Ducato Baltico Unito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ducato Baltico Unito
Ducato Baltico Unito – BandieraDucato Baltico Unito - Stemma
Meyerbaltikum.jpg
Dati amministrativi
Nome completoDucato Baltico Unito
Nome ufficialeVereinigtes Baltisches Herzogtum
Lingue parlateTedesco
lettone
estone
CapitaleRiga
Dipendente daImpero Tedesco
Politica
Forma di governoAmministrazione militare prevista fino alla fine della prima guerra mondiale, poi dopo la vittoria della guerra era prevista la trasformazione in una monarchia costituzionale confederata come Ducato
Capo di StatoAdolfo Federico di Meclemburgo-Schwerin
Organi deliberativiBaltischer Landesrat
Nascita12 aprile 1918
Fine3 luglio 1919
Territorio e popolazione
Economia
ValutaPapiermark
Goldmark
Religione e società
Religione di Statoluterana
Religioni minoritariecattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto daEestimaa värvid.svg Governatorato autonomo dell'Estonia
Flag of Courland (state).svg Ducato di Curlandia e Semigallia
Germania Ober Ost
Succeduto daEstonia Estonia e Comunità dei lavoratori estoni
Lituania Lituania
Flag of the Latvian Soviet Socialist Republic (1918-1920).svg RSS Lettone

Il Ducato Baltico Unito (tedesco: Vereinigtes Baltisches Herzogtum) nacque nel 1918, durante la Prima guerra mondiale, per mano dell'Impero tedesco, che vi fuse le regioni della Lettonia e dell'Estonia, conquistate all'Impero Russo, che stava collassando sotto i colpi della Rivoluzione Bolscevica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tuttavia, anziché aggiungerle al Reich, fu preferito creare uno stato fantoccio che fosse formalmente indipendente, ma di fatto sottoposto al controllo di Berlino. Il 22 settembre, Guglielmo II di Germania, sei mesi dopo la cessione di quelle regioni da parte della Russia secondo il Trattato di Brest-Litovsk, riconobbe il diritto tedesco di esercitarvi il potere. Il 5 novembre venne formato un Consiglio di Reggenza (Regentschaftsrat) provvisorio, composto da quattro tedeschi del Baltico, tre estoni e tre lettoni e guidato dal barone Adolf Pilar von Pilchau.

La capitale del nuovo stato fu Riga. L'ordinamento ufficiale era quello di confederazione di sette cantoni: Riga, Curlandia (tedesco: Kurland), Letgallia (tedesco: Lettgallen), Livonia del sud (tedesco: Südlivland), Livonia del nord (tedesco: Nordlivland), Osilia (tedesco: Ösel) ed Estonia (tedesco: Estland). Oggi, i primi quattro cantoni fanno parte della Lettonia, mentre gli altri tre dell'Estonia.

Adolfo Federico di Meclemburgo-Schwerin avrebbe dovuto essere il primo duca, ma non venne mai intronizzato; non sarebbe stato un monarca indipendente, ma un sovrano subordinato all'interno dell'Impero tedesco.

Il Ducato non fu riconosciuto da nessun paese straniero, se non dall'Impero germanico. Successivamente, i contrasti tra le varie etnie (baltici tedeschi, lettoni ed estoni) misero subito in difficoltà il neo-costituito ducato. In seguito della sconfitta tedesca, alla fine della Prima guerra mondiale, il Ducato si dissolse senza nessuna difficoltà con la guerra di indipendenza estone e guerra di indipendenza lettone.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]