Draga Obrenović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Draga Mašin
Драга Машин.jpg
Regina consorte di Serbia
In carica 5 agosto 1900 –
11 giugno 1903
Predecessore Natalija Keşco
Successore Maria di Romania
come regina consorte dei Serbi, Croati, e Sloveni
Nome completo Draginja Draga Lunjevica
Nascita Gornji Milanovac, Principato di Serbia, 11 settembre 1864
Morte Belgrado, Regno di Serbia, 11 giugno 1903 (38 anni)
Luogo di sepoltura Chiesa di San Marco, Belgrado
Casa reale Obrenović
Padre Pantelija Lunjevica
Madre Anđelija Koljević
Coniugi Svetozar Mašin
(1883-1886)
Alessandro I di Serbia
(1900-1903)
Religione Chiesa ortodossa serba

Draga Obrenović (serbo: Драга Обреновић: nata Milićević Lunjevica, Милићевић Луњевица; in precedenza Mašin, Машин; Gornji Milanovac, 11 settembre 1864Belgrado, 11 giugno 1903) anche nota come regina Draga, fu regina consorte di Serbia e moglie di re Aleksandar Obrenović del regno di Serbia. Era in precedenza la dama di compagnia della madre di Alessandro, la regina Natalija.

Regina di Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Draga era la quarta figlia di Pantelija Lunjevica, un prefetto dell'area di Aranđelovac, e della moglie Anđelija Koljević. Era la nipote di un intimo compagno d'armi del pro-prozio di Aleksandar (Nikola Milićević Lunjevica). All'epoca del suo secondo matrimonio, era la vedova di Svetozar Mašín (1851–1886), un ingegnere civile figlio di immigrati cechi, e aveva dodici anni più di Aleksandar. Aveva due fratelli, Nikola e Nikodije, che morirono con lei, e quattro sorelle, Hristina, Đina, Ana e Vojka. Draga era la sesta di sette fratelli e sorelle.

Sua nonna paterna era Đurđija Čarapić,[1] una parente del voivoda Ilija Čarapić (morto nel 1844), marito della figlia di Karađorđe Petrović Stamenka Karađorđević.

Sua madre era dipsomane e suo padre morì in un manicomio.[2]

Si sposò con il re Aleksandar il 5 agosto 1900. Quando Aleksandar annunciò il loro fidanzamento, l'opinione pubblica si rivoltò contro di lui. Egli era visto come un giovane pazzo, infatuato di una malvagia seduttrice. La regina madre Natalija si oppose aspramente al matrimonio e fu esiliata da suo figlio, in parte a causa di ciò. I suoi numerosi atti arbitrari e impopolari furono biasimati per l'influenza di Draga. C'erano voci che Aleksandar avrebbe nominato il fratello di Draga erede presunto al trono.

Assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Quest'ultima voce fu quella che portò all'assassinio della coppia reale. L'11 giugno 1903 un gruppo di ufficiali dell'esercito invase il palazzo reale; erano guidati dal colonnello Dragutin Dimitrijević. Trovarono Aleksandar e Draga nascosti in un grande armadio a muro e li assassinarono selvaggiamente, gettando i loro corpi mutilati da un balcone del palazzo su mucchi di letame in giardino.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze serbe[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine di Miloš il Grande - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Miloš il Grande
— 5 agosto 1900[4]
Dama di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 5 agosto 1900[5]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
N. Milićević N. Milićević  
 
 
Comandante Nikola Milićević, presidente del Tribunale Regionale di Rudnik  
 
 
 
Pantelija Milićević Lunjevica, prefetto di Aranđelovac  
Anastasije Čarapić, voivoda del distretto di Gročanske N. Čarapić  
 
 
Đurđija Čarapić  
Ivana  
 
 
Regina Draga di Serbia  
N. Koljević N. Koljević  
 
 
N. Koljević  
 
 
 
Anđelija Koljević  
 
 
 
 
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Milićević
  2. ^ Vucinich, Wayne S. (2006). Serbia Between East and West. The Events of 1903-1908. ACLS History E-Book Project. pp. 324. ISBN 978-1-59740-242-2.
  3. ^ C. L. Sulzberger, The Fall of Eagles, p.202, Crown Publishers, New York, 1977
  4. ^ Vhkcs
  5. ^ Queen Draga with the Badge of the Order

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Serbia Successore
Natalija Keşco 5 agosto 1900 – 11 giugno 1903 Maria di Romania
come Regina consorte dei Serbi, Croati, e Sloveni
Controllo di autoritàVIAF (EN160170792 · ISNI (EN0000 0001 0754 7680 · LCCN (ENno95056598 · GND (DE119460599 · BNF (FRcb11238107w (data) · CERL cnp00556325 · WorldCat Identities (ENlccn-no95056598
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie