Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dragon Ball Z: I tre Super Saiyan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dragon Ball Z: I tre Super Saiyan
I tre Super Saiyan.png
Il principale antagonista del film, Super C-13.
Titolo originale ドラゴンボールZ 極限バトル!!三大超サイヤ人 (Doragon Bōru Zetto kyokugen batoru!! San dai Sūpā Saiyajin)
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1992
Durata 46 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, azione, fantastico
Regia Kazuhito Kikuchi
Soggetto Akira Toriyama
Sceneggiatura Takao Koyama
Produttore Chiaki Imada, Tomio Anzai
Casa di produzione Toei Animation
Distribuzione (Italia) Terminal Video Italia
Character design Minoru Maeda
Animatori Minoru Maeda
Effetti speciali Chiaki Hirao, Masayuki Kawachi, Nao Ota, Nobuhiro Shimokawa, Shoji Sato, Toshio Katsuoka, Yoshiaki Okada
Musiche Shunsuke Kikuchi
Tema musicale "Cha-La Head-Cha-La", di Yukinojo Mori (testo) e Chiho Kiyoka (musica), "GIRIGIRI -Sekai Kyokugen", di Satou Dai (testo) e Kiyooka Chiho (musica)
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Doppiaggio originale

Ridoppiaggio (2003)

Dragon Ball Z: I tre Super Saiyan (ドラゴンボールZ 極限バトル! Doragon Bōru Zetto kyokugen batoru!! San dai Sūpā Saiyajin?, lett. "Dragon Ball Z: Battaglia all'estremo limite!! I tre grandi Super Saiyan") è il 7° film di Dragon Ball Z, narrante la sconfitta dei cyborg C-13, C-14 e C-15.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I guerrieri sono in un moderno centro commerciale insieme a Chichi. Tra una compera ed un'altra, decidono di fare uno spuntino per pranzo. Proprio lì, nel ristorante, arrivano due strani e loschi individui. Si tratta dei robot C-14 e C-15, creati dal computer del Dr. Gelo. Sono stati programmati con un unico obiettivo: uccidere Goku e chiunque altro intralci questa finalità. Subito, i due attaccano con violenza uccidendo un gran numero di innocenti e causando gravi danni alla città. Così, Goku, Trunks, Crilin e Gohan si spostano, seguiti dai cyborg, al polo nord dove non causeranno grandi danni e non uccideranno umani. I combattimenti sono lunghi ed estenuanti e raggiunge il posto un altro androide, C-13, un nuovo potentissimo cyborg. Vengono in aiuto anche Vegeta e Piccolo, cosicché Goku, Trunks e lo stesso Vegeta possano raggiungere la trasformazione in Super Saiyan. I Saiyan riescono a sconfiggere C-14 e C-15, ma C-13 assorbe i componenti metallici degli androidi e si trasforma in Super C-13, un cyborg dalla forza spropositata. Si capisce subito che è molto superiore ai guerrieri messi insieme, tanto che nessuno riesce a scalfirlo. Goku, allora, in un ultimo disperato tentativo di ucciderlo, tenta di fare una Genkidama ancora trasformato in Super Saiyan. Nello stato in cui è, però, non la può controllare pienamente perché la sua mente e il suo cuore non sono puri e allora ingloba tutta la sua energia in un pugno sconfiggendo, così, il nemico e ristabilendo la pace sulla Terra.

Nuovi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • C-13 (人造人間13号 Jinzōningen jū san?) è un cyborg creato dal computer del Dottor Gelo, dopo che quest'ultimo fu eliminato da C-17[1]. Ha un aspetto muscoloso, i capelli bianchi, e indossa un cappello del Red Ribbon e un gilet verde. Al contrario di C-14 e C-15, C-13 è il cyborg che ha più somiglianze ad un essere umano. Intende realizzare il suo sogno del suo creatore di uccidere Goku. Per questo motivo assorbe i suoi compagni deceduti, C-14 e C-15, e si trasforma in Super C-13: un gigante dalla pelle blu e argentea, ancora più muscoloso e potente, e i suoi capelli, da bianchi, diventano arancioni e si drizzano in testa come quelli di un Super Saiyan. Viene infine sconfitto da Goku Super Saiyan, che convoglia l'energia della Genkidama in un potentissimo pugno, che distrugge il cyborg. La sua tecnica principale è chiamata SS Deadly Bomber e consiste nel creare una sfera d'energia rossa che segue il suo obiettivo finché non riesce a raggiungerlo e ad ucciderlo. A detta dello stesso C-13, la tecnica può distruggere metà pianeta.
  • C-14 è un cyborg tranquillo (in genere ha sempre un'espressione calma) e di poche parole: in tutto il film dice solo due parole, quando insieme a C-15 individua Goku in un super mercato, ovvero "localizzato Goku". Può lanciare una lama di energia che usa per tagliare in due un'auto della polizia. È molto "duro", in quanto riesce a fermare la spada di Trunks con due dita. Dopo l'arrivo di Vegeta rimane da solo a combattere contro Trunks tenendogli testa, ma quando questi si trasforma in Super Saiyan viene sconfitto finendo tagliato in due pezzi con la spada del saiyan ed esplode. Le sue cellule di energia e la sua memoria (sotto forma di scheda) vengono assorbite da C-13 per diventare Super C-13 per sconfiggere i Super Saiyan.
  • C-15 è un omino viola con un grosso cappello in testa, un paio di occhiali da sole, dei jeans e un abito giallo. Lo si vede spesso bere anche durante un combattimento. Insieme a C-14 va in cerca di Goku con l'obiettivo di eliminarlo. Si scontra con Vegeta riuscendo a tenergli testa, ma quando questi si trasforma in Super Saiyan viene sconfitto; il cyborg esplode poi in seguito a un pugno scagliato dal saiyan.Tuttavia C-15 si dimostra più potente del suo compagno C-14 poiché quest'ultimo tiene testa a trunks mentre C-15 riesce a mettere in difficolta un avversario più potente di trunks e cioè il padre dello stesso trunks ovvero vegeta. Le sue cellule di energia e la sua memoria (sotto forma di scheda) vengono assorbite da C-13 per diventare Super C-13 per sconfiggere i Super Saiyan.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il primo doppiaggio italiano del film, usato per l'uscita in VHS e per le trasmissioni TV precedenti al 2003, fu eseguito dalla Coop. Eddy Cortese e diretto da Fabrizio Mazzotta, con un cast differente da quello della serie TV. La terminologia venne mantenuta fedele alla versione italiana del manga.

Il film fu ridoppiato nel 2003 dal cast italiano di Dragon Ball Z per la trasmissione in due episodi (intitolati "La vendetta del dottor Gelo" e "Dura lotta tra i ghiacci") su Italia 1 nella serie Dragon Ball: La saga. Il ridoppiaggio fu effettuato dalla Merak Film e diretto da Paolo Torrisi su dialoghi di Manuela Scaglione e Tullia Piredda in buona parte trascritti da quelli del primo doppiaggio. Tuttavia ci sono varie differenze in questo adattamento rispetto al precedente. Tra le principali:

  • la terminologia venne cambiata utilizzando quella dell'adattamento italiano della serie TV;
  • alcuni dialoghi vennero modificati per mitigare insulti e termini inadatti a un pubblico infantile;
  • vennero aggiunti "pensieri" di pura fantasia in scene dove i personaggi non parlano;

Il ridoppiaggio è stato poi utilizzato per le successive trasmissioni TV e per l'uscita in DVD.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione VHS del film fu prodotta da Dynamic Italia e distribuita da Terminal Video Italia nel 1997. La VHS conteneva il film con il primo doppiaggio.

L'edizione DVD fu prodotta da Dynit, nuova incarnazione della Dynamic Italia. Il 2 settembre 2006 fu distribuita in edicola da De Agostini, mentre la distribuzione sul mercato avvenne l'11 aprile 2007 a opera della Terminal Video Italia. Mentre il master video è un semplice riversamento dalla precedente VHS, l'audio è disponibile in italiano in Dolby Digital 5.1 e in giapponese in 2.0. Poiché la versione italiana del film fu concessa da R.T.I., il DVD contiene esclusivamente il ridoppiaggio. Sono inclusi inoltre i sottotitoli in italiano e, come extra, landscapes e schede sui personaggi.[2]

Rapporto con la serie principale[modifica | modifica wikitesto]

Le immagini iniziali sembrano suggerire che il film sia ambientato dopo che gli androidi 17 e 18 hanno ucciso il loro creatore, difatti, la serie si colloca tra il 147º ed il 148º episodio della serie TV, ovvero durante la saga di Cell. Come gli altri film, non è in continuity con la serie televisiva e non risparmia alcune incoerenze con essa.

  • Nel film, Piccolo sembra essere più debole dei Super Saiyan, eppure, seguendo la cronologia della trama principale, il suo potere dovrebbe essere superiore in quanto già fuso a Dio.
  • Durante la serie principale, in nessun episodio, Goku mostra la capacità di poter assorbire nel suo corpo la tecnica Genkidama.
  • Durante il film, la spada di Future Trunks viene distrutta dal cyborg n° 13 anche se, durante il manga e l'anime, essa era già stata rotta precedentemente da n° 18.
  • All'inizio del film, quando gli androidi eliminano il dottor Gelo, nella sequenza che mostra la porta d'ingresso non ci sono i guerrieri Z.
  • Nella serie principale il supercomputer del dottor Gelo serviva per tenere in vita l'embrione Cell e non viene mai detto o dimostrato che servissi per creare altri androidi, può darsi che la macchina servissi per entrambe le cose, ma è da tenere conto che il computer e il laboratorio dovrebbero essere distrutti e finché c'erano Goku era ancora malato di cuore.
  • Nella serie principale C-18 accenna che il dottor Gelo aveva distrutto i suoi androidi fino al quindicesimo esemplare perché ritenuti dei fallimenti, può darsi che lo scienziato abbia mentito visto che C-8 è ancora vivo, ma un altro errore corrisponde al laboratorio del dottor Gelo. Se C-13, C-14 e C-15 erano rinchiusi nel laboratorio è impossibile pensare che siano sopravvissuti alla distruzione della struttura da parte di Trunks e Crilin.

Si può supporre che gli avvenimenti di questo film si svolgano in una realtà parallela in cui il Dottor Gelo è stato eliminato prima di risvegliare C-17 e C-18 e che le immagini viste all'inizio del film non c'entrino nulla con la continuity del film. Questo spiegherebbe come mai non ci sono C-17 e C-18 (non sono stati risvegliati dal Dottor Gelo), perché Piccolo è più debole dei super saiyan (non ha sentito la necessità di fondersi con Dio) e perché la spada di Trunks è integra all'inizio del film (non glie stata rotta da C-18).

Musiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiho Kiyooka (sigla iniziale)
  • Tsuyoshi Ike (canzone finale)
  • Norihisa Aarakawa (sigla finale)
  • Shunsuke Kikuchi (background music)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dragon Ball Deluxe, vol. 29, pag. 12
  2. ^ Scheda del DVD su dynit.it, Dynit. URL consultato il 20 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga