Doppia programmazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La doppia programmazione, anche nota come doppio spettacolo, era un fenomeno dell'industria cinematografica nel quale i gestori cinematografici avrebbero proiettato due film al prezzo di uno, soppiantando un formato precedente nel quale sarebbero stati proiettati un film e varie bobine di cortometraggi.

Origine e formato[modifica | modifica wikitesto]

La doppia programmazione è nata negli anni '30. Prima degli anni '30, il modello di presentazione dominante consisteva in:

Con l'arrivo diffuso dei film sonori nei cinema americani nel 1929, molti espositori indipendenti iniziarono a rinunciare al modello di presentazione allora dominante. I cinema hanno subito una recessione negli affari nei primi anni della Grande Depressione.

I proprietari dei cinema decisero di poter attrarre più clienti e risparmiare sui costi se avessero offerto due film al prezzo di uno. La tattica ha funzionato, il pubblico ha considerato il costo di un biglietto del cinema un buon rapporto qualità-prezzo per diverse ore di evasione e intrattenimento vario, e la pratica è diventata un modello standard di programmazione.

Nella doppia programmazione tipica degli anni '30, la proiezione è iniziata con un programma di varietà composto da trailer, un cinegiornale, un cartone animato e/o un cortometraggio che precede un secondo lungometraggio a basso budget (il B movie), seguito da un breve interludio. Infine, ha funzionato la funzione principale ad alto budget (A movie).

Un neighborhood theatre con un doppio lungometraggio ha conquistato un teatro di prima visione più costoso con un solo film. I principali studi ne hanno preso atto e hanno iniziato a realizzare le proprie caratteristiche in B usando i tecnici e i set dello studio e presentando le stelle mentre salivano o scendevano. I principali studi hanno anche realizzato serie di film con personaggi ricorrenti.

Sebbene il doppio lungometraggio abbia messo in rovina molti produttori di commedie, è stata la principale fonte di entrate per i piccoli studi di Hollywood, come Republic e Monogram, specializzati nella produzione di B movie.

Declino[modifica | modifica wikitesto]

The Astor Theatre di Melbourne, Australia, ha mostrato doppi spettacoli sin dalla sua apertura nel 1936.

La doppia programmazione è nata in parte a causa di una pratica in studio nota come "block booking", una forma di legame in cui i principali studi di Hollywood richiedevano ai teatri di acquistare B-movie insieme ai film più desiderabili. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che questa pratica era illegale nel processo United States v. Paramount Pictures, Inc. del 1948, contribuendo così alla fine dello studio system.

Anche dopo che il requisito dello studio è stato abbandonato, molti cinema di quartiere più piccoli o indipendenti, in particolare i cinema drive-in, hanno cercato doppie programmazione per aumentare il patrocinio. Alla fine degli anni '40 i doppi lungometraggi erano una politica regolare al 29% dei cinema americani con il 36% che li aveva part-time. Dopo il Paramount Decree le fonti del secondo film erano cambiate..[1] La seconda programmazione poteva essere:

  • un'importante riedizione in studio di un film precedente,
  • un film più vecchio ripubblicato da aziende specializzate nell'acquisizione e nel rilascio di film più vecchi come la Realart e la Astor Pictures,
  • un film a basso budget contratto da uno studio più piccolo.

James H. Nicholson e Samuel Z. Arkoff fondarono la loro American International Pictures con l'idea di fornire una doppia programmazione di due B movies ad un prezzo spesso inferiore al prezzo di un singolo film, o di prendere una percentuale inferiore delle entrate del cinema rispetto alle maggiori studios.[2]

A partire dagli anni '60, i doppi spettacoli erano stati in gran parte abbandonati nei cinema non drive-in a favore della moderna proiezione di singoli, in cui è proiettato un solo film. Tuttavia, i doppi spettacoli di serie popolari che in precedenza erano stati gestiti come un singolo film come il film di spionaggio di James Bond e Matt Helm e lo spaghetti western Un dollaro tra i denti sono stati ripubblicati insieme dagli studi principali.

While most cinemas have discontinued the practice of showing the double feature, it has nostalgia appeal. The Astor Theatre in St Kilda, Melbourne, Australia, fondato nel 1936, continua ancora oggi la tradizione del doppio lungometraggio.

I cortometraggi ancora occasionalmente precedono la presentazione dei film (i film Pixar in genere presentano un cortometraggio, ad esempio), ma il doppio lungometraggio è ora effettivamente estinto nei cinema di prima visione negli Stati Uniti.

Dopo il successo di Chi ha incastrato Roger Rabbit, tre cortometraggi d'animazione di Roger Rabbit sono stati creati per essere mostrati come preludi ad altri film Disney, nel tentativo di rilanciare la visione di cortometraggi di cartoni animati prima di film importanti. Ne furono realizzati solo tre e lo schema si rivelò un fallimento.[3]

Molte case di repertorio continuano a mostrare due film, generalmente legati in qualche modo, back to back.

Durante gli anni '90, molte cassette VHS che mostravano due film sullo stesso nastro (il secondo era spesso un sequel del primo film) sono state autoproclamate "double features."

Nel 2007, i registi Quentin Tarantino e Robert Rodriguez hanno distribuito i loro film individuali Planet Terror e Death Proof come doppio lungometraggio con il titolo Grindhouse, montati insieme con falsi trailers di film exploitation degli anni '70 per replicare l'esperienza di vedere un doppio film in un teatro grindhouse. Sebbene Grindhouse abbia ricevuto il plauso della critica, è stato un completo fallimento finanziario negli Stati Uniti. I film sono stati proiettati individualmente nei mercati internazionali e su DVD.

Un altro doppio lungometraggio recente è stato il Duel Project, quando i registi giapponesi Ryuhei Kitamura e Yukihiko Tsutsumi hanno creato film in competizione per essere proiettati e votati dal pubblico principale.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ p.78 Schatz, Thomas History of the American Cinema: American Cinema in the 1940s. Boom and Bust Volume 6 University of California Press
  2. ^ p.124 Doherty, Thomas Teenagers and Teenpics Unwin-Hyman 1988
  3. ^ Double Feature The Dark Crystal + Who Framed Roger Rabbit, 10 settembre 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]