Donald Edward Machholz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Donald Edward Machholz (Portsmouth (Virginia), 7 ottobre 1952) è un astronomo statunitense.

Donald Edward Machholz risiede a Colfax, in California. Ha scoperto undici comete, tra cui le comete periodiche 96P/Machholz e 141P/Machholz e la cometa non periodica C/2004 Q2 Machholz che nel 2004 e nel 2005 è stata facilmente osservabile nei cieli settentrionali con il binocolo. La scoperta di queste comete fa di Machholz il più prolifico scopritore visuale americano di comete attualmente vivente.

È considerato uno degli inventori della Maratona Messier, una prova individuale durante la quale si cerca di osservare in una sola notte tutti gli oggetti presenti sul Catalogo di Messier.

Nel 2005 e nel 2010 ha ricevuto il Edgar Wilson Award[1]. Machholz ha ricevuto anche il Tuthill Comet Award, un premio consistente in 250 dollari e una targa (un premio ora non più assegnato)[2].

Comete Machholz[modifica | modifica sorgente]

Le comete scoperte da Machholz sono in ordine di scoperta[3]:

Cometa Designazione alternativa Data di scoperta Data di transito al perielio
C/1978 R3 1978 XIII, 1978l 12 settembre 1978 13 agosto 1978
C/1985 K1 1985 VIII, 1985e 27 maggio 1985 28 giugno 1985
96P/Machholz Machholz 1, 1986 J2, 1991 XII, 1986e, 1986 VII 12 maggio 1986 23 aprile 1986
C/1988 P1 1988 XV, 1988j 6 agosto 1988 17 settembre 1988
C/1992 F1 Tanaka-Machholz, 1992 X, 1992d 31 marzo 1992 22 aprile 1992
C/1992 N1 1992 XVII, 1992k 2 luglio 1992 10 luglio 1992
C/1994 N1 Nakamura-Nishimura-Machholz, 1994 XX, 1994m 6 luglio 1994 12 luglio 1994
141P/Machholz Machholz 2, 1994 XXVI, 1994o 13 agosto 1994 18 settembre 1994
C/1994 T1 1994 XXVII, 1994r 8 ottobre 1994 2 ottobre 1994
C/2004 Q2 27 agosto 2004 24 gennaio 2005
C/2010 F4 26 marzo 2010 5 aprile 2010


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Edgar Wilson Award Recipients
  2. ^ (EN) Comet Awards and Their Social Impact
  3. ^ (EN) Comets Discovered by Don Machholz through February 2008, The Comet Hunter. URL consultato il 03-10-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 1825992 LCCN: n2002012546