Luigi Orione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Don Luigi Orione)
Jump to navigation Jump to search
San Luigi Orione
Cara Don Orione.jpg
 

Presbitero e fondatore

 
NascitaPontecurone, 23 giugno 1872
MorteSanremo, 12 marzo 1940
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione26 ottobre 1980 da papa Giovanni Paolo II
Canonizzazione16 maggio 2004 da papa Giovanni Paolo II
Santuario principalesantuario di Nostra Signora della Guardia
Ricorrenza12 marzo

Luigi Orione (Pontecurone, 23 giugno 1872Sanremo, 12 marzo 1940) è stato un presbitero italiano, fondatore della Piccola opera della Divina Provvidenza. La Chiesa cattolica lo venera come santo dal 2004, quando è stato canonizzato da papa Giovanni Paolo II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Busto di Meta nella Marsica dedicato al santo

Figlio di Vittorio, un selciatore di strade, e di Carolina Feltri, una contadina analfabeta di origine veneta,[1] il 14 settembre 1885 entrò a far parte dei francescani di Voghera, ma nel giugno del 1886 ne venne dimesso a causa di una grave malattia per la quale rischiò la morte. Il 4 ottobre 1886 diventò allievo nell'oratorio Valdocco di Torino, dove rimase tre anni. Venne notato da Giovanni Bosco che lo annovera tra i suoi prediletti. Il 16 ottobre 1889 entrò nel seminario di Tortona, dove gli venne anche affidato il compito di custode in Duomo. Il 2 marzo 1892 iniziò l'apostolato per la gioventù. Il 3 luglio 1892 inaugurò l'Oratorio san Luigi. A 21 anni, il 15 ottobre 1893 aprì nel rione san Bernardino di Tortona un collegio per fanciulli desiderosi di studiare ed impossibilitati a farlo per motivi di disponibilità economica.

Piccola opera della Divina Provvidenza[modifica | modifica wikitesto]

Venne ordinato sacerdote il 13 aprile 1895. A partire dal 1899 cominciò a raccogliere intorno a sé un primo gruppo di preti e chierici, che andarono a costituire la Piccola opera della Divina Provvidenza, approvata dal vescovo diocesano nel 1903. Nel 1908 si recò a Messina e Reggio Calabria devastate dal terremoto per partecipare agli aiuti, dove si dedicò per tre anni soprattutto alla cura degli orfani; in particolare a Reggio Calabria contribuì a far nascere il Santuario di Sant'Antonio. Aiuterà in modo analogo, mettendo in campo un grandissimo impegno, i superstiti della Marsica colpiti dal terremoto di Avezzano del 1915, salvando decine e decine di orfani e giovani fanciulle. Nello stesso anno fondò la Congregazione delle piccole suore missionarie della carità.[2]

Il corpo di san Luigi Orione è esposto nel santuario della Madonna della Guardia, chiesa da lui innalzata nel 1931.
Corpo di san Luigi Orione, esposto in una teca di vetro, all'interno del santuario di Nostra Signora della Guardia.
Statua di san Luigi Orione in preghiera al santuario di Nostra Signora della Guardia di Ceranesi (Cappella dell'Apparizione).

Nel 1909 portò al morente Alessandro Fortis, già Presidente del Consiglio e noto massone, la richiesta assistenza spirituale; in seguito racconterà di aver dovuto fare ciò travestendosi da infermiere, per non essere fermato dai compagni di partito di Fortis.[3]

Dopo la prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della prima guerra mondiale cominciò la fase di espansione dell'opera orionina: fondazione di collegi, di colonie agricole e di opere caritative e assistenziali sia in Italia (Campocroce (Mirano),[4][5] Milano, Genova, Roma, Palermo,[6]) sia nel mondo (Buenos Aires, san Paolo del Brasile, Santiago del Cile). Don Orione svolse anche opera di mediazione per conto di Papa Pio XI con il capo del governo italiano Benito Mussolini per la risoluzione della questione romana, fino a giungere ai patti Lateranensi. Stimato da cinque papi (Leone XIII, Pio X, Benedetto XV, Pio XI e Pio XII), fu in ottimi rapporti anche con Giovanni Battista Montini, il futuro Papa Paolo VI.

Inviò missionari in Brasile (1913), Argentina e Uruguay (1921), in Palestina (1921), in Polonia (1923), a Rodi (1925), negli Stati Uniti d'America (1934), in Inghilterra (1935), in Albania (1936). Egli stesso, nel 1921-22 e nel 1934-37, si recò in visita missionaria nell'America Latina, in Argentina, Brasile, Cile, Uruguay. Il 24 agosto 1937 fu pellegrino al Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei. Fondò inoltre il santuario di Nostra Signora della Guardia a Tortona (Alessandria) (1931) e quello della Madonna di Caravaggio a Fumo di Corvino San Quirico (Pavia) (1939). Divenne anche Ascritto Consacrato dell'Istituto della carità, una forma prevista dal fondatore Antonio Rosmini che dava la possibilità anche ai consacrati di unirsi alla società da lui fondata.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il suo corpo è esposto a Tortona nel santuario da lui innalzato, il santuario di Nostra Signora della Guardia. Beatificato il 26 ottobre 1980 da papa Giovanni Paolo II, è stato proclamato santo dallo stesso Papa il 16 maggio 2004. La memoria liturgica si celebra il 12 marzo, anniversario della sua scomparsa. Al santo sono dedicati un istituto ad Avezzano e alcune chiese tra le quali una chiesa parrocchiale a Pavia, una a Venafro, una a Seregno e una a Palermo.

Il miracolo per la beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la beatificazione, la Chiesa cattolica ha ritenuto miracolosa la guarigione del giovane Giorgio Vincenzo Passamonti, che il 7 aprile 1944, giorno di venerdì santo, era ricoverato all'ospedale di Lodi in coma a causa di una meningite tubercolare terminale che gli causava febbre a 42 °C, rigidità corporea e battito cardiaco accelerato. Secondo i medici Giorgio sarebbe morto nell'arco di poche ore, quindi il vescovo Pietro Calchi Novati gli somministrò l'estrema unzione, mentre la madre gli posizionò un'immagine di don Orione accanto alla testa e pregò il sacerdote di Pontecurone affinché lo tenesse in vita almeno fino all'arrivo del padre, che sarebbe sopraggiunto la sera seguente. Poche ore dopo, improvvisamente, il malato si svegliò, disse di sentirsi guarito ed iniziò a mangiare e leggere normalmente, tra lo stupore generale; le visite mediche confermarono la totale scomparsa della malattia e la normale funzionalità dei polmoni. Una volta ristabilitosi completamente, Passamonti condusse una vita normale, nella quale conseguì una laurea in ingegneria, lavorò regolarmente, si sposò ed ebbe cinque figli.

Il 29 aprile 1980 papa Giovanni Paolo II riconobbe la guarigione come miracolosa, dopo che i medici ne avevano constatato l'inspiegabilità scientifica (in particolare il dottor Pedrinoni, primario del reparto in cui era ricoverato Passamonti, il quale dichiarò: "Sono pronto a testimoniare, con giuramento, che per me quel ragazzo era morto ed è risuscitato[7]") e dopo che i teologi avevano confermato l'intercessione di don Orione, che fu proclamato beato il 26 ottobre 1980[8].

Il miracolo per la canonizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la canonizzazione del beato Luigi Orione è stata ritenuta miracolosa la guarigione di Pietro Penacca, detto Pierino, un uomo di 78 anni di Momperone, in provincia di Alessandria. Nel 1990 Penacca venne ricoverato all'Ospedale San Raffaele di Milano, dove gli fu diagnosticato un carcinoma maligno ai polmoni. I medici sentenziarono che, a causa dell'età avanzata, non erano consigliabili né un intervento chirurgico né la chemioterapia. I familiari, ai primi di gennaio del 1991, si rivolsero all'intercessione di don Orione: il malato, nel giro di una settimana, tornò in perfetta salute, senza conseguenze a lungo termine di nessun tipo. Dopo la guarigione Penacca visse per altri dodici anni, lavorando come agricoltore e falegname e morendo poi di vecchiaia nel 2001. Il caso, dopo il processo diocesano, durato dal 4 gennaio al 12 marzo 1999, fu sottoposto alla Congregazione delle cause dei santi che, il 7 luglio 2003, promulgò il decreto sul miracolo, dichiarando l'inspiegabilità scientifica della guarigione, rapida, completa e duratura.[9]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Don Orione fu autore di molti scritti, senza mai pubblicarne nessuno. Dopo la sua morte sono state pubblicate alcune raccolte di suoi appunti, lettere e scritti vari, tra cui:

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla vicenda biografica e umana di don Luigi Orione è dedicato un film sceneggiato da Ermanno Olmi e interpretato da Enrico Maria Salerno, Qualcosa di Don Orione (1990).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Padre Giovanni Valdastico Pattarello, Rievocazioni, Edizioni Orionopolis, Brasile [s.d.], pp. 1 ss.
  2. ^ Le appartenenti a tale congregazione sono oggi dette anche "orionine".
  3. ^ I sacramenti "in articulo mortis" ad Alessandro Fortis
  4. ^ Nel 1919 il conte Marco Soranzo donò a Don Luigi Orione la villa veneta e la sua intera proprietà terriera per raccogliere gli orfani della Prima guerra mondiale. Nel 1930 diventò un seminario.
  5. ^ Rino Calzavara, CAMPOCROCE: Si rinnova il festoso incontro degli Ex Allievi, su donorione.org, 2 maggio 2014.
  6. ^ Samuele Schirò, Don Orione - Palermo, su palermoviva.it.
  7. ^ Messaggi Don Orione, su messaggidonorione.it. URL consultato il 25 novembre 2022.
  8. ^ Il miracolo della beatificazione (PDF), su donorione.org. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  9. ^ Don Orione - La canonizzazione, su donorione.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24731913 · ISNI (EN0000 0001 0880 0510 · SBN SBLV098276 · BAV 495/26212 · LCCN (ENn80001049 · GND (DE118736566 · BNE (ESXX1138362 (data) · BNF (FRcb129172740 (data) · NSK (HR000375254 · WorldCat Identities (ENlccn-n80001049