Ghiandola di Bartolino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dotti di Bartolini)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ghiandola di Bartolino
Skenes gland IT.jpg
Localizzazione delle ghiandole di Skene e di Bartolino.
Nome latino Glandula vestibularis major
Sistema Apparato genitale femminile
Arteria Arteria pudenda esterna profonda
Nervo Nervo ileoinguinale
Linfatici Linfonodi superficiali inguinali
Sviluppo embriologico Seno urogenitale

La ghiandola di Bartolino (o anche di Bartolini) sono due ghiandole, dell'apparato genitale femminile esterno nella specie umana. Esse vengono altresì definite ghiandole vestibolari maggiori, per distinguerle dalle altre ghiandole, di dimensioni minori, che si trovano sparse nella parete del vestibolo della vagina.

Morfologia e funzione[modifica | modifica wikitesto]

Sono simmetriche, una per parte, localizzate lateralmente e posteriormente all'orifizio della vagina, nel terzo inferiore delle grandi labbra. La loro forma è simile a quella di una piccola mandorla, con un diametro massimo di 12-15 millimetri e un peso di circa 5 grammi. Il loro dotto escretore si apre ai lati dell'orifizio vaginale, a livello del solco formato dalle piccole labbra lateralmente e dall'imene (o dai suoi residui) medialmente.

La ghiandola del Bartolini è unita alla superficie della vulva tramite il dotto di Bartolini, attraversando l'orificio. La lunghezza del dotto varia tra i 1,5 e i 2 cm[1]. Nella donna esistono due dotti, simmetrici tra loro.

Il nome lo si deve a Caspar Bartholin il Giovane, anatomista danese, che per primo descrisse le ghiandole nel suo De ovariis mulierum et generationis historia epistola anatomica[2].

Durante l'orgasmo femminile, similmente all'eiaculazione maschile, l'intervento di alcuni muscoli produce l'espulsione dalle ghiandole di una piccola quantità di un liquido denso, vischioso e trasparente. Originariamente si riteneva che questo liquido fosse importante per la lubrificazione vaginale. Studi più recenti hanno però dimostrato che la lubrificazione è dovuta a secrezioni prodotte più a monte nella vagina. La funzione di queste ghiandole rimane ancora oggi in via di studio. Probabilmente non hanno alcuna funzione, sono solamente l'equivalente femminile ancestrale della prostata maschile.

Le ghiandole di Bartolino modificano la loro struttura con l'età della donna, essendo di piccole dimensioni nelle giovani e raggiungendo il massimo volume e funzionalità nella donna sessualmente matura; dopo la menopausa vanno incontro ad atrofia.

Sono ghiandole di tipo tubulo alveolare, divise in lobi e lobuli da sepimenti connettivali. Le pareti dei lobuli sono tappezzate da cellule mucose. Esse, infatti, producono un muco chiaro e viscoso, e la loro funzione è strettamente legata all'attività sessuale, durante la quale, nella fase di eccitazione, rilasciano il loro secreto.

Le ghiandole di Bartolino rappresentano un analogo delle ghiandole bulbouretrali maschili (di Cowper).

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

Le ghiandole di Bartolino possono irritarsi o infettarsi, aumentando di volume e diventando dolenti. Questo tipo di patologia può facilmente essere curata dal medico.

Esse possono anche andare incontro a una patologia descritta come carcinoma primitivo della ghiandola di Bartolino, che rappresenta il 5% circa delle neoplasie vulvari. Questo tumore, che colpisce generalmente le donne anziane, è solido e infiltrante, e può raggiungere un volume di 7 cm. I segni clinici, come ulcere e dolore, compaiono tardivamente.

Storia scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Sono state descritte per la prima volta nel XVII secolo dall'anatomista danese Caspar Bartholin il Giovane (1655 -1738) nel suo De ovariis mulierum et generationis historia epistola anatomica. Alcune fonti erroneamente attribuiscono la scoperta al nonno, il teologo e anatomista Caspar Bartholin il Vecchio (1585 - 1629).[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Manual of Obstetrics, 3ª ed., Elsevier, pp. 1-16, ISBN 978-81-312-2556-1.
  2. ^ a b (LA) Caspar Bartholin il Giovane, De ovariis mulierum et generationis historia epistola anatomica, Amstelaedami, sumptibus J. Henr. Wetstenii, 1678, p. 21. URL consultato il 10 maggio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank H. Netter, Atlante di anatomia umana, 3ª ed., Milano, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2976-7.
  • AA. VV. - Anatomia umana - Vol. 2, Edi-Ermes, 2000.
  • AA. VV. - Ginecologia e ostetricia - Edizioni Minerva Medica, 2005.
  • AA. VV., (2005) Ginecologia e ostetricia. Edizioni Minerva Medica, Torino.
  • Boccadoro L., Carulli S., (2008) Il posto dell'amore negato. Sessualità e psicopatologie segrete. Edizioni Tecnoprint, Ancona. ISBN 978-88-95554-03-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]