Condizione della donna in Kuwait

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Donne in Kuwait)
Nazionale femminile di calcio kuwaitiana.

Le donne in Kuwait sono tra le più emancipate di tutta la regione mediorientale.[1][2][3]

Nel 2011 il Kuwait è stato classificato in vetta alla classifica tra tutte le nazioni di religione musulmana del Medio Oriente per quel che riguarda l'uguaglianza fra uomini e donne, secondo lo Human Development Report (HDR) delle Nazioni Unite nel suo Indice di disuguaglianza di genere (Gender Inequality Index-GII; un nuovo indice per la misurazione della disparità di genere sessuale che è stato introdotto nel 2010).[1] Il Kuwait è anche classificato al secondo posto, dopo Israele, nella parità di genere secondo il Global Gender Gap Report[4] (edizione 2012)

Nel 2012 quasi il 50% delle donne del Kuwait era pienamente integrato all'interno della classe lavoratrice, con accesso all'attività di giudici, poliziotti, guardie reali e Ufficiali delle forze speciali.[5] la loro partecipazione all'interno della vita sociale risulta quindi esser molto più alta rispetto alla media dei paesi della regione.[6] le donne sono in grado di lavorare e mantenersi liberamente ed hanno la possibilità di raggiungere anche alte posizioni di potere ed influenza.[7] Legalmente vi è piena parità di diritti civili: nonostante ciò possono ancora verificarsi atti discriminatori in quanto i tribunali di famiglia, per i cittadini musulmani, sono regolati dalla legge islamica. Per i non musulmani vigono invece tribunali familiari laici.

Il suffragio elettorale femminile è stato adottato a partire dalle elezioni amministrative svoltesi nel maggio 2005[8][9]; entro lo stesso anno il governo ha nominato le prime donne ministro, ai dicasteri della pianificazione e dello sviluppo amministrativo (in seguito divenute tre); infine nel 2009 si è avuto l'ingresso nel parlamento nazionale delle prime quattro elette.[10]

Le donne in Kuwait non sono però autorizzate a trasmettere la cittadinanza ai loro discendenti, a meno che anche il padre non sia un cittadino dello stato[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gender inequality, fanack.com. URL consultato il 28 luglio 2013.
  2. ^ Women and Global Human Rights, Webster.edu. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  3. ^ Freedomhouse report - Kuwait
  4. ^ Gender Gap Report 2012 Page 52
  5. ^ Millennium Development Goals Progress Report (PDF), scpd.gov.kw, p. 12. URL consultato il 28 luglio 2013.
  6. ^ Kuwait: Selected Issues and Statistical Appendix, in International Monetary Fund, 2012, pp. 43.
  7. ^ Kuwait Guide: Working Women, What is working in Kuwait like?, Justlanded.com. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  8. ^ Kuwaiti women win right to vote, May 2005, BBC News, 17 maggio 2005. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  9. ^ Women's Suffrage, Ipu.org, 23 maggio 1997. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  10. ^ First Women win Seats in Kuwaiti Parliament, May 2009, NY Times, 17 maggio 2009. URL consultato il 14 dicembre 2012.
  11. ^ Kuwaiti women married to non-Kuwaitis given the right to sponsor their children and their husbands, Habibtoumi.com, 15 luglio 2010. URL consultato il 10 ottobre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]