Donne di frontiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donne di frontiera
Titolo originaleRoughshod
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1949
Durata88 min.
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generewestern, sentimentale, drammatico
RegiaMark Robson
SoggettoPeter Viertel
SceneggiaturaDaniel Mainwaring e Hugo Butler
ProduttoreRichard H. Berger
Produttore esecutivoJack J. Gross
Casa di produzioneRKO Radio Pictures
FotografiaJoseph F. Biroc
MontaggioMarston Fay
Effetti specialiRussell A. Cully
MusicheRoy Webb

Paul Sawtell (non accreditato)

C. Bakaleinikoff (direzione musicale)
ScenografiaLucius O. Croxton e Albert S. D'Agostino
Darrell Silvera, John Sturtevant (arredamenti)
CostumiRenié
TruccoGordon Bau (supervisore)
Interpreti e personaggi

Donne di frontiera (Roughshoud) è un film del 1949 diretto da Mark Robson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quattro amiche, Mary, Elaine, Marcia ed Helen, decidono di lasciare la città dove vivono e chiedono a un mandriano, Clay, ed al suo giovane fratello di dar loro un passaggio. Elaine è la prima a lasciare il carro una volta raggiunto il ranch della sua famiglia ed è seguita a ruota da Marcia che ritrova il suo fidanzato. Le due rimaste chiedono a Clay di portarle con loro in California. Riluttante il ragazzo accetta, ben consapevole di avere alle costole un malvivente che lo insegue per fargli pagare un vecchio torto. Prima di arrivare a destinazione, Helen conosce un cercatore e decide di sposarlo, ben presto saranno uccisi dal bandito che insegue Clay, che insieme a Mary e al fratello sta ancora cercando di arrivare in California.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film, prodotto dalla RKO Radio Pictures, durarono da fine giugno a metà agosto 1947[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla RKO Radio Pictures, Inc., fu registrato il 16 giugno 1949 con il numero LP2382[1]. La compagnia non fece uscire la pellicola per quasi due anni, distribuendolo in sala nel maggio 1949.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AFI

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Richard B. Jewell e Vernon Harbin, The RKO Story, Arlington House, 1982, ISBN 0-517-546566.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema