Dornier Merkur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dornier Merkur
(Dornier Do B)
Bundesarchiv Bild 183-1985-0530-501, Berlin, Landung von Walter Mittelholzer.jpg
Un Dornier Merkur della compagnia aerea svizzera Ad Astra Aero all'aeroporto di Berlino
Descrizione
Tipoaereo di linea
Equipaggio2
CostruttoreGermania Dornier GmbH
Data primo volo10 febbraio 1925
Utilizzatore principaleGermania DLH
Dimensioni e pesi
Dornier Merkur 3-view NACA Aircraft Circular No.30.jpg
Tavole prospettiche
Lunghezza12,50 m
Apertura alare19,60 m
Altezza3,50 m
Superficie alare62,0
Peso a vuoto2 219 kg
Peso carico3 384 kg
Passeggeri6
Propulsione
Motoreun BMW VI
Potenza600 PS (441 kW)
Prestazioni
Velocità max190 km/h
Velocità di crociera160 km/h
Autonomia700 km
Tangenza5 200 m
Notedati riferiti alla versione Merkur I

[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Dornier Merkur, designato anche Dornier Do B, era un monomotore monoplano da trasporto passeggeri prodotto dall'azienda tedesca Dornier Flugzeugwerke negli anni venti.

Sviluppato dal precedente Dornier Komet contribuì a sviluppare il trasporto aereo di persone e merci nel decennio successivo al termine della prima guerra mondiale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Gli esemplari vennero utilizzati da diverse compagnie aeree nazionali ed estere. Tra queste la svizzera Ad Astra Aero che operò con due esemplari fino al 1925 anno in cui si fuese con la Balair dando origine alla Swissair, per molti anni la compagnia di bandiera svizzera.

Primati[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 1925, ai comandi di Walter Mittelholzer, l'esemplare della compagnia aerea svizzera Ad Astra Aero immatricolato CH-171 effettua con successo un collegamento tra Zurigo e Città del Capo battendo il precedente primato di tempo sulla distanza di 20 000 km che separano i due aeroporti.[2]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Merkur I
versione designata anche come Do B-Bal, equipaggiata con un motore BMW VI da 600 PS (441 kW).[3]
Merkur II
versione designata anche come Do B-Bal 2, equipaggiata con un motore BMW VI U.[3]
Do B-Jal
rimotorizazione di un Do B-Bal equipaggiato con un motore Junkers L 55.[3]
Do B-Is
designazione del CH-171 Ad Astra Aero da primato.[3]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Il Merkur CH171 della compagnia aerea svizzera Ad Astra Aero.
Brasile Brasile
Colombia Colombia
Germania Germania
GermaniaUnione Sovietica Germania-Unione Sovietica
Svizzera Svizzera
bandiera Ucraina
Unione Sovietica Unione Sovietica

Governativi[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Il Merkur esposto al Dornier Museum .

Non è arrivato alcun Merkur originale ai nostri giorni, tuttavia grazie ad un'iniziativa ungherese è stato completata una replica verniciata con la livrea originale Deutsche Luft Hansa (DLH) del Wk Nr.88 D-1103 battezzato "Silberfuchs" che operò nei voli di linea nazionali dal settembre 1927.

L'esemplare fa parte della collezione Dornier Museum ed è attualmente esposto al pubblico nella struttura museale a Friedrichshafen.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dornier Merkur in Уголок неба.
  2. ^ (EN) Fleet - Dornier Merkur, su German Aviation 1919-1945, http://www.sr692.com/. URL consultato il 5 mar 2010.
  3. ^ a b c d Dornier Merkur in German Aviation 1919-1945.
  4. ^ (DE) Lufthansa Technik lackiert historische "Dornier Merkur", su AirVenture, http://www.airventure.de/index.html, 24 mag 2009. URL consultato il 5 mar 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Dornier - Eine Dokumentation zur Geschichte des Hauses Dornier, Dornier GmbH, 1983.
  • (DE) Dornier Stiftung für Luft- und Raumfahrt (Hrsg.): Dornier: Werksgeschichte und Flugzeugtypen. Delius Klasing, Bielefeld, 2009, ISBN 978-3768826105.
  • (DE) Rolf Berger, Dornier Do B, in 1000 Flugzeuge, Köln, NGV Naumann & Göbel Verlagsgesellschaft mbH, 2006, ISBN 3-625-10373-7.
  • (DE) Wolfgang Wagner, Der deutsche Luftverkehr - Die Pionierjahre 1919-192, Koblenz, Bernard & Graefe Verlag, ISBN 3-7637-5274-9.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Paesi Bassi Paesi Bassi
Svizzera Svizzera

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]