E-Prix di Buenos Aires 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Argentina E-Prix di Buenos Aires 2015
Gara 4 di 11 del
Campionato 2014-2015
Buenos Aires Formula e.svg
Data 10 gennaio 2015
Luogo Buenos Aires, Argentina
Percorso 2,407 km / 1,496 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Distanza 35 giri
Pole position Giro più veloce
Svizzera Sébastien Buemi Regno Unito Sam Bird
e.dams Renault in 1:09.134 Virgin Racing in 1:11.540
(nel giro 29 di 35)
Podio
1. Portogallo António Félix da Costa
Amlin Aguri
2. Francia Nicolas Prost
e.dams Renault
3. Brasile Nelson Piquet Jr.
China Racing
Cronologia
Campionato 2014-2015
E-Prix precedente
E-Prix di Punta del Este 2014
E-Prix successivo
E-Prix di Miami 2015
E-Prix di Buenos Aires
Edizione precedente
N.D.
Edizione successiva
E-Prix di Buenos Aires 2016

L'E-Prix di Buenos Aires 2015 è stata la quarta prova del campionato di Formula E 2014-2015 e si è svolta il 10 gennaio 2015. La gara è stata vinta da António Félix da Costa, che conquista così la prima vittoria nella serie per sé e per il team Amlin Aguri.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

Ho-Pin Tung torna al volante per il team China Racing dopo che a Punta del Este era stato sostituito da Antonio García. Nel team Amlin Aguri viene confermato Salvador Durán al posto di Katherine Legge. Infine il team Andretti conferma Vergne e chiama al suo fianco Marco Andretti che sostituisce Matthew Brabham. A partire dal 23 dicembre 2014 Franck Montagny viene sospeso dalla FIA essendo risultato positivo alla benzoilecgonina (metabolita della cocaina), in un test antidoping effettuato a Putrajaya.[1]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifiche[2] si è avuta la seguente situazione. Jarno Trulli non ha fatto segnare alcun tempo cronometrato a causa di un impatto con le barriere durante il primo tentativo.

Pos. Pilota Squadra Tempo Distacco Griglia
1 9 Svizzera Sébastien Buemi e.dams Renault 1:09.134 1
2 3 Spagna Jaime Alguersuari Virgin Racing 1:09.161 +0.027 2
3 23 Germania Nick Heidfeld Venturi 1:09.367 +0.233 3
4 2 Regno Unito Sam Bird Virgin Racing 1:09.388 +0.254 4
5 11 Brasile Lucas Di Grassi Audi Sport ABT 1:09.521 +0.387 5
6 27 Francia Jean-Éric Vergne Andretti Autosport 1:09.527 +0.393 6
7 8 Francia Nicolas Prost e.dams Renault 1:09.636 +0.502 7
8 55 Portogallo António Félix da Costa Amlin Aguri 1:09.658 +0.524 8
9 99 Brasile Nelson Piquet Jr. China Racing 1:09.742 +0.608 9
10 5 India Karun Chandhok Mahindra Racing 1:09.875 +0.741 10
11 30 Francia Stéphane Sarrazin Venturi 1:10.165 +1.031 11
12 66 Germania Daniel Abt Audi Sport ABT 1:10.329 +1.195 12
13 6 Spagna Oriol Servià Dragon Racing 1:10.588 +1.454 13
14 28 Stati Uniti Marco Andretti Andretti Autosport 1:10.713 +1.579 14
15 88 Cina Ho-Pin Tung China Racing 1:11.049 +1.915 15
16 23 Messico Salvador Durán Amlin Aguri 1:11.331 +2.197 16
17 18 Italia Michela Cerruti Trulli 1:11.785 +2.651 17
18 7 Belgio Jérôme d'Ambrosio Dragon Racing 1:12.239 +3.105 18
19 21 Brasile Bruno Senna Mahindra Racing 1:13.209 +4.075 19
Tempo limite 107%: 1:13.973
10 Italia Jarno Trulli Trulli senza tempo 20

Gara[modifica | modifica wikitesto]

I risultati della gara[2] sono i seguenti:

Pos. Pilota Squadra Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 55 Portogallo António Félix da Costa Amlin Aguri 35 48:52.100 8 25
2 8 Francia Nicolas Prost e.dams Renault 35 +5.354 7 18
3 99 Brasile Nelson Piquet Jr. China Racing 35 +8.552 9 15
4 3 Spagna Jaime Alguersuari Virgin Racing 35 +11.148 2 12
5 21 Brasile Bruno Senna Mahindra Racing 35 +11.535 19 10
6 27 Francia Jean-Éric Vergne Andretti Autosport 35 +13.319 6 8
7 2 Regno Unito Sam Bird Virgin Racing 35 +13.617 4 8[3]
8 23 Germania Nick Heidfeld Venturi 35 +15.464 3 4
9 6 Spagna Oriol Servià Dragon Racing 35 +19.334 13 2
10 30 Francia Stéphane Sarrazin Venturi 35 +28.973 11 1
11 88 Cina Ho-Pin Tung China Racing 35 +1:12.858[4] 15
12 28 Stati Uniti Marco Andretti Andretti Autosport 34 +1 giro 14
13 66 Germania Daniel Abt Audi Sport ABT 33 Incidente 12
14 7 Belgio Jérôme d'Ambrosio Dragon Racing 33 +2 giri 18
Rit 10 Italia Jarno Trulli Trulli 30 Motore 20
Rit 11 Brasile Lucas Di Grassi Audi Sport ABT 26 Sospensione 5
Rit 9 Svizzera Sébastien Buemi e.dams Renault 23 Collisione 1 3[5]
Rit 18 Italia Michela Cerruti Trulli 20 Batteria 17
Rit 5 India Karun Chandhok Mahindra Racing 15 Sospensione 10
SQ 77 Messico Salvador Durán Amlin Aguri 35 +14.724 16

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) FIA Anti-Doping Disciplinary Committee Mr Franck Montagny – Decision notified on 24.03.2015 (PDF), su fia.com, Federazione Internazionale dell'Automobile, 26 marzo 2015. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2015).
  2. ^ a b (EN) Round 4 - Buenos Aires E-Prix FIA Formula E Championship Results Booklet (PDF), in fiaformulae.alkamelsystems.com. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  3. ^ 2 punti per il giro veloce.
  4. ^ Ho-Pin Tung è stato penalizzato di 35 secondi sul tempo di gara.
  5. ^ 3 punti per la pole position.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo