Nella Gambini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Donatella Gambini)
Nella Gambini
in un fotogramma del videoclip Nel silenzio splende (1984).
in un fotogramma del videoclip

Nel silenzio splende (1984).

Nazionalità Italia Italia
Genere
Periodo di attività 1963-2003 / 1966-2001 (sullo schermo)

Nella Gambini[1] (Ferrara, 6 gennaio 1953Roma, 1º maggio 2016[2]) è stata un'attrice e cantante italiana.

Attiva come stuntgirl per il cinema tra il 1966 e il 1977, periodo che l'ha vista impegnata sul set di parecchi film western, poliziotteschi e commedia all'italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia naturale dello stuntman romano Biagio Gambini e di origini cubane da parte materna[3], dopo essere nata artisticamente all'età di dieci anni come cantante nei café-concert, e aver debuttato in teatro al fianco della quasi novantenne Emma Gramatica, iniziò la stessa attività del padre, lavorando nel mondo del cinema come stuntgirl-controfigura.

Partecipò attivamente al collettivo femminista di Campo de' Fiori, nella capitale, insieme a Gabriella Ferri.

Ha vissuto a Roma dal 1966 fino alla sua scomparsa, avvenuta nella discrezione e nel riserbo più assoluto il 1º maggio 2016, all'età di 63 anni.

Carriera artistica in Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver esordito al fianco dell'attrice Emma Gramatica (1874-1965), lavorò con presenze del calibro di Paola Borboni e Arnoldo Foà, ma anche di Tina Lattanzi e Vera Drudi.

A partire dal 1966, entrò a far parte della compagnia teatrale fondata da Checco Durante, che vedeva presenti tra gli altri Anita Durante, Leila Durante ed Enzo Liberti, in scena al Teatro Rossini di Roma. Comparve nel documentario Rai su Roma trasteverina, assieme a Durante: entrambi recitarono alcuni stornelli tipici della tradizione trasteverina.

Affiancò sia Anna Magnani alla fine del 1966, sia Valeria Moriconi nel 1972 in Medea, per la regia rispettivamente di Giancarlo Menotti e Franco Enriquez.

Con la morte di Checco Durante, avvenuta a Roma il 5 gennaio 1976, si staccò dalla compagnia.

Nella stagione teatrale 1977-'78 fu accanto a Bruno Vilar, divenuto qualche anno prima marito della Borboni. Insieme a questi ultimi prese parte poi a Lady Edoardo, per la regia di Aldo Trionfo.

Nel corso degli anni ottanta ha lavorato nelle pièces La strana coppia (1986) e Prima pagina (1988), insieme a Monica Vitti.

A cavallo tra gli anni novanta e gli anni duemila è stata protagonista di alcuni seminari di recitazione assieme alle colleghe Susanna Javicoli e Jenny Tamburi.

Si è occupata anche di musiche ed elementi di scena e parallelamente all'attività teatrale, ha condotto quella di cantante nei locali romani.

Cinema, TV e Radio[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppò proficuamente l'attività di stuntgirl in qualità di acrobata, cascatrice, stunt driver e fece spesso da controfigura ad attrici e attori alla guida di motociclette.

La presenza negli spettacoli del padre e l'assidua frequentazione del mondo del cinema, la portarono quindi, nel giro di poco tempo, a perfezionarsi come acrobata professionista. Assieme al padre, organizzò una serie di numeri acrobatici, mostrati anche in spettacoli televisivi, tra cui Canzonissima 1968.

Presente in molti film polizieschi, agile e dotata anche nelle scene più pericolose, si rivelò un'eccellente stuntgirl. Nel 1977 concluse tale esperienza.

Si dedicò anche al doppiaggio, prestando molto spesso voce a Simonetta Stefanelli ne La moglie giapponese di Gian Luigi Polidoro, In nome del popolo italiano di Dino Risi e ne Il padrino di Francis Ford Coppola; a Fiorella Mannoia nei pochi spaghetti-western da lei realizzati, alla francese Carole André, ai piccoli Duilio Cruciani e Renato Cestiè.

Diede voce alla disperata moglie di Cesare, interpretato da Luigi Uzzo, in Trastevere di Fausto Tozzi (1971).

Ha partecipato a diversi varietà radiofonici andati in onda sulle frequenze locali di Radio Roma, come Radio Campidoglio e Campo de' Fiori, al fianco di molti attori della compagnia di Checco Durante.

Nel dal 1982 venne ingaggiata da Claudio Villa per il suo programma Radio Blitz su Radio Lazio, nel corso del quale si aggiunse anche la Sora Lella.

Renzo Montagnani la chiamò per interpretare la maestrina nei suoi divertenti sketch, in cui indossava i panni di Don Fumino, nella trasmissione Ci pensiamo lunedì del 1983, condotta da Alida Chelli.[senza fonte]

Lavorò, infine, anche come acting-coach sui set di varie serie TV girate a Cinecittà.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Stuntgirl[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Simonetta Stefanelli in La moglie giapponese, In nome del popolo italiano, Il padrino
  • Fiorella Mannoia in Una colt in mano al diavolo, E il terzo giorno arrivò il corvo, Sei bounty killers per una strage
  • Duilio Cruciani in Correva l'anno di grazia 1870

Varietà radiofonici RAI[modifica | modifica wikitesto]

  • Campidoglio, settimanale domenicale di vita romana, trasmissione locale di Roma e del Lazio.

Varietà televisivi RAI[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Nella Gambini nel corso della sua carriera è apparsa anche in diversi videoclip di alcune canzoni, tra cui:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Biografia, filmografia e note su IMDb.com

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ talvolta indicata con il nome completo Nella C. Gambini
  2. ^ Lo rende noto il figlio, tramite post pubblico su Facebook, alle 9:48 dell'8/5/2016
  3. ^ Informazione deducibile dall'annuncio di morte: “[...] concepita nella capitale ma nata per caso a Ferrara il 6 gennaio del 1953, mentre la madre (cubana) e il padre (forzuto acrobata-trapezista-giocoliere trasteverino) girovagavano su e giù per lo stivale in attesa di sbarcare il lunario.”
  4. ^ Donatella e Nella Gambini non sono la stessa persona. Vedasi la pagina di Discussione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]