Donatella (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Donatella
Donatella Romanzo criminale.png
Giovanna Di Rauso interpreta Donatella nella serie televisiva Romanzo criminale
UniversoRomanzo criminale
Lingua orig.Italia
SessoFemmina
Data di nascita18 luglio 1957

Donatella, nome completo Donatella Caviati, è un personaggio letterario, co-protagonista del libro di Giancarlo De Cataldo, Romanzo criminale, ispirato alla vera storia della banda della Magliana; il personaggio di Donatella è ispirato alla figura di Fabiola Moretti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Donatella, è una giovane criminale romana, responsabile dello spaccio di droga nella zona di Latina e sentimentalmente legata a Nembo Kid, un criminale che serve da tramite tra la banda e la mafia. Entra in contatto con la banda a seguito delle ricerche compiute dal Freddo, dopo il ricovero in ospedale del fratello Gigio, intossicato da una partita di droga scadente, venduta proprio da lei.

Dopo la morte del Libanese il Freddo le affiderà la zona di Trastevere, entrando per questo in conflitto con il Sardo, eseguendo anche altri lavori commissionatigli dalla banda ed in particolare dal Dandi, che la incaricherà di recuperare l'elenco degli appartenenti alla loggia P2, in quel momento in possesso del Larinese che lei ucciderà, assicurandosi la riconoscenza anche dei servizi segreti, allo scopo di indurre il Vecchio ad evitargli la condanna dopo il suo arresto, dovuto alle rivelazioni del Sorcio.

A seguito della disgregazione della banda si legherà ai servizi segreti e sarà lei ad eliminare personalmente Ruggero Buffoni ed il Freddo, poco prima che questi possa incontrare il commissario Scialoja, per realizzare il suo proposito di pentimento.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Dal libro è stato tratto il film del 2005 Romanzo criminale, diretto da Michele Placido, nel quale Donatella non compare, mentre, nel 2008, il regista Stefano Sollima realizza la serie televisiva Romanzo criminale dove è interpretata da Giovanna Di Rauso.