Due figlie e altri animali feroci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Due figlie e altri animali feroci
Duefiglieealtrianimaliferoci.jpg
Illustrazione della copertina del libro (in alto Caterina e Leo, in basso Johanna e Lucy Maria)
AutoreLeo Ortolani
1ª ed. originale2011
Generediario
Lingua originale italiano

Due figlie e altri animali feroci. Diario di un'adozione internazionale è un libro scritto da Leo Ortolani e pubblicato nel 2011.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un prologo che descrive l'iter di Ortolani e della moglie Caterina per poter adottare due bambine, il libro raccoglie le lettere che Ortolani scriveva a familiari e amici mentre era in Colombia con la moglie per procedere all'adozione. In queste lettere vengono raccontati l'incontro con le bambine Johanna e Lucy Maria e tutte le difficoltà e le vicende occorse nei circa 2 mesi passati in Sud America (tra il febbraio e il 1º aprile 2010). Un breve epilogo descrive infine lo stato d'animo dei genitori una volta tornati in Italia.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

In origine l'autore non pensava di pubblicare un libro: durante il suo periodo in Colombia per l'adozione delle bambine scriveva delle e-mail a parenti e amici ogni 2 giorni raccontando loro i progressi della vicenda[1]. L'idea di Ortolani era quella di mantenere un ricordo scritto, in maniera tale che in futuro Johanna e Lucy Mary potessero leggere com'era stata la storia della loro adozione[2]. Andrea Plazzi, però, editor da anni delle storie di Ortolani e suo amico, pensò che quei resoconti potessero essere pubblicabili e interessanti anche per il pubblico, in particolare per chi altri fosse coinvolto in adozioni internazionali[1][2]; di fronte alla possibilità di vedere pubblicate le sue e-mail, Ortolani ammette che cominciò a prestare più attenzione a quello che scriveva[3] e che da allora la moglie Caterina «legge tutto quello che scrivo riguardo all'argomento, prima che venga pubblicato»[4]. Di ritorno in Italia, Elisabetta Albieri della casa editrice Sperling & Kupfer fu dello stesso avviso di Plazzi e per questo il progetto andò in porto: Ortolani scrisse un prologo e un epilogo, disegnò circa 24 vignette a corredo dei diversi capitoli e il libro venne pubblicato il 20 settembre 2011[1].

Alcune copie del libro sono risultate difettose[5], rendendo necessaria una ristampa.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Leo Ortolani, Due figlie e altri animali feroci, Official Rat-Man Home Page, 14 settembre 2011. URL consultato il 26 giugno 2012.
  2. ^ a b Riccardo Galardini, Due figlie ed altri animali feroci: intervista a Leo Ortolani, Comicus, 20 settembre 2011. URL consultato il 4 luglio 2013.
  3. ^ Leo Ortolani e le sorelline di Rat-man, C@ffè letterario.Bo, Repubblica.it, 27 ottobre 2011. URL consultato il 26 giugno 2012.
  4. ^ Paolo Pegoraro, Che bel mistero, l'adozione![collegamento interrotto], Famiglia Cristiana, 2 ottobre 2011. URL consultato il 26 giugno 2012.
  5. ^ Copie fallate di Due figlie e altri animali feroci, Official Rat-Man Home Page, 3 ottobre 2011. URL consultato il 26 giugno 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura