Doug Jones (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Doug Jones
Senator Doug Jones official photo.jpg

Senatore degli Stati Uniti per l'Alabama
In carica
Inizio mandato 3 gennaio 2018
Predecessore Luther Strange

Dati generali
Partito politico Democratico
Tendenza politica centrista
Firma Firma di Doug Jones

Gordon Douglas "Doug" Jones (Fairfield, 4 maggio 1954) è un politico statunitense, senatore per lo stato dell'Alabama a partire dal 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Fairfield, Jones si laureò in legge ed intraprese la professione di avvocato e consulente legale, lavorando anche come collaboratore del senatore Howell Heflin[1].

Nel 1997 il Presidente Bill Clinton lo nominò United States Attorney per il distretto settentrionale dell'Alabama[2]. In queste vesti contribuì a coordinare una task force federale per la cattura del terrorista Eric Rudolph, autore di un attentato a Birmingham[3] e successivamente si spese a favore di un processo in Alabama prima dell'estradizione in Georgia, dove Rudolph si era reso responsabile dell'attentato durante le Olimpiadi di Atlanta[4].

Inoltre, perseguì penalmente due dei membri del Ku Klux Klan per un attentato del 1963 nel quale avevano perso la vita quattro adolescenti afroamericane[5], riuscendo a farli condannare all'ergastolo[6]. Dopo la fine del suo mandato, Jones tornò a lavorare come avvocato nel settore privato.

Nel 2017 Jones annunciò la propria candidatura, come membro del Partito Democratico, nelle elezioni speciali che avrebbero assegnato il seggio del Senato lasciato vacante da Jeff Sessions, che era stato nominato procuratore generale degli Stati Uniti dal Presidente Donald Trump. Qualche mese prima, l'allora governatore dell'Alabama Robert J. Bentley aveva nominato come sostituto temporaneo di Sessions il repubblicano Luther Strange, con il compito di occupare il seggio fino a nuova elezione. In tale competizione, Strange figurò come candidato ma venne sconfitto nelle primarie repubblicane dall'ex magistrato ultraconservatore Roy Moore; Jones si aggiudicò invece la nomination dei democratici, ma una sua vittoria nelle elezioni generali venne bollata come assai improbabile in uno stato estremamente favorevole ai repubblicani come l'Alabama[7].

La campagna elettorale tuttavia si rivelò quanto mai combattuta, dal momento che Roy Moore finì al centro di una grossa controversia mediatica dopo essere stato accusato di molestie sessuali ai danni di ragazze minorenni[8]. Moore rigettò tutte le numerose accuse, ma venne criticato da molti esponenti del suo partito, che lo invitarono ad abbandonare la competizione elettorale e a farsi sostituire da un altro candidato[9], mentre fu appoggiato dal Presidente Trump[10]; il senatore repubblicano Jeff Flake, in polemica con Trump, dichiarò pubblicamente il proprio appoggio a Jones e contribuì con una donazione economica alla sua campagna elettorale[11].

La competizione elettorale assunse una grande importanza in quanto una vittoria di Jones avrebbe determinato un indebolimento della maggioranza repubblicana al Senato, nonché un danno per lo stesso Trump, spesosi personalmente a favore di Moore[12]. Al termine della corsa, Jones riuscì a prevalere su Moore in quella che divenne una circostanza storica: l'Alabama, uno stato estremamente conservatore, non eleggeva un democratico al Senato da venticinque anni[13][14][15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Doug Jones announces run for US Senate, The Birmingham News. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) PRESIDENT CLINTON NAMES G. DOUGLAS JONES AS UNITED STATES ATTORNEY FOR THE NORTHERN DISTRICT OF ALABAMA, su clintonwhitehouse6.archives.gov. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) Bombing Suspect Eric Rudolph Indicted, ABC. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) Bombing Suspect Is Moved to Alabama, for Trial There First, The New York Times. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) As Church Bombing Trial Begins in Birmingham, the City's Past Is Very Much Present, The New York Times. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Prosecutor reflects on 50th anniversary of 1963 Birmingham bombing, Los Angeles Times. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) Doug Jones Wins Alabama Senate Democratic Primary, The Huffington Post. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  8. ^ Il caso Roy Moore, Il Post. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  9. ^ (EN) Republican party cuts ties with Roy Moore over sexual misconduct allegations, The Guardian. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  10. ^ (EN) Why is Trump Endorsing Roy Moore?, The Huffington Post. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  11. ^ (EN) Republican Sen. Jeff Flake sends Democrat Doug Jones a check for Alabama Senate Campaign, The Huffington Post. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  12. ^ Le elezioni di oggi in Alabama contano molto, Il Post. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  13. ^ Schiaffo a Trump, in Alabama vince il democratico Doug Jones, La Stampa. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  14. ^ Alabama, vince il democratico Doug Jones: sconfitto il candidato di Trump, Corriere della Sera. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  15. ^ Dall’Alabama un campanello d’allarme per Trump e per i Repubblicani, Il Sole 24 ORE. URL consultato il 13 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN271534819 · LCCN (ENn2012068087