Domus Mercatorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Domus Mercatorum (Verona))
Jump to navigation Jump to search
Domus Mercatorum
Domus Mercatorum.jpg
La Domus Mercatorum a Verona
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàVerona
Indirizzopiazza delle Erbe
Coordinate45°26′33.83″N 10°59′49.62″E / 45.442731°N 10.997117°E45.442731; 10.997117Coordinate: 45°26′33.83″N 10°59′49.62″E / 45.442731°N 10.997117°E45.442731; 10.997117
Informazioni generali
CondizioniIn uso

La Domus Mercatorum, o Casa dei Mercanti, è un edificio medievale che si affaccia su piazza Erbe a Verona. Durante il medioevo ospitò, appunto, la Casa dei Mercanti (la quale rappresentava le arti e le corporazioni), mentre oggi vi ha sede la Banca Popolare di Verona.

Nel 1210 fu costruita in legno per ospitare le associazioni mercantili e solamente nel 1301 Alberto I della Scala, poco prima di morire, fece iniziare la sua costruzione in muratura, con l'obiettivo principale di farne il luogo di contrattazione della lana.

Nei secoli subì numerose trasformazioni finché, alla fine del XIX secolo, si cercò di ridarle l'aspetto originario: oggi il palazzo si presenta con un portico retto da colonne e pilastri ed una facciata con bifore e merlatura.

La Domus medievale[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia della Domus Mercatorum, con in primo piano i banchetti chiusi di piazza Erbe

Le corporazione delle arti e dei mestieri nel periodo medievale a Verona erano rappresentate dalla Domus Mercatorum: essa occupava un ruolo primario nella vita cittadina durante il Comune, mentre durante la signoria scaligera le sue competenze furono concentrate sul commercio e alla manifattura, anche se conservava grande influenza.

In quest'ultimo periodo il Podestà della casa svolgeva tra gli altri il compito di giudice nella controversie e cause tra commercianti, seguendo gli statuti vigenti. Fu tra l'altro grazie alla sua importanza che nel periodo comunale gli Scaligeri, inizialmente mercanti, poterono velocemente salire al potere fino a creare la prima signoria cittadina d'Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tullio Lenotti, Palazzi di Verona, Verona, Vita veronese, 1964, ISBN non esistente.
  • Federico Dal Forno, Case e palazzi di Verona, Banca mutua popolare di Verona, 1973, ISBN non esistente.
  • Pierpaolo Brugnoli e Arturo Sandrini, L'architettura a Verona nell'età della Serenissima, Verona, Edizioni B.P.V., 1988, ISBN non esistente.
  • Patrizia Floder Reitter, Case Palazzi e Ville di Verona e Provincia, Verona, I.E.T. edizioni, 1997, ISBN non esistente.
  • Giorgio Forti, La scena urbana: strade e palazzi di Verona e provincia, Verona, Athesis, 2000, ISBN non esistente.
  • Mario Luciolli, Passeggiando tra i palazzi di Verona, Jago edizioni, 2003, ISBN 978-8889593059.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]