Duncan Hunter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Duncan Hunter
Duncan Hunter, official photo portrait, color.jpg

Membro della Camera dei Rappresentanti - California, distretto n.53
Durata mandato 3 gennaio 1993 - 3 gennaio 2009
Predecessore Distretto creato
Successore Duncan D. Hunter

Membro della Camera dei Rappresentanti - California, distretto n.45
Durata mandato 3 gennaio 1983 - 3 gennaio 1993
Predecessore Distretto creato
Successore Dana Rohrabacher

Membro della Camera dei Rappresentanti - California, distretto n.42
Durata mandato 3 gennaio 1981 - 3 gennaio 1983
Predecessore Lionel Van Deerlin
Successore Dan Lungren

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Firma Firma di Duncan Hunter

Duncan Lee Hunter (Riverside, 31 maggio 1948) è un politico statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della California dal 1981 al 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Riverside, dopo gli studi Hunter si arruolò nell'esercito e prestò servizio in Vietnam durante la guerra.

Entrato in politica con il Partito Repubblicano, nel 1980 Hunter si candidò alla Camera dei Rappresentanti contro il deputato democratico in carica Lionel Van Deerlin. Hunter riuscì a farsi eleggere e da allora venne riconfermato per altri tredici mandati, cambiando due volte distretto congressuale.

Nel 2008 Hunter non concorse per la rielezione, candidandosi invece alle elezioni presidenziali. La campagna elettorale di Hunter tuttavia fu infruttuosa e dopo i primi insuccessi nell'ambito delle primarie, annunciò il suo ritiro dalla competizione[1]. Il suo seggio al Congresso venne invece conquistato dal figlio Duncan D. Hunter.

Ideologicamente Hunter è considerato un repubblicano molto conservatore; nel 2005 fece scalpore la sua proposta di erigere un muro per separare gli Stati Uniti dal Messico al fine di combattere l'immigrazione clandestina[2] e criticò il Dipartimento della Sicurezza Interna, sotto l'amministrazione Bush, per aver pianificato la costruzione di solo metà delle 700 miglia di barriera di confine autorizzate dal Secure Fence Act del 2006.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Duncan Hunter Drops Out, The Huffington Post. URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2015).
  2. ^ «Un muro tra gli Usa e il Messico», Corriere della Sera. URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  3. ^ (EN) Border Fence Construction Not Moving Fast Enough for Rep. Hunter, New York Times. URL consultato il 10 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN63400767 · ISNI (EN0000 0004 3077 6125 · LCCN (ENn2004064467 · GND (DE1058825941 · WorldCat Identities (ENn2004-064467