Doppia diagnosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La doppia diagnosi, così come viene definita dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è la condizione di chi soffre di una disturbo mentale in comorbilità con abuso di sostanze/tossicodipendenza. Il termine è usato solo per questa specifica associazione di patologie, mentre negli altri casi di presenza di più condizioni mediche concomitanti, è usato il più generico termine di "comorbilità".

Nel mondo scientifico è presente un considerevole dibattito sull'opportunità di utilizzare una singola categoria per un gruppo eterogeneo di individui con esigenze complesse e una vasta gamma di problemi. Il concetto può essere utilizzato in modo ampio, ad esempio per la compresenza di depressione e alcolismo, oppure può essere limitato a specificare una grave malattia mentale (ad esempio psicosi o schizofrenia) e un disturbo da abuso di sostanze (ad esempio abuso di cannabis) e un disturbo di panico o un disturbo d'ansia generalizzato e una dipendenza dagli oppioidi.[1]. La diagnosi di una malattia psichiatrica primaria nei tossicodipendenti è complessa, poiché l'abuso di droghe stesso spesso induce sintomi psichiatrici, rendendo così necessario distinguere tra malattie mentali indotte da sostanze o preesistenti[2].

I pazienti con doppia diagnosi devono affrontare sfide complesse. Hanno una maggiore incidenza di ricadute, ospedalizzazione, mancanza di un alloggio e infezione da HIV ed epatite C, rispetto ai pazienti a cui è stato diagnosticato soltanto un disturbo mentale o l'abuso di sostanze[3].

Disturbi indotti da sostanze versus preesistenti[modifica | modifica wikitesto]

L'identificazione di sintomi o disturbi psichiatrici indotti da sostanze rispetto a quelli indipendenti ha importanti implicazioni terapeutiche e spesso costituisce una sfida nella pratica clinica quotidiana. Modelli simili di comorbilità e fattori di rischio negli individui con disturbo indotto da sostanze e in quelli con sintomi psichiatrici indipendenti non indotti da sostanze suggeriscono che le due condizioni possono condividere fattori eziologici sottostanti[4].

L'abuso di droghe, inclusi alcol e farmaci da prescrizione, può indurre una sintomatologia simile a una malattia mentale, che può rendere difficile distinguere tra sindromi psichiatriche indotte da sostanze e problemi di salute mentale preesistenti. Il più delle volte i disturbi psichiatrici tra i tossicodipendenti o gli alcolisti scompaiono con l'astinenza prolungata. I sintomi psichiatrici indotti da sostanze possono verificarsi sia nello stato di intossicazione che durante lo stato di astinenza. In alcuni casi questi disturbi psichiatrici indotti da sostanze possono persistere a lungo dopo la disintossicazione, come psicosi prolungata o depressione dopo abuso di amfetamine o cocaina. L'abuso di allucinogeni può innescare fenomeni deliranti e altri fenomeni psicotici molto tempo dopo la cessazione dell'uso. La cannabis può scatenare attacchi di panico durante l'intossicazione e l'uso prolungato può causare uno stato simile alla distimia. Grave ansia e depressione sono comunemente indotte dall'abuso prolungato di alcol, condizione che nella maggior parte dei casi diminuisce con l'astinenza prolungata. Anche un uso moderato e prolungato di alcol può aumentare i livelli di ansia e depressione in alcuni individui. Nella maggior parte dei casi questi disturbi psichiatrici indotti da farmaci svaniscono con l'astinenza prolungata. Anche una sindrome da astinenza prolungata può portare a sintomi psichiatrici e altri sintomi che persistono per mesi dopo la cessazione dell'uso. Tra i farmaci da prescrizione, le benzodiazepine sono quello che più facilmente induce livelli di astinenza prolungati con sintomi che a volte persistono per anni dopo la cessazione dell'uso[5].

Studi epidemiologici longitudinali non supportano l'ipotesi che la comorbidità dei disturbi da uso di sostanze con altre malattie psichiatriche sia principalmente una conseguenza dell'abuso o della dipendenza da sostanze, o che l'aumento della comorbidità sia in gran parte attribuibile all'aumento dell'uso di sostanze[6]. Spesso viene data enfasi sugli effetti delle sostanze sul cervello, creando l'impressione che le doppie diagnosi siano una conseguenza naturale di queste sostanze. Tuttavia, le sostanze che creano dipendenza, così come l'esposizione al gioco d'azzardo, non portano a comportamenti di dipendenza nella totalità degli individui, ma solo in quelli vulnerabili, sebbene, secondo alcuni ricercatori, il neuroadattamento e la regolazione della plasticità neuronale possano alterare in alcuni casi l'espressione genica e successivamente portare a disturbi da uso di sostanze[senza fonte].

Infine, gli strumenti di ricerca spesso non sono sufficientemente sensibili per discriminare tra patologia indipendente e sintomi indotti da sostanze. Per aumentare la validità diagnostica sono stati sviluppati strumenti strutturati, come la Global Appraisal of Individual Needs (Short Screener-GAIN-SS) e la Psychiatric Research Interview for Substance and Mental Disorders for DSM-IV (PRISM)[7]. Mentre gli strumenti strutturati possono aiutare a organizzare le informazioni diagnostiche, la diagnosi rimane a carico dei medici, che devono comunque formulare giudizi sull'origine dei sintomi.

Teorie[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse teorie che si propongono di spiegare la relazione tra malattia mentale e abuso di sostanze[8].

Causalità[modifica | modifica wikitesto]

La teoria della causalità suggerisce che alcuni tipi di abuso di sostanze possono causare direttamente malattie mentali.

Ci sono prove evidenti che l'uso della cannabis può produrre esperienze psicotiche e disturbi dell'umore[9]. Quando si tratta di effetti persistenti, c'è un chiaro aumento dell'incidenza di esiti psicotici nelle persone che avevano fatto uso di cannabis, anche quando l'avevano usata solo una volta. L'uso frequente di cannabis sembra aumentare fortemente il rischio di psicosi, mentre l'evidenza di esiti rispetto a disturbi affettivi è meno forte[9]. Tuttavia, la connessione tra cannabis e psicosi non prova che la cannabis causi direttamente disturbi psicotici[9]. La teoria della causalità rispetto alla cannabis è stata messa in dubbio poiché, nonostante l'aumento esplosivo del consumo di cannabis negli ultimi 40 anni nella società occidentale, l'incidenza della schizofrenia (e delle psicosi in generale) è rimasta relativamente stabile[10][11][12].

Disturbo da deficit di attenzione/iperattività[modifica | modifica wikitesto]

Una persona su quattro che ha un disturbo da uso di sostanze ha anche un disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD)[13], che rende più difficile il trattamento di entrambe le condizioni. L'ADHD è associato a un aumento del desiderio di droghe[14]. Essere affetto da ADHD rende più probabile che un individuo inizi ad abusare di sostanze in giovane età, rispetto ai suoi coetanei[15]. I pazienti con ADHD hanno anche maggiori probabilità di avere esiti peggiori, come un tempo più lungo per la remissione e un aumento delle complicazioni psichiatriche dovute all'abuso di sostanze[14][15]. Sebbene i farmaci stimolanti non sembrino peggiorare l'abuso di sostanze, è noto che in alcuni casi vi sia un abuso di tali farmaci. La terapia psicosociale e/o i farmaci non stimolanti e gli stimolanti a rilascio prolungato sono opzioni di trattamento per l'ADHD che riducono questi rischi[15].

Disturbo dello spettro autistico[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dell'ADHD, che aumenta significativamente il rischio di uso di sostanze, il disturbo dello spettro autistico (DSA) hanno l'effetto opposto di ridurre significativamente il rischio di abuso di sostanze. Questo perché l'introversione, l'inibizione e la ristrettezza di interessi, che sono tipici del disturbo dello spettro autistico, in un certo senso "proteggono" dall'abuso di sostanze[16]. Tuttavia, alcune forme di abuso di sostanze, in particolare l'abuso di alcol, possono causare o peggiorare alcuni sintomi neuropsicologici che sono comuni al disturbo dello spettro autistico, come abilità sociali compromesse a causa degli effetti neurotossici dell'alcol sul cervello, in particolare l'area della corteccia prefrontale del cervello. Le abilità sociali che sono compromesse dall'abuso di alcol includono menomazioni nella percezione delle emozioni facciali, problemi di percezione della prosodia e della teoria della mente; la capacità di comprendere l'umorismo è inoltre ridotta anche nei consumatori di alcol[17].

Teoria della passata esposizione ai farmaci psichiatrici[modifica | modifica wikitesto]

La teoria della passata esposizione suggerisce che l'esposizione a farmaci psichiatrici alteri le sinapsi neurali, introducendo uno squilibrio che non era precedentemente presente. Questo punto di vista prevede che l'interruzione del farmaco provochi sintomi di malattia psichiatrica, che si risolvono una volta che il farmaco viene ripreso[18]. Questa teoria suggerisce che sebbene possa sembrare che il farmaco funzioni, esso tratta solo un disturbo causato dal farmaco stesso[18]. Una nuova esposizione a farmaci psichiatrici può portare a una maggiore sensibilità agli effetti di droghe come l'alcol, che hanno a loro volta un effetto deteriorante sul paziente[19][20][21][22].

Teoria dell'automedicazione[modifica | modifica wikitesto]

La teoria dell'automedicazione suggerisce che le persone con gravi malattie mentali abusino di sostanze per alleviare una serie specifica di sintomi e contrastare gli effetti collaterali negativi dei farmaci antipsicotici[23].

Khantizan propone che le sostanze non siano scelte a caso, ma siano selezionate in modo specifico per i loro effetti. Ad esempio, l'uso di stimolanti come la nicotina o le anfetamine può essere utilizzato per combattere la sedazione che può essere causata da dosi elevate di alcuni tipi di farmaci antipsicotici[23]. Al contrario, alcune persone che assumono farmaci con un effetto stimolante come gli antidepressivi SNRI Effexor (venlafaxina) o Wellbutrin (bupropione) possono cercare benzodiazepine o narcotici oppioidi per contrastare l'ansia e l'insonnia che tali farmaci a volte evocano.

Alcuni studi dimostrano che la somministrazione di nicotina può essere efficace per ridurre gli effetti collaterali motori degli antipsicotici, prevenendo sia la bradicinesia[24] (rigidità muscolare) che la discinesia[25] (movimenti involontari).

Teoria dell'attenuazione della disforia[modifica | modifica wikitesto]

La teoria dell'attenuazione della disforia suggerisce che le persone con gravi malattie mentali hanno comunemente un'immagine di sé negativa, che le rende vulnerabili all'uso di sostanze psicoattive per alleviare questi sentimenti. La letteratura sui motivi auto-riferiti di utilizzo di sostanze sembra fornire supporto all'esperienza di una vasta gamma di sentimenti disforici (ansia, depressione, noia e solitudine) come motivazione principale per l'alcolismo e altri abusi di droghe[26].

Teoria dei fattori di rischio condivisi[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra teoria sostiene che potrebbero esserci fattori di rischio condivisi che possono portare sia all'abuso di sostanze che a malattie mentali. Mueser ipotizza che questi possano includere fattori come l'isolamento sociale, la povertà, la mancanza di un'attività quotidiana strutturata, la mancanza di responsabilità del ruolo degli adulti, la vita in aree con elevata disponibilità di droga e l'associazione con persone che già fanno un uso improprio di droghe[27][28].

Altre prove suggeriscono che eventi traumatici della vita, come l'abuso sessuale, sono associati sia allo sviluppo di problemi psichiatrici che all'abuso di sostanze[29].

Teoria dell'ipersensibilità[modifica | modifica wikitesto]

La teoria dell'ipersensibilità[30] propone che alcuni individui con una grave malattia mentale abbiano anche vulnerabilità biologiche e psicologiche, causate da eventi genetici e ambientali precoci. Questi interagiscono con successivi eventi di vita stressanti e possono provocare un disturbo psichiatrico o innescare una ricaduta di una malattia esistente. La teoria afferma che sebbene i farmaci antipsicotici possano ridurre la vulnerabilità, l'abuso di sostanze può aumentarla, facendo sì che l'individuo abbia maggiori probabilità di subire conseguenze negative dall'uso di quantità relativamente piccole di sostanze. Questi individui, quindi, sono "ipersensibili" agli effetti di alcune sostanze, e gli individui con malattie psicotiche come la schizofrenia possono essere meno capaci di sostenere un uso moderato di sostanze nel tempo senza manifestare sintomi negativi.

Sebbene vi siano limitazioni negli studi di ricerca condotti sull'argomento, nel senso che la maggior parte di essi si è concentrata principalmente sulla schizofrenia, questa teoria fornisce una spiegazione del motivo per cui livelli relativamente bassi di abuso di sostanze spesso comportano conseguenze particolarmente negative per le persone con gravi malattie mentali[30].

Prevalenza[modifica | modifica wikitesto]

La comorbilità dei disturbi da dipendenza con altri disturbi psichiatrici, cioè la doppia diagnosi, è molto frequente[31] e si è accumulata un'ampia letteratura che dimostra che i disturbi mentali sono fortemente associati all'uso di sostanze. Un'indagine nazionale del 2011 negli Stati Uniti, sull'uso di droghe e sulla salute, ha rilevato che il 17,5% degli adulti con una malattia mentale aveva un disturbo da uso di sostanze concomitante; questo dato percentuale si traduce in un numero assoluto di 7,98 milioni di persone.[32]. Le stime di disturbi concomitanti in Canada sono ancora più elevate, con circa il 40-60% degli adulti con una malattia mentale grave e persistente che sperimenta un disturbo da uso di sostanze nel corso della vita[33].

Uno studio di Kessler et al. negli Stati Uniti ha rilevato che il 47% dei pazienti con schizofrenia aveva avuto un disturbo da abuso di sostanze in un determinato momento della loro vita, e le possibilità di sviluppare un disturbo da abuso di sostanze erano significativamente più alte tra i pazienti affetti da psicosi rispetto a quelli senza una malattia psicotica[34][35].

Un altro studio ha esaminato l'entità dell'abuso di sostanze in un gruppo di 187 pazienti con malattie mentali croniche che vivono in comunità. Secondo le valutazioni dello studio, circa un terzo del campione ha utilizzato alcol, droghe o entrambi durante i sei mesi precedenti la valutazione[36].

Ulteriori studi britannici hanno mostrato tassi leggermente più moderati di abuso di sostanze tra i malati di mente. Uno studio ha rilevato che gli individui affetti da schizofrenia hanno una prevalenza del 7% nel consumo problematico di droghe nell'anno precedente l'intervista e il 21% ha riferito un uso problematico qualche tempo prima[37].

Wright e colleghi hanno identificato persone con malattie psicotiche che erano state in contatto con i servizi nel quartiere londinese di Croydon negli ultimi 6 mesi. I casi di abuso e dipendenza da alcol o sostanze sono stati identificati attraverso interviste standardizzate con pazienti e operatori. I risultati hanno mostrato che i tassi di prevalenza della doppia diagnosi erano del 33% per l'uso di qualsiasi sostanza, del 20% solo per l'abuso di alcol e del 5% solo per l'abuso di droghe. Una storia di vita caratterizzata da un uso di droghe illecite è stata osservata nel 35% del campione[38].

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

I disturbi da uso di sostanze possono essere confusi con altri disturbi psichiatrici. Esistono diagnosi per disturbi dell'umore indotti da sostanze e disturbi d'ansia indotti da sostanze e quindi tale sovrapposizione può essere complicata. Per questo motivo, il DSM-IV consiglia di non effettuare diagnosi di disturbi psichiatrici primari in assenza di sobrietà (di durata sufficiente a consentire la dissipazione dei sintomi post-astinenza acuti indotti da sostanze) fino a 1 anno.

Vi sono state critiche sostanziali al Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), a causa di problemi di sovrapposizione diagnostica, mancanza di confini chiari tra normalità e malattia, incapacità di prendere in considerazione i risultati di nuove ricerche e la mancanza di stabilità diagnostica nel tempo[39]. Secondo tali critiche, l'approccio nosologico non fornirebbe un quadro per l'eterogeneità interna (sintomi sottosoglia) o esterna (comorbilità) delle diverse categorie diagnostiche[40], rendendo problematica la formulazione della doppia diagnosi.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Solo una piccola percentuale di coloro che presentano una doppia diagnosi riceve effettivamente un trattamento per entrambi i disturbi. Pertanto, è stato affermato che è necessario un nuovo approccio per consentire a medici, ricercatori e operatori sanitari di offrire una valutazione adeguata e trattamenti basati sull'evidenza ai pazienti con doppia diagnosi, che non possono essere gestiti in modo adeguato ed efficiente mediante rinvio incrociato tra servizi psichiatrici e servizi di tossicodipendenza come attualmente rilevato[41]. Nel 2011, è stato stimato che solo il 12,4% degli adulti americani con disturbi concomitanti riceveva cure sia per la salute mentale che per le dipendenze[32]. I pazienti con doppia diagnosi affrontano difficoltà nell'accedere al trattamento, poiché potrebbero essere esclusi dai servizi di salute mentale se ammettono un problema di abuso di sostanze e viceversa[3].

Esistono diversi approcci per il trattamento delle doppie diagnosi. Il trattamento parziale prevede il trattamento solo del disturbo considerato primario. Il trattamento sequenziale prevede prima il trattamento del disturbo primario e poi il trattamento del disturbo secondario dopo che il disturbo primario è stato stabilizzato. Il trattamento parallelo prevede che il paziente riceva servizi di salute mentale da un servizio e servizi per le dipendenze da un altro[3].

Il trattamento integrato implica una combinazione di interventi in un unico schema di trattamento sviluppato con una filosofia e un approccio coerenti tra gli operatori sanitari[42][43]. Con questo approccio, entrambi i disturbi sono considerati primari[44]. Il trattamento integrato può migliorare l'accessibilità, l'individualizzazione del servizio, l'impegno nel trattamento, la compliance al trattamento, i sintomi di salute mentale e gli esiti complessivi[45][46]. La Substance Abuse and Mental Health Services Administration negli Stati Uniti descrive il trattamento integrato come nel migliore interesse di clienti, programmi, finanziatori e sistemi[44]. Green ha suggerito che il trattamento dovrebbe essere integrato e caratterizzato da un processo collaborativo tra il team di trattamento e il paziente[47]. Inoltre, il recupero dovrebbe essere visto come una "maratona" piuttosto che uno "sprint", e metodi e obiettivi dovrebbero essere espliciti.

Una meta-analisi del 2019 che includeva 41 studi controllati randomizzati non ha trovato evidenze di alta qualità a sostegno di alcun intervento psicosociale rispetto alla cura standard per risultati come la permanenza nel trattamento, la riduzione dell'uso di sostanze e/o il miglioramento del funzionamento globale e stato mentale[48].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atkins Charles., Co-occurring disorders : integrated assessment and treatment of substance use and mental disorders., [Place of publication not identified], Pesi Publishing & Media, 2014, ISBN 978-1-937661-52-6, OCLC 899586899.
  2. ^ (EN) Infinite Recovery Austin e Austin Drug Rehab USA –206-9063, Sober Living Austin, su Infinite Recovery. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  3. ^ a b c Standing Senate Committee on Social Affairs, Science, and Technology, Out of the Shadows at Last: Transforming Mental Health, Mental Illness and Addictions Services in Canada (PDF), Government of Canada, 2006. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  4. ^ Carlos Blanco, Analucía A. Alegría, Shang-Min Liu, Roberto Secades-Villa, Luisa Sugaya, Carrie Davies e Edward V. Nunes, Differences Among Major Depressive Disorder with and Without Co-occurring Substance Use Disorders and Substance-Induced Depressive Disorder, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 73, n. 6, 2012, pp. 865–873, DOI:10.4088/JCP.10m06673, PMID 22480900.
  5. ^ Katie Evans e Michael J. Sullivan, Dual Diagnosis: Counseling the Mentally Ill Substance Abuser, 2nd, Guilford Press, 1º marzo 2001, pp. 75–76, ISBN 978-1-57230-446-8.
  6. ^ Frisher M, Crome I, Martino O, Croft P. Assessing the impact of cannabis use on trends in diagnosed schizophrenia in the United Kingdom from 1996 to 2005. Schizophr Res. 2009;113(2-3):123-128. doi:10.1016/j.schres.2009.05.031
  7. ^ Hasin D, Samet S, Nunes E, Meydan J, Matseoane K, Waxman R. Diagnosis of comorbid psychiatric disorders in substance users assessed with the Psychiatric Research Interview for Substance and Mental Disorders for DSM-IV. Am J Psychiatry. 2006;163(4):689-696. doi:10.1176/ajp.2006.163.4.689
  8. ^ Mueser KT, Essock SM, Drake RE, Wolfe RS e Frisman L, Rural and urban differences in patients with a dual diagnosis, in Schizophrenia Research, vol. 48, n. 1, 2001, pp. 93–107, DOI:10.1016/S0920-9964(00)00065-7, PMID 11278157.
  9. ^ a b c Moore TH, Zammit S, Lingford-Hughes A, Barnes TR, Jones PB, Burke M e Lewis G, Cannabis use and risk of psychotic or affective mental health outcomes: a systematic review (PDF), in The Lancet, vol. 370, n. 9584, 2007, pp. 319–28, DOI:10.1016/S0140-6736(07)61162-3, PMID 17662880. URL consultato il 10 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2012).
  10. ^ Degenhardt L, Hall W, Lynskey M, Comorbidity between cannabis use and psychosis: Modelling some possible relationships. (PDF), Technical Report No. 121., Sydney: National Drug and Alcohol Research Centre., 2001. URL consultato il 19 agosto 2006 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2006).
  11. ^ Martin Frisher, Ilana Crome, Orsolina Martino e Peter Croft., Assessing the impact of cannabis use on trends in diagnosed schizophrenia in the United Kingdom from 1996 to 2005 (PDF), in Schizophrenia Research, vol. 113, 2–3, 2009, pp. 123–128, DOI:10.1016/j.schres.2009.05.031, PMID 19560900.
  12. ^ Archived copy (PDF), su nhsconfed.org. URL consultato il 5 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2010). Key facts and trends in mental health, National Health Service, 2009
  13. ^ K. van Emmerik-van Oortmerssen, G. van de Glind, W. van den Brink, F. Smit, CL. Crunelle, M. Swets e RA. Schoevers, Prevalence of attention-deficit hyperactivity disorder in substance use disorder patients: a meta-analysis and meta-regression analysis., in Drug Alcohol Depend, vol. 122, 1–2, Apr 2012, pp. 11–9, DOI:10.1016/j.drugalcdep.2011.12.007, PMID 22209385.
  14. ^ a b T. Frodl, Comorbidity of ADHD and Substance Use Disorder (SUD): a neuroimaging perspective., in J Atten Disord, vol. 14, n. 2, Sep 2010, pp. 109–20, DOI:10.1177/1087054710365054, PMID 20495160.
  15. ^ a b c HP. Upadhyaya, Managing attention-deficit/hyperactivity disorder in the presence of substance use disorder., in J Clin Psychiatry, 68 Suppl 11, 2007, pp. 23–30, PMID 18307378.
  16. ^ M. Ramos, L. Boada, C. Moreno, C. Llorente, J. Romo e M. Parellada, Attitude and risk of substance use in adolescents diagnosed with Asperger syndrome., in Drug Alcohol Depend, vol. 133, n. 2, Aug 2013, pp. 535–40, DOI:10.1016/j.drugalcdep.2013.07.022, PMID 23962420.
  17. ^ Uekermann J, Daum I, Social cognition in alcoholism: a link to prefrontal cortex dysfunction?, in Addiction, vol. 103, n. 5, May 2008, pp. 726–35, DOI:10.1111/j.1360-0443.2008.02157.x, PMID 18412750.
  18. ^ a b http://robertwhitaker.org/robertwhitaker.org/Anatomy%20of%20an%20Epidemic.html
  19. ^ Supersensitivity Psychosis: The Evidence, su knowledgeisnecessity.blogspot.com, 5 novembre 2010.
  20. ^ Evidence of Neuroleptic Drug-Induced Brain Damage, su ahrp.org, 20 gennaio 2000.
  21. ^ Steiner W, Neuroleptic-induced supersensitivity psychosis in patients with bipolar affective disorder, in Acta Psychiatrica Scandinavica, vol. 81, n. 5, 1990, pp. 437–440, DOI:10.1111/j.1600-0447.1990.tb05477.x, PMID 1972608.
  22. ^ http://breggin.com/index.php?option=com_docman&task=doc_download&gid=232&Itemid=37
  23. ^ a b Khantzian EJ, The self-medication hypothesis of substance use disorders: a reconsideration and recent applications, in Harv Rev Psychiatry, vol. 4, n. 5, 1997, pp. 231–44, DOI:10.3109/10673229709030550, PMID 9385000.
  24. ^ Yang YK, Nelson L, Kamaraju L, Wilson W, McEvoy JP, Nicotine decreases bradykinesia-rigidity in haloperidol-treated patients with schizophrenia, in Neuropsychopharmacology, vol. 27, n. 4, October 2002, pp. 684–6, DOI:10.1016/S0893-133X(02)00325-1, PMID 12377405.
  25. ^ Silvestri S, Negrete JC, Seeman MV, Shammi CM, Seeman P, Does nicotine affect D2 receptor upregulation? A case-control study, in Acta Psychiatr Scand, vol. 109, n. 4, April 2004, pp. 313–7; discussion 317–8, DOI:10.1111/j.1600-0447.2004.00293.x, PMID 15008806.
  26. ^ Pristach CA e Smith CM, Self-reported effects of alcohol use on symptoms of schizophrenia, in Psychiatr Serv, vol. 47, n. 4, 1996, pp. 421–3, DOI:10.1176/ps.47.4.421, PMID 8689377.
  27. ^ Anthony, J.C. & Helzer, J.E. 1991, "Syndromes of drug abuse and dependence", in Psychiatric Disorders in America: The Epidemiologic Catchment Area Study, L.N. Robins & D.A. Regier, eds., Free Press, New York, pp. 116–154.
  28. ^ Berman, S e Noble, EP, Childhood antecedents of substance misuse, in Current Opinion in Psychiatry, vol. 6, n. 3, 1993, pp. 382–7, DOI:10.1097/00001504-199306000-00012.
  29. ^ Banerjee, S., Clancy, C., & Crome, I. 2002, "Co-existing Problems of Mental Disorder and Substance Misuse (dual diagnosis). An Information Manual. Found at http://www.rcpsych.ac.uk", Royal College of Psychiatrists' Research Unit.
  30. ^ a b Mueser KT, Drake RE e Wallach MA, Dual diagnosis: a review of etiological theories, in Addictive Behaviors, vol. 23, n. 6, 1998, pp. 717–34, DOI:10.1016/S0306-4603(98)00073-2, PMID 9801712.
  31. ^ Simon J. Adamson, Fraser C. Todd, J. Douglas Sellman, Terry Huriwai e Joel Porter, Coexisting Psychiatric Disorders in a New Zealand Outpatient Alcohol and other Drug Clinical Population, in Australian & New Zealand Journal of Psychiatry, vol. 40, n. 2, 2006, pp. 164–170, DOI:10.1080/j.1440-1614.2006.01764.x, PMID 16476135.
  32. ^ a b Substance Abuse and Mental Health Services Administration, Results from the 2011 National Survey on Drug Use and Health: Mental Health Findings, su samhsa.gov, 2012. URL consultato il 5 aprile 2013.
  33. ^ Health Canada, Best Practices: Concurrent Mental Health and Substance Use Disorders (PDF), Government of Canada, 2012. URL consultato il 5 aprile 2013.
  34. ^ Kessler RC, McGonagle KA, Zhao S, Nelson CB, Hughes M, Eshleman S, Wittchen HU e Kendler KS, Lifetime and 12-month prevalence of DSM-III-R psychiatric disorders in the United States. Results from the National Comorbidity Survey (PDF), in Archives of General Psychiatry, vol. 51, n. 1, 1994, pp. 8–19, DOI:10.1001/archpsyc.1994.03950010008002, PMID 8279933.
  35. ^ Regier DA, Farmer ME, Rae DS, Locke BZ, Keith SJ, Judd LL e Goodwin FK, Comorbidity of mental disorders with alcohol and other drug abuse. Results from the Epidemiologic Catchment Area (ECA) Study, in JAMA, vol. 264, n. 19, 1990, pp. 2511–18, DOI:10.1001/jama.264.19.2511, PMID 2232018.
  36. ^ Drake RE e Wallach MA, Moderate drinking among people with severe mental illness, in Hospital & Community Psychiatry, vol. 44, n. 8, 1993, pp. 780–2, DOI:10.1176/ps.44.8.780, PMID 8375841.
  37. ^ R Cantwell e Scottish Comorbidity Study Group, Substance use and schizophrenia: effects on symptoms, social functioning and service use, in British Journal of Psychiatry, vol. 182, n. 4, 2003, pp. 324–9, DOI:10.1192/bjp.182.4.324, PMID 12668408.
  38. ^ Wright S, Gournay K, Glorney E e Thornicroft G, Dual diagnosis in the suburbs: prevalence, need, and in-patient service use, in Social Psychiatry & Psychiatric Epidemiology, vol. 35, n. 7, 2000, pp. 297–304, DOI:10.1007/s001270050242, PMID 11016524.
  39. ^ Zimmerman M, Chelminski I, Young D, etal, Does DSM-IV capture the dimensional nature of personality disorders?, in J Clin Psychiatry, vol. 72, n. 10, 2011, pp. 1333–1339, DOI:10.4088/jcp.11m06974, PMID 21903031.
  40. ^ Szerman N, Martinez-Raga J, Peris L. et al. Rethinking Dual Disorders. Addictive Disorders & Their Treatment. Epub ahead August 2012
  41. ^ Weaver T, Madden P, Charles V, etal, Comorbidity of substance misuse and mental illness in community mental health and substance misuse services, in Br J Psychiatry, vol. 183, n. 4, 2003, pp. 304–313, DOI:10.1192/bjp.183.4.304, PMID 14519608.
  42. ^ Drake RE Mueser KT Brunette MR McHugo GJ, A Review of Treatments for People with Severe Mental Illness and Co-Occurring Substance Use Disorders, in Psychiatric Rehabilitation Journal, vol. 27, n. 4, 2004, pp. 360–374, DOI:10.2975/27.2004.360.374.
  43. ^ Kathleen_2009 Sciacca, Best Practices for Dual Diagnosis Treatment and Program Development: Co-occurring Mental Illness and Substance Disorders in Various Combinations, in Angela Brown-Miller (a cura di), The Praeger International Collection on Addictions, vol. 3, Praeger, pp. 161–188.
  44. ^ a b Center for Co-Occurring Disorders, Overarching Principles to Address the Needs of Persons with Co-Occurring Disorders (PDF), Substance and Mental Health Services Administration, 2006. URL consultato il 5 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  45. ^ American Psychiatric Association, Practice Guidelines for the Treatment of Patients with Substance Use Disorders, 2nd ed, su psychiatryonline.org, 2006. URL consultato il 5 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2013).
  46. ^ Rush B Fobb B Nadeau L Furlong A, On the Intregation of Mental Health and Substance Use Services and Systems: Main Report (PDF), Canadian Executive Council on Addictions, 2008. URL consultato il 5 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2011).
  47. ^ Green MD, Development of a Dual Disorders Program Methodology for Better Outcomes, in Psychiatric Times, 19 marzo 2009.
  48. ^ Glenn E. Hunt, Nandi Siegfried, Kirsten Morley, Carrie Brooke-Sumner e Michelle Cleary, Psychosocial interventions for people with both severe mental illness and substance misuse, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, vol. 12, 12 dicembre 2019, pp. CD001088, DOI:10.1002/14651858.CD001088.pub4, ISSN 1469-493X (WC · ACNP), PMC 6906736, PMID 31829430.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]