Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Drakul Mihawk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Flotta dei 7.

Drakul Mihawk
Drakul Mihawk.png
Mihawk alla riunione per sostituire Crocodile
Universo One Piece
Nome orig. ジュラキュール ミホーク (Jurakyūru Mihōku)
Lingua orig. Giapponese
Epiteto Il più grande spadaccino del mondo[1]
Soprannome Occhi di falco
Autore Eiichirō Oda
Editore Shūeisha
1ª app.
  • Manga: Capitolo 49
  • Anime: Episodio 23
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità
  • Fenomenale spadaccino
  • Forza e velocità sovrumane
« Non posso mica ricordarmi le facce di tutti gli insetti che ho schiacciato in vita mia! »
(Drakul Mihawk durante la battaglia di Marineford[2])

Drakul Mihawk (ミホーク ジュラキュール Mihōku Jurakyūru?), o più correttamente Dracule Mihawk[3], è un personaggio della serie manga e anime One Piece, del mangaka Eiichirō Oda.

Nel terzo e quarto sondaggio di popolarità in Giappone è risultato prima l'ottavo personaggio più amato di One Piece[4] e poi il dodicesimo[5].

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Mihawk è uno dei pirati appartenenti alla Flotta dei Sette ed è universalmente riconosciuto come "il più grande spadaccino del mondo" (世界最強の剣士 Sekai saikyō no kenshi?)[1]. Viaggia su un'imbarcazione grande circa come una scialuppa a forma di bara[1] e adornata con delle candele che producono fuoco verde; a causa del suo sguardo intimidatorio è soprannominato Occhi di Falco (鷹の目 Taka no Me?)[1].

Sembra rifarsi alla figura del conte Dracula in elementi come ad esempio l'aspetto tetro, il nome stesso[6] e il fatto di navigare su un'imbarcazione a forma di bara; la sua stessa dimora sull'isola di Kuraigana richiama molto il castello in cui viveva il famoso vampiro.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto fisico di Mihawk è ispirato al personaggio di Cirano, antagonista di Ryuma, apparso nella prima opera realizzata da Oda, il manga autoconclusivo Monsters, che fa parte della raccolta Wanted!.

Alla sua prima apparizione Mihawk ha quarantuno anni[7]. Ha un aspetto tetro ed enigmatico: veste un lungo vestito scuro a collo alto, foderato all'interno con curiose fantasie di colore rosso borgogna, e un vistoso cappello da moschettiere con una piuma verde; è alto ed atletico, ha la barba sottile e le sue basette e i baffi puntano all'insù. Ha dei particolari occhi gialli che sembrano quelli di un falco, da cui il suo soprannome.

Nella sua casa a Kuraigana ha indossato vari pantaloni con una camicia bianca aperta dal colletto arruffato. All'esecuzione di Gol D. Roger non aveva la sua barba e il suo cappello e i suoi capelli erano più corti, ma aveva già il suo crocifisso. Nel volume 63 Oda ha disegnato i membri della Flotta da bambini: Mihawk portava un completo nero e un bokken che usava già per allenarsi.

Carattere e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Mihawk è un dei personaggi più misteriosi di One Piece. Fin dalla sua prima apparizione appare come un uomo tenebroso, austero, taciturno ed estremamente fiero, che sembra provare indifferenza verso tutto e tutti e che non si sorprende facilmente. Non mostra mai le sue emozioni, nemmeno quando le cose non vanno come si aspettava, ma nonostante il suo atteggiamento estremamente distaccato ha un grandissimo senso dell'onore, come dimostra durante il combattimento con Zoro. Vedendo la sua dedizione all'arte della spada e la sua umiltà, concede a quest'ultimo di diventare suo allievo.

Non mostra alcun interesse verso il Governo mondiale ed è molto severo nel valutare quando e quali compiti eseguire in quanto membro della Flotta; non si presenta quasi mai alle riunioni tenute a Marijoa ed attacca gli altri pirati solo se ne ha voglia: proprio per queste ragioni Akainu, sorpreso dal fatto che voglia combattere, lo definisce "capriccioso" in occasione dell'attacco che rivolge a Barbabianca durante la guerra di Marineford.

Nonostante venga considerato e si consideri lo spadaccino migliore del mondo è comunque un uomo molto serio e nonostante sia stanco di affrontare combattenti che non sono minimamente al suo livello egli sa riconoscere una persona di talento quando la incontra: per questo esprime il desiderio di vedere Zoro raggiungere il suo trono dopo avere assistito di persona alla sua grandissima forza di volontà. È anche conscio dell'abilità di Rufy nel circondarsi di persone di talento grazie al suo carisma e considera questa capacità come la più potente e temibile di tutti i mari.

Mihawk utilizza la sua immensa forza come metro di misura per valutare quella degli altri: ha cercato di colpire Barbabianca con un potentissimo fendente solamente per comprendere quale fosse il distacco tra i due e ha attaccato Rufy per soddisfare la sua curiosità nel vedere se il fato avrebbe aiutato il ragazzo oppure no. Ha un discreto senso dell'ospitalità, al punto di tollerare la presenza di Perona e Zoro per due anni nel suo castello; inoltre ha informato quest'ultimo del destino del suo capitano e gli ha donato una barca con la quale avrebbe potuto salpare se lo avesse desiderato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Passato[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane Mihawk ha assistito all'esecuzione di Gol D. Roger ed è stato l'acerrimo rivale di uno dei quattro Imperatori, Shanks il rosso, nell'arte della spada; non si conoscono i particolari dei loro scontri né tantomeno il loro esito, ma Barbabianca in persona le ha definite "leggendarie".

Prime apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente le sue apparizioni erano molto rare ma ha comunque sin dall'inizio un ruolo importante nel manga, in quanto obiettivo ultimo di Zoro per acquisire il titolo di spadaccino più forte del mondo[8].

La sua prima apparizione avviene durante la battaglia contro Creek a bordo del Baratie, il ristorante sul mare: Zoro lo sfida a duello venendo, però, facilmente sconfitto[8]. Mihawk resta comunque colpito dalla determinazione dell'avversario e lo sfida a superarlo in futuro, promettendo di aspettarlo "sul trono del più forte del mondo" dicendogli:

« Il mio nome è Drakul Mihawk! Per te non è ancora arrivata l'ora di morire! Devi conoscere te stesso! E devi conoscere il mondo! Dovrai diventare ancora più forte, Roronoa! Ti aspetterò ancora per molti anni... sul trono del più forte del mondo! Prova a superare questa spada con la tua forza mentale! Prova a superare me, Roronoa! »
(Mihawk a Zoro[8])

Riappare più avanti per mostrare a Shanks la prima taglia di Rufy[9] e lo si vede una terza volta per partecipare, tra lo stupore generale, alla riunione della Flotta dei Sette con la Marina in seguito alla sconfitta di Crocodile[10].

Marineford[modifica | modifica wikitesto]

In seguito prende parte alla battaglia fra la ciurma di Barbabianca e la Marina a fianco di questa in quanto membro della Flotta.

Desideroso di misurarsi con colui che veniva ritenuto l'uomo più forte del mondo, nelle prima battute del conflitto Mihawk scaglia un velocissimo e micidiale fendente contro Barbabianca, ma l'attacco viene bloccato da Jaws, il quale rivela la sua abilità di trasformare il proprio corpo in diamante.

Si trova poi a fronteggiare Rufy, mettendolo in grave difficoltà, ma viene fermato dal comandante della quinta flotta di Barbabianca, lo spadaccino Vista, il quale intraprende uno scontro con lui[11]. In seguito attacca nuovamente il giovane pirata venendo questa volta ostacolato da Mr. 1 e dall'ex collega Crocodile[12].

Quando Shanks arriva sul campo di battaglia per fermare le ostilità, Mihawk si ritira dicendo ai Marine che aveva accettato di combattere al loro fianco contro Barbabianca ma non contro di lui[13].

Kuraigana[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la battaglia di Marineford Mihawk ritorna sulla tetra isola di Kuraigana, che si rivela essere la sua attuale dimora; qui riferisce a Perona la notizia sulla morte di Gekko Moria ma afferma che questa informazione manca di credibilità in quanto Moria stesso era ancora vivo dopo la fine della battaglia[14]. Successivamente, dopo averlo visto ingoiare il suo orgoglio per il bene del suo capitano, accetta di allenare per due anni Zoro[15].

Due anni dopo[modifica | modifica wikitesto]

Nelle miniavventure Mihawk e Perona vengono visti ancora assieme mentre leggono sul giornale la notizia relativa ai fatti di Dressrosa.

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo di One Piece, Mihawk è considerato il più grande spadaccino del mondo e senza dubbio uno dei personaggi più forti in assoluto; persino Vista, uno dei principali esponenti della ciurma di Barbabianca, si dice lusingato di poter incrociare le lame con lui.

Da come mostrato durante il combattimento con Zoro[16], Mihawk possiede forza e velocità formidabili, che gli garantiscono un netto vantaggio sugli avversari; da come spiegato nei databook le sue abilità sono derivanti da un costante allenamento e da nessun frutto del diavolo.

La sua arma è una gigantesca spada nera, denominata appunto Spada Nera (黒刀夜 Kokuto Yoru?, lett. Notte della Spada Nera)[16], appartenente alla categoria delle spade più potenti del mondo; generalmente la porta sulla schiena e con essa può deviare pallottole e tranciare intere navi in due parti, come ha fatto con le cinquanta navi della flotta di Creek[1]. Con sé porta anche un coltellino chiamato Kogatana (小刀 lett. "Piccolo coltello"?), che nasconde nel suo pendaglio a forma di croce[16] e che usa per combattere contro Zoro.

Attacchi[modifica | modifica wikitesto]

  • Kokuto Issen (黒刀一閃 Kokutō Issen?), letteralmente "Colpo singolo della Spada Nera"): Mihawk lancia con la sua spada un'onda di aria compressa che riesce a tagliare tutto ciò che si trova sulla sua strada. Quest'attacco è stato usato per la prima volta per tagliare in due la nave di Don Creek e a Marineford per attaccare Rufy, che però riesce a schivarla. Il nome è stato dato nel videogioco Gigant Battle.
  • Kokuto Arahoshi (黒刀荒星 Kokutō Arahoshi?), letteralmente "Stella pesante della Spada Nera"): Mihawk salta appoggiandosi sulla sua spada per poi cadere in picchiata in modo da impalare l'avversario. Viene usata per la prima volta a Marineford contro Rufy. Il nome è stato dato nel videogioco Gigant Battle.
  • Kokuto Saku (黒刀朔 Kokutō Saku, lett. "Primo giorno della Spada Nera"?): Mihawk attende l'avversario tenendo la spada con le mani sulla schiena; al momento dell'attacco nemico, Mihawk contrattacca subito con un potente fendente verso il basso. È stato usato per la prima volta contro il Gom Gom Jet Bazooka di Rufy in una sua previsione. Il nome dell'attacco è stato dato nel videogioco Gigant Battle.
  • Kokuto Kogetsu (黒刀弧月 Kokutō Kōgetsu, lett. "Luna calante della Spada Nera"?): Mihawk attacca con la sua lama nera a grande velocità. Questa tecnica sembra essere più potente di un normale fendente in quanto emette una sorta di energia mentre taglia l'aria (che però non riesce a coprire grandi distanze). È stato usato per la prima volta contro Rufy. Il nome è stato dato nei videogiochi Adventure Unlimited, Unlimited Cruise e Gigant Battle.
  • Chi Wo Hau Zangeki (地を這う斬撃 Chi Wo Hau Zangeki, lett. "Fendente Terrastrisciante"?): Mihawk oscilla la spada verso il basso lanciando un proiettile tagliente di vento che viaggia a grande velocità attraverso il terreno. Questo attacco è in grado di tagliare l'acciaio con facilità e rapidità. Si è visto in primo luogo usato con Rufy come bersaglio, ma bloccato da Mr. 1 che ne riceve i conseguenti danni venendo ferito. Il nome è stato rivelato nel videogioco Gigant Battle.
  • "Il fendente più forte del mondo": così chiamato dai Marines, Mihawk lancia una massiccia ondata di aria compressa, in grado di tagliare enormi quantità di ghiaccio, verso il suo avversario. Jaws della ciurma di Barbabianca è stato in grado di fermarlo, anche se non si sa se ciò è dovuto alla mancata capacità di Mihawk di tagliare il diamante o per l'uso dell'Ambizione da parte di Jaws.
  • Altro attacco è quello con cui Mihawk ferisce l'avversario con un flusso a spirale (molto simile alle Passioni Demoniache della Fenice di Zoro) di aria compressa ad alta velocità. Questo è uno degli attacchi più veloci e precisi mostrati in tutta la serie, in quanto è stato in grado di colpire Rufy in Gear Second che stava correndo nel bel mezzo della guerra di Marineford.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Manga di One Piece, volume 6, capitolo 50
  2. ^ Manga di One Piece, volume 57, capitolo 561
  3. ^ One Piece Green, pagina 338
  4. ^ Manga di One Piece, risultati del sondaggio: volume 43 pagina 217
  5. ^ Manga di One Piece, risultati del sondaggio: volume 55
  6. ^ Più precisamente, Dracule
  7. ^ Manga di One Piece, volume 58, SBS.
  8. ^ a b c Manga di One Piece, volume 6, capitolo 52
  9. ^ Manga di One Piece, volume 11, capitolo 96
  10. ^ Manga di One Piece, volume 25, capitolo 234
  11. ^ Manga di One Piece, volume 54, capitolo 524
  12. ^ Manga di One Piece, volume 58, capitolo 570
  13. ^ Manga di One Piece, volume 59, capitolo 580
  14. ^ Manga di One Piece, volume 60, capitolo 593
  15. ^ Manga di One Piece, capitolo 597
  16. ^ a b c Manga di One Piece, volume 6, capitolo 51

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

One Piece Portale One Piece: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di One Piece