Dona Bailey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Dona Bailey (...) è un'autrice di videogiochi statunitense, nota principalmente per aver creato il gioco arcade di tipo sparatutto Centipede, pubblicato da Atari, Inc. nel 1981. Bailey è una delle poche programmatrici donne dell'industria dei videogiochi: al momento della sua assunzione in Atari era l'unica donna su 30 progettisti di giochi, e quando lasciò l'azienda era l'unica su 120 dipendenti.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver completato gli studi, entrò a lavorare per la General Motors nelle linee di montaggio delle Cadillac come programmatrice assembly. In quel periodo vide per la prima volta un videogioco, Space Invaders, rimanendone affascinata. Fu grazie a quel videogioco, infatti, che decise di fare domanda di assunzione presso Atari (che all'epoca ricercava personale con un minimo di conoscenze di programmazione) dove rimase per 27 mesi.[1]

Attualmente Dona Bailey insegna retorica e scrittura all'università di Arkansas a Little Rock, dove tiene anche un corso di specializzazione per game designer con l'uso di programmi di grafica computerizzata open source quali Blender.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Intervista a Dona Bailey, Gamasutra, 27/08/2007. URL consultato il 30/10/10.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]