Dwarf Fortress

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Slaves to Armok: God of Blood - Chapter II: Dwarf Fortress
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows, macOS, Linux
Data di pubblicazione8 agosto 2006
GenereRoguelike, gestionale
TemaFantasy
SviluppoBay 12 Games
PubblicazioneBay 12 Games
IdeazioneTarn Adams
Modalità di giocoGiocatore singolo
SupportoDownload
Preceduto daSlaves to Armok: God of Blood

Slaves to Armok: God of Blood - Chapter II: Dwarf Fortress, noto semplicemente come Dwarf Fortress è un videogioco freeware ambientato in un universo fantasy che combina i generi roguelike e costruzione, ed è noto principalmente per la sua complessità e difficoltà. Il gioco si compone principalmente in due modalità: Fortress, nella quale il giocatore dovrà gestire una fortezza nanica, e Adventure, nella quale si vestiranno i panni di un personaggio che potrà liberamente spostarsi e agire nel mondo. Una terza modalità, Legends, permette di visionare dettagliatamente la storia del mondo.

Dwarf Fortress è modellato su un complesso motore fisico e usa come grafica il Code page 437, quindi solamente testo in diversi colori. Il gioco si sviluppa in mondi generati progressivamente completi di eventi e figure storiche. il gioco è programmato da Tarn Adams, con l'aiuto di suo fratello Zach Adams. Lo sviluppo iniziò nell'agosto del 2002: nel gennaio 2015 è stata distribuita la versione 0.40.24 del videogioco. Nel luglio del 2011 Tarn ha dichiarato che il gioco sarebbe stato il lavoro della sua vita e ha ipotizzato che sarebbero serviti altri 20 anni prima del completamento. Le donazioni dei fan sono l'unico sostegno economico al progetto.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Generazione del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha come prima fase la generazione di un mondo casuale; si può comunque intervenire nelle varie caratteristiche quali: dimensione, numeri di civiltà, numero di Titani e Megabestie, frequenza dei minerali, ferocia del mondo e quanto tempo il mondo deve essere simulato e sviluppato dal computer. I parametri avanzati permettono modifiche più specifiche. Il generatore utilizza inizialmente un algoritmo frattale per creare i rilievi del mondo, in seguito si procede con il generare le temperature, le piogge, il drenaggio del terreno, la vegetazione e la salinità. Questi valori andranno poi a determinare i biomi delle varie regioni. Infine si applica alle zone un tratto tra cattivo, neutrale o buono, e uno tra benigno, selvaggio o feroce. Dalle montagne vengono generati i fiumi e i torrenti con i rispettivi corsi e infine le popolazioni di animali selvaggi ed entità senzienti sono collocate.

A questo punto, con la fine della generazione fisica del mondo, il gioco procede col simulare quanto appena creato fino alla data prefissata.

Fortress mode[modifica | modifica wikitesto]

La modalità Fortress è la principale e dà il nome al gioco. Il giocatore deve scegliere una zona del mondo e pianificare una spedizione di sette nani decidendo le loro abilità e gli oggetti da portare. In seguito si dovrà gestire la fortezza facendo attenzione ai vari problemi quali assedi, imboscate, animali feroci, produzione di cibo, alcol (molto importante poiché è la principale bevanda dei nani), vestiario e oggetti vari. In questa modalità non esiste un vero e proprio obiettivo all'infuori di quello che il giocatore si prefigge; esistono invece molti modi, alcuni inaspettati, in cui è possibile perdere, da questo il motto del gioco "losing is fun", perdere è divertente.

Adventurer Mode[modifica | modifica wikitesto]

La modalità Adventurer mette il giocatore nei panni di un avventuriero: nano, umano o elfo. Sarà il giocatore a scegliere le caratteristiche (fisiche e mentali) del proprio personaggio e le sue abilità. Come per la modalità Fortress, lo scopo è quello di sopravvivere il più a lungo possibile. Sarà possibile completare missioni, che renderanno il personaggio famoso e gli permetteranno di radunare a sé un gruppo di compagni. Inoltre, condividendo il mondo di gioco con la modalità Fortress, è possibile trovare i propri vecchi avamposti caduti, ed esplorarli nuovamente. Il combattimento si basa su un completo sistema a turni, e offre al giocatore la possibilità di scegliere il punto preciso del nemico da attaccare e quale tipo di colpo sferrare. Questo permette varie scelte tattiche, come colpire i punti più scoperti dell'avversario per eliminarlo rapidamente o disarmare il nemico per poi finirlo con un singolo colpo alla testa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi