Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dororo (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dororo to hyakkimaru
manga
Copertina del primo numero dell'edizione italiana Goen
Copertina del primo numero dell'edizione italiana Goen
Titolo orig. どろろと百鬼丸
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Osamu Tezuka
Editore Shogakukan
1ª edizione 27 agosto 1967 – 22 luglio 1968
Tankōbon 4 (completa)
Editori it.
1ª edizione it. 26 gennaio 2013 – 20 luglio 2013
Periodicità it. bimestrale
Volumi it. 4 (completa)
Formato it. 13 × 18 cm
Rilegatura it. sovracoperta
Pagine it. 200
Target shōnen
Dororo to Hyakkimaru
serie TV anime
Titolo orig. どろろと百鬼丸
Autore Osamu Tezuka
Regia Gisaburo Sugii
Studio
Musiche Isao Tomita
Rete Fuji TV
1ª TV 6 aprile 1969 – 28 settembre 1969
Episodi 26 (completa)
Episodi it. inedito

Dororo to hyakkimaru (どろろと百鬼丸?) è un manga di Osamu Tezuka, scritto negli anni sessanta. Venne serializzato a partire dal 27 agosto 1967, fino al 22 luglio 1968 sulla rivista Weekly Shonen Sunday, della casa editrice Shogakukan.[1]

L'anime (in 26 episodi in bianco e nero) ha il primato d'essere la prima serie creata da quella ch'è oggi conosciuta come World Masterpiece Theater: a differenza del manga, la versione animata possiede un finale conclusivo. Rimane inedita in Italia.

Ne è stato tratto anche un film live action uscito nelle sale nel 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientato durante il periodo Sengoku. Hyakkimaru è un giovane samurai che combatte e distrugge demoni. Durante il suo viaggio per il Giappone gli si affianca Dororo, un giovane ladruncolo.

"Hyakkimaru" significa letteralmente "piccolo mostro". Alla sua nascita, 48 parti del corpo gli vengono sottratte da altrettanti demoni, in virtù del patto stipulato dal padre coi demoni, per sacrificare il figlio in cambio di potere.

Come conseguenza di tutto ciò, il neonato non ha neanche un aspetto umano, e la madre è costretta dal marito ad abbandonarlo in una cesta sul fiume. Il bambino viene successivamente trovato dal Dottor Honma, un chirurgo che lo tiene con sé, curandolo ed allevandolo. Questi, accortosi ben presto degli accentuati poteri mentali posseduti dall'informe neonato, lo guarisce con metodi magico-alchemici e gli fornisce un corpo artificiale (a partire dai resti dei bambini morti in guerra) col quale egli può andare in seguito a caccia dei demoni che gli rubarono arti e sensi.

Ogni volta che Hyakkimaru riesce ad ucciderne uno, riacquista una parte perduta del corpo. Il ragazzo diviene allora quasi invincibile contro ogni colpo mortale; innestato all'interno del suo braccio sinistro si trova inoltre una lama speciale, forgiata dai folletti per poter combattere contro goblin ed altre entità maligne soprannaturali.

Dopo che il buon medico è costretto a mandarlo via (attirava difatti i demoni sulla sua casa), Hyakkimaru inizia ad andar per la sua strada: il giovane arriva a conoscer attraverso una voce spettrale della maledizione che s'era fissata su di lui fin dalla nascita, ma anche che uccidendo i demoni responsabili avrebbe potuto recuperare i pezzi rubati al suo corpo e ritrovare la sua umanità perduta.

Si mette in cammino attraverso il paesaggio devastato dalla guerra e si guadagna presto il nome Hyakkimaru per la sua dis-umana natura.

Fin dall'inizio della narrazione s'imbatte in un giovanissimo orfano di nome Dororo, che si affianca. Egli si rivelerà un ladruncolo matricolato particolarmente abile: anche Dororo possiede un destino, del quale però sembra ancora del tutto inconsapevole... o forse è solo un segreto che riesce a tener ben celato?

Pubblicazione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Kabuki Publishing ha stampato in Italia due volumi della traduzione del fumetto, sui quattro previsti. Fino all'ottobre 2011, la situazione è rimasta invariata.
  • Durante il Lucca Comics & Games 2011, la Goen ha annunciato per la primavera 2012 il ritorno in Italia di Dororo, con uscite bimestrali.[2] I quattro volumi sono poi usciti dal gennaio[3] al luglio 2013.[4]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • L'edizione americana di Dororo, edita dalla Vertical, ha vinto gli Eisner Award 2009, nella categoria "Best U.S. Edition of International Material-Japan".

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Di questo manga esiste anche un anime, una versione live action e più recentemente un videogame.

Episodi della serie animata[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giappone
1 Hyakkimaru-no-maki, pt 1
「百鬼丸の巻・その一」 - hyakki maru no kan. sono ichi
6 aprile 1969
2 Hyakkimaru-no-maki, pt 2
「百鬼丸の巻・その二」 - hyakki maru no kan. sono ni
13 aprile 1969
3 The Evil Monster Bandai-no-maki, pt 1
「妖怪万代の巻・その一」 - yōkai mandai no kan. sono ichi
20 aprile 1969
4 The Evil Monster Bandai-no-maki, pt 2
「妖怪万代の巻・その二」 - yōkai mandai no kan. sono ni
27 aprile 1969
5 Muzan-cho-no-maki, pt 1
「無残帖の巻・その一」 - muzan chō no kan. sono ichi
4 maggio 1969
6 Muzan-cho-no-maki, pt 2
「無残帖の巻・その二」 - muzan chō no kan. sono ni
11 maggio 1969
7 The Monster's Sword: Nihiru-no-maki, pt 1
「妖怪似蛭の巻・その一」 - yōkai ji hiru no kan. sono ichi
18 maggio 1969
8 The Monster's Sword: Nihiru-no-maki, pt 2
「妖怪似蛭の巻・その二」 - yōkai ji hiru no kan. sono ni
25 maggio 1969
9 Banmon-no-maki, pt 1
「ばんもんの巻・その一」 - banmonno kan. sono ichi
1º giugno 1969
10 Banmon-no-maki, pt 2
「ばんもんの巻・その二」 - banmonno kan. sono ni
8 giugno 1969
11 Banmon-no-maki, pt 3
「ばんもんの巻・その三」 - banmonno kan. sono san
15 giugno 1969
12 Hakumenfudo-no-maki, pt 1
「白面不動の巻・その一」 - shiro men fudō no kan. sono ichi
22 giugno 1969
13 Hakumenfudo-no-maki, pt 2
「白面不動の巻・その二」 - shiro men fudō no kan. sono ni
29 giugno 1969
14 Kajirinkon
「かじりんこん」 - kajirinkon
6 luglio 1969
15 Inai-Inai-Mura
「いないいない村」 - inaiinai mura
13 luglio 1969
16 Yoba Midoro-no-maki
「妖馬みどろ」 - yō uma midoro
20 luglio 1969
17 Monster Donburibara
「妖怪どんぶりばち」 - yōkai donburibachi
27 luglio 1969
18 The Sea-Monster Bira-Bira
「海獣ビラビラ」 - kaijū birabira
3 agosto 1969
19 The Thunder-Fire Dog
「雷火犬」 - kaminari hi inu
10 agosto 1969
20 Onburaki
「おんぶら鬼」 - onbura oni
17 agosto 1969
21 Maimaionba
「まいまいおんば」 - maimaionba
24 agosto 1969
22 Monster Monmon
「妖怪もんもん」 - yōkai monmon
31 agosto 1969
23 The Huge Man-Eating Tree
「人喰い大木」 - hitokui taiboku
7 settembre 1969
24 Shikanyudo
「四化入道」 - shi ka nyūdō
14 settembre 1969
25 The Monster Tsuchibozu
「妖怪土坊主」 - yōkai tsuchi bōzu
21 settembre 1969
26 The Last Monster
「最後の妖怪」 - saigo no yōkai
28 settembre 1969

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dororo. Tezuka Osamu @World
  2. ^ Lucca 2011: GOEN annuncia Dororo di Osamu Tezuka. URL consultato il 3-11-2011.
  3. ^ RW Edizioni: Uscite del 25 gennaio 2013. URL consultato il 26-09-2013.
  4. ^ RW Edizioni: Uscite del 20 luglio 2013. URL consultato il 26-09-2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga