Domenico Piccoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Piccoli
Domenico Piccoli.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXV
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Titolo di studio Laurea in ingegneria
Professione Ingegnere

Domenico Piccoli (Vicenza, 31 dicembre 1854Pizzo, 14 marzo 1921) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vicenza - Palazzo Godi Arnaldi - lapide di Domenico Piccoli

Sposato a una figlia di Pasquale Stanislao Mancini, ebbe due figli: Raffaello e Valentino. Ingegnere e imprenditore, viaggiò in Inghilterra e Australia [1]. Fu eletto alla Camera nelle file del Partito Socialista Italiano nel 1919.

Il suo corpo fu rinvenuto in una galleria ferroviaria nei pressi di Pizzo Calabro il 13 marzo 1921. Dubbi sul motivo della sua morte furono espressi da Filippo Turati nella commemorazione alla Camera: la stampa fascista aveva infatti intimato ai deputati socialisti di non rimettere piede in Calabria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ezio Maria Simini, Vita e morte di Domenico Piccoli deputato socialista vicentino (1854-1921), in VENETICA, Annuario di storia delle Venezie in età contemporanea nuova serie n. 2, 1993, pp. 131-68

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Padri e figli tra Vicenza e il mondo. Il caso della famiglia Piccoli (1854-1938) Incontro promosso dall'Accademia Olimpica di Vicenza

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]