Domenico Giampà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Domenico Giampà
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 64 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1994-1996Catanzaro3 (0)
1996-1998Crotone62 (0)
1998-1999Lucchese28 (0)
1999-2002Crotone99 (6)
2002-2004Ternana54 (1)
2004-2006Messina62 (5)
2006-2007Ascoli20 (0)
2007-2008Modena32 (0)
2008-2009Salernitana11 (0)
2009-2012Modena95 (3)
2012Catanzaro20 (3)
2012-2013Como26 (3)
2013Paganese9 (0)
2014Vigor Lamezia15 (0)
2015-2016Catanzaro17 (1)
2016-2017Bandiera non conosciuta Euro Girifalco12 (7)
Carriera da allenatore
2017-2018Roccella
2019-2020CatanzaroBerretti
2021-2022 Città di Sant'Agata
2022-2023Paganese
2023 San Marzano
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 Novembre 2023

Domenico Giampà (Girifalco, 15 febbraio 1977) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Catanzaro, passò al Crotone nel 1996 militandovi sino al 2002 con l'eccezione di una parentesi alla Lucchese. Difese successivamente i colori della Ternana[1], trasferendosi poi al Messina con cui ottenne la promozione in Serie A al termine del campionato cadetto 2003-04. Esordì in massima categoria il 12 settembre 2004, nella gara con il Parma conclusa senza reti[2]; durante le giornate seguenti realizza due gol, utili ai peloritani per le affermazioni contro Roma (4-3) e Milan (2-1).[3][4]

Il 24 ottobre 2004, in occasione della sconfitta interna con il Lecce[5], subisce un grave infortunio: a seguito di un contrasto di gioco con l'avversario Rullo, cade addosso ai cartelloni pubblicitari riportando un ampio taglio alla coscia.[6] La ferita venne sanata con 147 punti di sutura[7], mentre la società siciliana sporse denuncia per il pericolo costituito dai tabelloni.[8][9] Con il rientro in campo del calciatore avvenuto nel gennaio 2005[10], la vicenda giudiziaria si risolse nel settembre 2006 (mentre il centrocampista era frattanto divenuto un giocatore dell'Ascoli[11]) con la condanna a 3 mesi di reclusione e 20 giorni di arresto per il rappresentante della Italtelo (azienda bresciana preposta alla cartellonistica degli stadi) e per l'allestitore.[12]

Nell'estate 2007 viene ceduto al Modena[13], conquistando la salvezza in B. Nell'ottobre del 2008 firma con la Salernitana, rescindendo tuttavia il proprio contratto dopo appena quattro mesi. Il 2 febbraio 2009 ritorna a Modena, dove risulta uno dei calciatori più positivi del girone di ritorno contribuendo all'insperata salvezza dei gialloblù, con un ingaggio davvero ridotto all'osso: il minimo sindacale. Il 29 dicembre 2011 si trasferisce al Catanzaro, dove ritrova l'ex compagno Francesco Cozza come allenatore. Al termine della stagione agonistica, in seguito a vicissitudini con l'allenatore, pone fine all'esperienza con la squadra giallorossa.

Il 28 agosto 2012 firma con il Como, squadra che disputa il campionato di Lega Pro Prima Divisione.[14] Svincolato dal club lombardo, il 9 ottobre 2013 viene ingaggiato dalla Paganese per poi rescindere consensualmente il 28 dicembre dello stesso anno con la società azzurrostellata e accasarsi alla Vigor Lamezia, con cui segna 2 gol in 15 presenze in Lega Pro Seconda Divisione, contribuendo alla promozione nel successivo campionato di Lega Pro.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'annata 2017-2018 inizia l'esperienza di allenatore alla guida del Roccella. Dopo una stagione d'inattività, viene chiamato sulla panchina della formazione Berretti del Catanzaro.[15]

Ritorna in panchina a gennaio 2021, quando viene chiamato a guidare i siciliani del Città di Sant'Agata, in Serie D. Dopo una stagione e mezza, dove ha guidato la squadra alla salvezza il primo anno e alla semifinale playoff (persa in casa della Cavese) il secondo, la società comunica di aver interrotto il rapporto di collaborazione.

Nel luglio 2022 diviene il nuovo allenatore della Paganese, club appena retrocesso in Serie D. Il rapporto con la squadra di Pagani si interrompe al termine della suddetta stagione, conclusasi con un secondo posto.

Nell'estate 2023 viene annunciato come nuovo allenatore del San Marzano, squadra campana neopromossa in Serie D.[16] Il 5 novembre seguente, dopo il pareggio con l' Ostia Mare e con una situazione di classifica deficitaria, viene sollevato dall'incarico.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 agosto 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Bandiera dell'Italia Crotone CND 32 0 - - - - - - - - - 32 0
1997-1998 C2 30 0 CI-C 0 0 - - - - - - 30 0
1998-1999 Bandiera dell'Italia Lucchese B 28 0 CI 4 1 - - - - - - 32 1
1999-2000 Bandiera dell'Italia Crotone C1 32 2 CI-C 0 0 - - - SL-C1 2 0 34 2
2000-2001 B 37 3 CI 3 0 - - - - - - 40 3
2001-2002 B 30 1 CI 2 0 - - - - - - 32 1
Totale Crotone 161 6 5 0 - - 2 0 168 6
2002-2003 Bandiera dell'Italia Ternana B 35 1 CI 5 0 - - - - - - 40 1
2003-gen. 2004 B 19 0 CI 1 1 - - - - - - 20 1
Totale Ternana 54 1 6 1 - - - - 60 2
gen.-giu. 2004 Bandiera dell'Italia Messina B 21 2 CI - - - - - - - - 21 2
2004-2005 A 26 3 CI 3 0 - - - - - - 29 3
2005-gen. 2006 A 15 0 - - - - - - - - - 15 0
Totale Messina 62 5 3 0 - - - - 65 5
gen.-giu. 2006 Bandiera dell'Italia Ascoli A 9 0 CI - - - - - - - - 9 0
2006-2007 A 11 0 CI 2 1 - - - - - - 13 1
Totale Ascoli 20 0 2 1 - - - - 22 1
2007-2008 Bandiera dell'Italia Modena B 32 0 CI 1 0 - - - - - - 33 0
2008-gen. 2009 Bandiera dell'Italia Salernitana B 11 0 CI 1 0 - - - - - - 12 0
gen.-giu. 2009 Bandiera dell'Italia Modena B 16 2 CI - - - - - - - - 16 2
2009-2010 B 30 1 CI 1 1 - - - - - - 31 2
2010-2011 B 31 0 CI 2 1 - - - - - - 33 1
2011-gen. 2012 B 18 0 CI 2 0 - - - - - - 20 0
Totale Modena 127 3 6 2 - - - - 133 5
gen.-giu. 2012 Bandiera dell'Italia Catanzaro 2D 20 3 CI-LP 1 0 - - - - - - 21 3
2012-2013 Bandiera dell'Italia Como 1D 26 3 CI-LP 1 0 - - - - - - 27 3
2013-gen. 2014 Bandiera dell'Italia Paganese 1D 9 0 CI+CI-LP - - - - - - - - 9 0
gen.-giu. 2014 Bandiera dell'Italia Vigor Lamezia 2D 15 2 CI-LP - - - - - - - - 15 2
2014-gen. 2015 Bandiera dell'Italia Vigor Lamezia LP 15 0 CI-LP 2 0 17 0
gen.-giu. 2015 Bandiera dell'Italia Catanzaro LP 17 1 CI+CI-LP - - - - - - - - 17 1
2015-2016 LP 7 1 CI+CI-LP 1 0 - - - - - - 1 0
Totale carriera 565 24 32 5 - - 2 0 599 29

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 27 maggio 2022.

Club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2017-2018 Bandiera dell'Italia Roccella D 34 10 8 16 CI-D 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 35 10 8 17 28,57 13º
giu.-nov. 2018 D 10 2 4 4 CI-D 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 12 3 4 5 25,00 Eson.
Totale Roccella 44 12 12 20 3 1 0 2 - - - - - - - - 47 13 12 22 27,66
gen.-lug. 2021 Bandiera dell'Italia Città di Sant’Agata D 24 6 9 9 - - - - - - - - - - - - - - - 24 6 9 9 25,00 Sub., 14º
2021-2022 D 36+1[17] 16+0 12+0 8+1 CI-D 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 38 16 13 9 42,11
Totale Città di Sant’Agata 61 22 21 18 1 0 1 0 - - - - - - - - 62 22 22 18 35,48
2022-2023 Bandiera dell'Italia Paganese D 34+2[17] 19+1 11 4+1 CI-D 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 37 20 12 5 54,05
2023-2024 Bandiera dell'Italia San Marzano D 10 2 6 2 CI-D 3 2 1 0 - - - - - - - - - - 13 4 7 2 30,77 Eson.
Totale carriera 151 56 50 45 8 3 3 2 - - - - - - - - 159 59 53 47 37,11

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Crotone: 1996-1997 (girone I)
Crotone: 1999-2000 (girone B)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Boldrini, La Ternana irrompe in zona A, in La Gazzetta dello Sport, 16 dicembre 2002.
  2. ^ Due pali e un pari senza brillare, il Parma frenato dal Messina, su repubblica.it, 12 settembre 2004.
  3. ^ Guglielmo Baccheri, Aeroplanino super ma è il Messina a fare il cucchiaio alla Roma, in La Stampa, 20 settembre 2004, p. 36.
  4. ^ Lucio Luca, La favola di Zampagna e del Messina, in la Repubblica, 24 settembre 2004, p. 56.
  5. ^ Sergio Colosi, Bjelanovic lancia il Lecce-meraviglia, in La Stampa, 25 ottobre 2004, p. 39.
  6. ^ L'infortunio di Giampà, su rossoverdi.com, 24 ottobre 2004.
  7. ^ Rosario Pasciuto, Dramma Giampà, 147 punti di sutura per giocare ancora, in la Repubblica, 26 ottobre 2004, p. 50.
  8. ^ Rosario Pasciuto, Per l'incidente di Giampà Franza chiederà i danni, in la Repubblica, 26 ottobre 2004, p. 15.
  9. ^ Rosario Pasciuto, Caso Giampà, in la Repubblica, 27 ottobre 2004, p. 12.
  10. ^ Grande ripresa del Cagliari, il Messina ko per 2-1, su repubblica.it, 6 gennaio 2005.
  11. ^ Giampà dal Messina all'Ascoli, su gazzetta.it, 24 gennaio 2006.
  12. ^ Alessio D'Urso, Caso Giampà, in La Gazzetta dello Sport, 29 settembre 2006.
  13. ^ Modena, ecco Giampà: "Scusate il ritardo", su ilrestodelcarlino.it, 21 luglio 2007.
  14. ^ Giampà è un giocatore del Como, su calciocomo1907.it. URL consultato il 28 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012).
  15. ^ Catanzaro, Giampà è il nuovo allenatore della Berretti, su Sport Team Calabria, 14 luglio 2019. URL consultato il 3 dicembre 2022.
  16. ^ Giuseppe Barbato, E' ufficiale, Paganese: torna mister Giampà, su Il Corriere del Pallone, 22 luglio 2022. URL consultato il 3 dicembre 2022.
  17. ^ a b Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]