Don Larsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Larsen
DonLarsen.jpg
Don Larsen nel 2007.
Dati biografici
Nome Donald James Larsen
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Lanciatore
Ritirato 7 luglio 1967
Carriera
Squadre di club
1953 St. Louis Browns
1954 Baltimore Orioles
1955-1959 New York Yankees New York Yankees
1960-1961 Kansas City Athletics
1961 Chicago White Sox
1962-1964 San Francisco Giants
1964 Houston Colt .45's
1965 Houston Astros
1965 Baltimore Orioles
1967 Chicago Cubs
 

Donald James Larsen (Michigan City, 7 agosto 1929) è un ex giocatore di baseball statunitense, di ruolo lanciatore, che giocò per 14 anni nella Major League Baseball.

Il suo record in carriera, 81 vittorie e 91 sconfitte, passa in secondo piano di fronte al perfect game che lanciò l'8 ottobre 1956, l'unico mai realizzato in una partita di World Series.

La carriera[modifica | modifica sorgente]

In 14 stagioni di permanenza nelle Leghe maggiori, dal 1953 al 1967, Don Larsen ha giocato per sette diverse squadre, per la maggior parte degli anni ricoprendo il ruolo di lanciatore di rilievo, occasionalmente di lanciatore partente. Il suo record di carriera, 81 vittorie e 91 sconfitte, è comunque in massima parte determinato dalla stagione 1954, trascorsa ai Baltimore Orioles, franchigia al primo anno ufficiale nelle Leghe maggiori, in cui vinse solo 3 partite, a fronte di 21 sconfitte.

Per sua fortuna, e per quella del suo record, al termine della stagione fu ceduto ai New York Yankees, dove in 5 stagioni in una delle squadre più vincenti della storia del baseball moderno ebbe modo di vincere 45 partite, con solo 21 sconfitte, e due World Series. La sua migliore stagione, che culminò nel perfect game, è stata il 1956, con un record di 11 vittorie e 5 sconfitte, e record di carriera per strikeout (107) e media PGL (3.26).

Ceduto ai Kansas City Athletics dopo la stagione 1959, in uno scambio che portò agli Yankees Roger Maris, Larsen ebbe un'ottima stagione nel 1962, anno in cui vinse il titolo della National League con i San Francisco Giants, che ottennero ben 103 vittorie nella stagione. Per lui, però, nella Serie finale contro gli Yankees non riuscì ad ottenere la rivincita contro la sua ex squadra, che vinse il titolo per 4 partite a 3, vincendo 1 a 0 l'ultima partita.

L'ultima stagione di Larsen fu il 1964, anno in cui lanciò per la nuova squadra di Houston.

La partita perfetta[modifica | modifica sorgente]

L'8 ottobre 1956, Larsen scrisse una pagina di storia del baseball lanciando l'unico perfect game di una Serie mondiale, nella quinta partita dell'ultimo scontro diretto tra le due grandi rivali di New York, gli Yankees e i Brooklin Dodgers, che l'anno successivo si sarebbero trasferiti a Los Angeles. La sua prestazione rimane ad oggi l'unico no-hitter di qualsiasi genere lanciato nei playoffs. Già apparso in gara 2 della Serie, e tolto dal campo dopo soli 2 inning in cui aveva concesso 4 punti ai Dodgers, Larsen fu scelto come partente dell'importantissima gara 5 della Serie, che vedeva le due rivali in parità. Ma al contrario della precedente prestazione, in cui aveva concesso anche 4 basi-ball, il controllo di Larsen nel suo giorno perfetto fu impeccabile.

La difesa aiutò Larsen in due giochi chiave: nel corso del secondo inning, una battuta della seconda base dei Dodgers, Jackie Robinson, fu deviata dal guantone del terza base degli Yankees, Andy Carey, proprio sull'interbase Gil McDougald, che riuscì ad eliminare Robinson proprio all'ultimo momento. Nel quinto inning, Mickey Mantle realizzò una spettacolare presa al volo per negare una valida che sembrava sicura a Gil Hodges: in precedenza, Mantle aveva portato in vantaggio gli Yankees con un fuoricampo millimetrico, la prima valida concessa dal lanciatore partente dei Dodgers, Sal Maglie, dopo 11 eliminazioni consecutive di giocatori degli Yankees.

Con due eliminati nel nono inning, Larsen fronteggiò Dale Mitchell, portandosi in vantaggio con un ball e due strike: poi il lancio numero 97 della sua partita fu chiamato ancora strike, e Larsen si guadagnò un posto sul libri di storia del baseball, subito portato in trionfo dal ricevitore della partita, Yogi Berra. La prestazione di quel giorno, decisiva in una serie poi chiusa sul 4 a 3, valse a Larsen anche il titolo di miglior giocatore delle World Series.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Lanciatore di partita perfetta Successore
Charlie Robertson 8 ottobre 1956 Jim Bunning

Controllo di autorità VIAF: 73307951