Domenico Schiattarella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mimmo Schiattarella
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1994-1995
Scuderie Simtek
GP disputati 6
 

Domenico "Mimmo" Schiattarella (Milano, 17 novembre 1967) è un pilota automobilistico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La trafila nelle Formule minori[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nelle competizioni automobilistiche nel 1985 nel campionato italiano di Formula 4, giungendo 3º. L'anno successivo il pilota italiano ritentò l'impresa vincendo.[1]

Passato per il 1987 al campionato italiano di Formula 2000 lo vinse al primo tentativo.

Visti i buoni risultati ottenuti nel 1988 Schiattarella decise di passare alla Formula 3 e vi restò fino al 1991, ottenendo come miglior risultato un secondo posto in classifica piloti proprio nel suo ultimo anno.[1]

Nel 1992 il pilota italiano passò alla F3 sudamericana e l'anno successivo in Formula Atlantic, dove conquistò il titolo "Rookie of The Year", assegnato al miglior esordiente.[1]

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Schiattarella alla guida della Simtek S951

Esordì quindi in Formula 1 nel 1994, al GP di Jerez, nella terzultima gara, all'età di 27 anni con il team Simtek, partecipando contemporaneamente al campionato Indycar.

Il 1995 fu il suo ultimo anno in Formula 1 (il GP di Montecarlo fu la sua ultima gara), sempre con il team Simtek. Il miglior piazzamento ottenuto in Formula 1 rimane il 9º posto al Gran Premio d'Argentina del 1995. In tutto Schiattarella conta 6 GP nella massima serie, ma senza risultati di rilievo.

Dopo la F1[modifica | modifica wikitesto]

Terminata l'esperienza in Formula 1 nel 1996 Schiattarella partecipò al campionato IMSA.

Nel 1997 il pilota italiano prese invece parte al campionato FIA GT.

Nel 1998 Schiattarella contò anche una partecipazione nelle Champ Car conclusasi però con un ritiro.

Passato nel 1999 al campionato ALMS concludendo 19º in classifica generale. Nello stesso anno prende parte alla 24 Ore di Le Mans con Alex Caffi e Andrea Montermini: l'equipaggio terminerà in 6ª posizione.

Per il 2000 Schiattarella si impegnò nel campionato Grand Am, ottenendo buoni risultati e concludendo il campionato al 4º posto.

Nel 2001 il pilota italiano giunse poi 16º nel campionato FIA GT a pari merito con Günther Blieninger e Emanuele Naspetti.

Nel 2002 tornò nel campionato ALMS, disputando gare nella classe GTS e concludendo al nono posto. Rimasto anche l'anno successivo nella GTS concluse decimo. A fine 2003 il milanese decise di abbandonare le corse automobilistiche, salvo tornare nel 2007 e prendere parte al campionato italiano GT, classe GT2, concludendo 30º. Nel 2008 conquista il titolo del campionato asiatico GT.[1]

Nel 2013 è nuovamente al volante, questa volta nella Superstars Series[2], chiudendo la stagione in 17ª posizione. Confermato il suo impegno anche per la stagione 2014.[1]

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

1994 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Simtek Simtek S941 19 Rit 0
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Simtek Simtek S951 Rit 9 Rit 15 Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Mimmo Schiattarella rinnova con la Solaris Motorsport, su omnicorse.it, 31 marzo 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  2. ^ "Mimmo" Schiattarella, il pilota in cui l'ottimismo incontra il talento, su mentalitasportiva.it, 2 luglio 2013. URL consultato il 3 aprile 2014.