Dominic Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dominic Miller
Dominic Miller and Sting at PoriJazz 2006.jpg
Dominic Miller al PoriJazz del 2006
Nazionalità Argentina Argentina
Genere Pop
Jazz[1]
Periodo di attività musicale 1989 – in attività
Strumento chitarra
Etichetta Q-Rious Music
Album pubblicati 14
Gruppi e artisti correlati Sting
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Dominic Miller (Buenos Aires, 21 marzo 1960) è un chitarrista argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'arco della sua carriera, Dominic Miller ha collaborato con musicisti di primo piano come Bryan Adams, The Chieftains, Tina Turner, Rod Stewart, The Pretenders, Paul Young, Level 42, Steve Winwood, Sheryl Crow, Peter Gabriel, Phil Collins, Richard Wright e Sting.

La sua prima esperienza musicale di un certo livello avviene nel 1989, nell'album ...But Seriously di Phil Collins, al quale segue quella con Sting in The Soul Cages del 1991. Da qui inizia una collaborazione pluriennale con l'ex bassista dei Police.

La sua produzione solistica ha inizio nel 1995 con First Touch, e prosegue proseguita con Second Nature del 1999 e Nel Dawn (insieme a Neil Stacey) del 2002. Dello stesso periodo è anche Shapes, che contiene brani di matrice classica, come l'Adagio di Albinoni e il Chiaro di Luna di Beethoven. Nel 2004 è uscito Third World e nel 2006 Fourth Wall. L'ultimo lavoro discografico in ordine di tempo è l'album dal titolo "Silent Light" del 2017, in cui il chitarrista suona 10 tracce inedite e interpreta "Fields of Gold" di Sting.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - First Touch
  • 1999 - Second Nature
  • 2002 - New Dawn
  • 2003 - Shapes
  • 2004 - Third World
  • 2006 - Fourth Wall
  • 2009 - In A Dream (con Peter Kater)
  • 2010 - November
  • 2012 - 5th House
  • 2014 - Ad hoc
  • 2017 - Silent Light

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dominic Miller, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 16 ottobre 2017. Modifica su Wikidata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2681884 · ISNI: (EN0000 0000 5515 4577 · LCCN: (ENno2004121034 · GND: (DE134691822 · BNF: (FRcb142070013 (data)