare l'evento WWE One Night Stand, un pay-per-view commemorativo incentrato sulla ECW. Lo show si tenne il 12 giugno 2005 all'Hammerstein Ballroom di New York. L'organizzazione dello show venne affidata quasi completamente a Paul Heyman e Tommy Dreamer. Il primo spot pubblicitario dedicato all'evento venne trasmesso nel corso della puntata di Raw del 19 maggio 2005. I fan temevano di trovarsi di fronte ad uno show molto lontano dai canoni della ECW classica, tuttavia non rimasero delusi e One Night Stand venne giudicato uno dei migliori pay-per-view dell'anno. Nel 2006 la WWE decise di produrre nuovamente il pay-per-view.

La rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2006 il proprietario della World Wrestling Entertainment (WWE), Vince McMahon, annunciò che l'ECW sarebbe tornata ad avere un suo show indipendente, ovviamente sempre sotto la proprietà della WWE. La federazione di Stamford iniziò subito la ricerca di veterani della vecchia ECW, come Axl Rotten, Sabu, Terry Funk, Francine e The Sandman; a loro si aggiunsero anche lottatori già presenti in WWE, tra cui Tazz e Rob Van Dam, Kurt Angle e Big Show, e lottatori di federazioni indipendenti, ad esempio CM Punk. Le trasmissioni sul suolo statunitense iniziarono il 12 giugno 2006, dopo i pay-per-view WWE vs. ECW: Head to Head ed ECW One Night Stand 2006. La ECW divenne quindi il terzo roster della WWE, andando ad affiancare Raw e SmackDown!. A capo del brand c'erano l'ex proprietario Paul Heyman ed il suo "allievo" Tommy Dreamer.

Il ruolo di Paul Heyman, però, divenne sempre meno importante con lo scorrere dei mesi, e la guida del nuovo roster passò gradualmente nelle mani del proprietario della WWE, Vince McMahon. Quest'ultimo cambiò radicalmente la ECW, andando ad eliminare gli extreme-rules match (incontri nei quali non sono previste né squalifiche né count-out), vero e proprio marchio di fabbrica del brand, poiché considerati troppo violenti. La nuova ECW stava ormai diventando completamente diversa da quella originale.

Il 3 dicembre 2006 si tenne il primo evento in pay-per-view della nuova ECW, December to Dismember; lo show, svoltosi alla James Brown Arena di Augusta (Georgia), ha avuto un Elimination Chamber match valido per l'ECW World Heavyweight Championship come main-event. Ad aggiudicarsi il titolo è stato Bobby Lashley, che ha sconfitto Rob Van Dam, CM Punk, Test, Hardcore Holly ed il campione in carica Big Show.

Il prodotto, però, non soddisfava appieno i fan, né quelli storici della ECW originale né quelli nuovi che non conoscevano la federazione di Paul Heyman. Pochi giorni dopo December to Dismember, Paul Heyman venne allontanato dalla ECW da parte di Vince McMahon, principalmente a causa delle forti differenze di vedute tra i due su come gestire gli show del brand.

A partire da Backlash 2007 gli atleti della ECW poterono partecipare a tutti i pay-per-view della WWE.

Il 1º aprile 2007 i wrestler della ECW hanno partecipato per la prima volta al maggiore evento della WWE, WrestleMania. I lottatori impegnati sono stati gli ECW Originals (Rob Van Dam, Sabu, Tommy Dreamer e The Sandman), il New Breed (Elijah Burke, Kevin Thorn, Marcus Cor Von e Matt Striker), CM Punk ed il campione Bobby Lashley.

Un mese dopo, al pay-per-view Backlash, l'ECW World Heavyweight Championship è stato conquistato dal proprietario della WWE, Vince McMahon, che ha schienato il campione in carica Bobby Lashley grazie all'aiuto del figlio Shane McMahon e di Umaga. Al pay-per-view One Night Stand 2007 Lashley ha sconfitto Mr. McMahon in uno street-fight match, riconquistando la cintura.

Nella draft-lottery del 2007 il campione in carica Bobby Lashley passò dalla ECW a Raw e fu costretto a rendere vacante il suo ECW World Heavyweight Championship. Per determinare il nuovo campione fu quindi indetto un torneo al quale parteciparono diversi wrestler. La finale sarebbe dovuta disputare il 24 giugno 2007 al pay-per-view Vengeance: Night of Champions, con il match tra CM Punk e Chris Benoit; tuttavia quest'ultimo non presenziò all'evento ed il suo posto fu preso da Johnny Nitro, il quale sconfisse CM Punk laureandosi nuovo ECW World Heavyweight Champion. Johnny Nitro, che nel frattempo cambiò il suo ring name in John Morrison, difese con successo il titolo in diverse occasioni, ma fu costretto a capitolare contro CM Punk nel corso della puntata di ECW on SyFy del 1º settembre.

Il set della ECW utilizzato nel 2008.

Il 16 ottobre 2007 venne ufficializzato un accordo tra il General manager di SmackDown! e quello della ECW, che permise agli atleti dei due roster di combattere in entrambi gli show (kayfabe). Per questo motivo Chavo Guerrero poté sfidare CM Punk in un match valido per il titolo, sconfiggendolo. Chavo perse la cintura in favore di Kane a WrestleMania XXIV. Nello stesso pay-per-view CM Punk ha vinto il Money in the Bank ladder match, diventando il primo atleta di questo roster a riuscire nell'impresa. Il 6 maggio 2008 si è svolta la puntata numero 100 dello show.

Nella draft-lottery del 2008 il campione in carica Kane passò dalla ECW a Raw, portando con sè il suo titolo, lasciando la ECW senza cinture. Tuttavia, al pay-per-view Night of Champions Mark Henry sconfisse Kane e riportò l'ECW World Heavyweight Championship nel brand "estremo". Ad agosto il manager di Mark Henry, Theodore Long, presentò al suo protetto la nuova versione argentata del titolo ECW, definendola Silver Version.

La chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di ECW on SyFy del 23 febbraio 2010, Vince McMahon annunciò pubblicamente che la ECW avrebbe lasciato il posto ad un nuovo show chiamato WWE NXT (Next Generation o Next Evolution), dedicato alla vita dentro e fuori dal ring delle superstar provenienti dalla Florida Championship Wrestling (FCW), federazione satellite della WWE. Tutti i wrestler della ECW vennero quindi smistati a Raw e SmackDown!, mentre l'ECW World Heavyweight Championship venne ritirato. Nell'ultima puntata dello show ECW vennero annunciati i nomi degli atleti che avrebbero preso parte alla prima stagione di NXT.

Campioni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestler Volte Data Località Note
Rob Van Dam 1 13 giugno 2006 Trenton Fu premiato con il titolo ECW da Paul Heyman per aver vinto il WWE Championship contro John Cena.
Big Show 1 4 luglio 2006 Philadelphia Vinse il titolo in un extreme-rules match contro Rob Van Dam. Durante il suo regno il nome della cintura fu cambiato in ECW World Championship.
Bobby Lashley 1 3 dicembre 2006 Augusta Vinse il titolo in un Elimination Chamber match a cui presero parte anche Rob Van Dam, Hardcore Holly, Test, CM Punk ed il campione in carica Big Show.
Mr. McMahon 1 29 aprile 2007 Atlanta Vinse il titolo schienando Bobby Lashley in un 3-on-1 Handicap match a cui presero parte anche Shane McMahon ed Umaga.
Bobby Lashley 2 3 giugno 2007 Jacksonville Vinse il titolo in uno street-fight match contro Mr. McMahon, ma fu costretto a renderlo vacante dopo il suo passaggio a Raw nella draft-lottery del 2007.
John Morrison 1 24 giugno 2007 Houston Vinse il titolo nella finale di un torneo, tenutasi a Vengeance: Night of Champions, contro CM Punk. John Morrison sostituì Chris Benoit, dato che quest'ultimo non presenziò all'evento.
CM Punk 1 1º settembre 2007 Cincinnati Vinse il titolo nella puntata di ECW on SyFy del 4 settembre 2007, sconfiggendo John Morrison.
Chavo Guerrero 1 22 gennaio 2008 Charlottesville Vinse il titolo in un No-disqualification match nella puntata di ECW on SyFy del 22 gennaio 2008, sconfiggendo CM Punk. Prima del match Chavo Guerrero era un lottatore di SmackDown!, ma con la conquista della cintura venne spostato permanentemente nel roster della ECW.
Kane 1 30 marzo 2008 Orlando Vinse il titolo a WrestleMania XXIV, sconfiggendo Chavo Guerrero in un match durato otto secondi.
Mark Henry 1 29 giugno 2008 Dallas Vinse il titolo a Night of Champions in un triple threat match a cui presero parte anche Big Show ed il campione in carica Kane.
Matt Hardy 1 7 settembre 2008 Cleveland Vinse il titolo ad Unforgiven 2008 in un Championship Scramble match.
Jack Swagger 1 13 gennaio 2009 Sioux City Vinse il titolo nella puntata di ECW on SyFy del 13 gennaio 2009, sconfiggendo Matt Hardy.
Christian 1 26 aprile 2009 Providence Vinse il titolo a Backlash, sconfiggendo Jack Swagger.
Tommy Dreamer 1 7 giugno 2009 New Orleans Vinse il titolo a Extreme Rules, sconfiggendo Christian.
Christian 2 26 luglio 2009 Philadelphia Vinse il titolo a Night of Champions, sconfiggendo Tommy Dreamer.
Ezekiel Jackson 1 16 febbraio 2010 Kansas City Vinse il titolo sconfiggendo Christian in un extreme-rules match.
Reso inattivo 16 febbraio 2010 Kansas City Titolo disattivato in seguito alla chiusura della ECW.

General Manager[modifica | modifica wikitesto]

General Manager Data inizio Data fine
Paul Heyman 13 giugno 2006 4 dicembre 2006
Armando Estrada 14 agosto 2007 3 giugno 2008
Theodore Long 3 giugno 2008 7 aprile 2009
Tiffany 7 aprile 2009 16 febbraio 2010

Telecronisti[modifica | modifica wikitesto]

Telecronisti Periodo
Joey Styles e Tazz 2006 - 2008
Mike Adamle e Tazz 2008
Todd Grisham e Tazz 2008
Todd Grisham e Matt Striker 2008 - 2009
Josh Mathews e Matt Striker 2009
Josh Mathews e Byron Saxton 2009 - 2010

Annunciatori[modifica | modifica wikitesto]

Annunciatori Periodo
Justin Roberts 2006 - 2007
Tony Chimel 2007 - 2009
Lauren Mayhew 2009
Tony Chimel 2009
Savannah 2009 - 2010

Segmenti ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Segmento Periodo Presentatore Note
Kelly Exposè 2006 Kelly Kelly Kelly Kelly si esibisce in uno spogliarello.
Extreme Exposè 2007 Kelly Kelly, Brooke e Layla Kelly Kelly, Brooke e Layla ballano sulle note di una canzone diversa ogni settimana.
15 minutes of Fame 2007 John Morrison Chi riesce a battere John Morrison in meno di 15 minuti ottiene un match per valido per l'ECW World Heavyweight Championship. Terminato con la vittoria di CM Punk.
Dirt Sheet 2007 - 2008 John Morrison e The Miz Show speciale condotto da John Morrison e The Miz.
Peep Show 2009 Christian Show speciale condotto da Christian.
Abraham Washington Show 2009 - 2010 Abraham Washington e Tony Atlas Show speciale condotto da Abraham Washington e Tony Atlas.

Puntate speciali[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Puntata Data Note
Best of ECW 2006 26 dicembre 2006 Puntata che raccoglie i migliori avvenimenti del 2006.
Best of ECW 2007 25 dicembre 2007 Puntata che raccoglie i migliori avvenimenti del 2007.
ECW 100th episode 6 maggio 2008 Puntata numero 100 dello show ECW.

Incontri speciali[modifica | modifica wikitesto]

ECW Homecoming[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 dicembre 2009 il General manager della ECW, Tiffany, annunciò vari match inter-brand a cui avrebbero preso parte solamente i wrestler che avevano militato nella ECW in passato. I vincitori avrebbero partecipato ad una ECW Homecoming battle royal che avrebbe stabilito l'avversario di Christian per l'ECW World Heavyweight Championship alla Royal Rumble. Il vincitore della battle royal fu Ezekiel Jackson.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ WWE brings ECW to Sci Fi Channel, WWE.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling