Dollaro zimbabwese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dollaro zimbabwiano)
Dollaro zimbabwese
Zimbabwe fourth dollar - $500 Obverse (2009).jpg
Codice ISO 4217 ZWL[1]
(ex ZWR, ZWN e ZWD)
Stati Zimbabwe Zimbabwe
Simbolo $ (Z$ o ZW$)
Frazioni Cent (1/100) (non usata)
Monete Nessuna
Banconote $1, $5, $10, $20, $50, $100, $500
Entità emittente Reserve Bank of Zimbabwe
Sito web www.rbz.co.zw
Periodo di circolazione 18 aprile 1980 - 12 aprile 2009
Sostituita da Dollaro statunitense dal 12 aprile 2009
Tasso di cambio Si veda la sezione dedicata ()
Il dollaro zimbabwiano viene utilizzato insieme al dollaro statunitense, al rand sudafricano, al pula del Botswana, alla sterlina britannica e all'euro.
Lista valute ISO 4217 - Progetto Numismatica

Il dollaro è stata la valuta ufficiale dello Zimbabwe, fino al 12 aprile 2009, quando a causa dell'imponente inflazione, la dollarizzazione ha portato ad utilizzare esclusivamente altre valute al suo posto per le transazioni nel paese. Il dollaro zimbabwiano era suddiviso in 100 cent. Normalmente veniva abbreviato con il simbolo di dollaro "$" o, in alternativa, con "Z$" per distinguerlo da altre valute chiamate dollaro. Pur essendo tra le valute più pregiate al momento dell'introduzione nel 1980, nel 2009 era la più inflazionata al mondo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dollaro zimbabwiano e il suo predecessore, il dollaro rhodesiano, non erano veri dollari, poiché non erano diretti discendenti del pezzo da otto spagnolo, come nel caso invece del dollaro statunitense, del dollaro canadese e del dollaro dei Caraibi orientali. Il dollaro rhodesiano era essenzialmente pari a mezza sterlina britannica quando fu adottato durante la decimalizzazione del 1970; pratica che venne seguita in altri paesi del Commonwealth come Sudafrica, Australia e Nuova Zelanda. La scelta del nome fu dovuta al fatto che il ridotto valore della nuova unità di conto risultava maggiormente correlato al valore del dollaro statunitense piuttosto che a quello della sterlina britannica.

Primo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il dollaro zimbabwiano venne introdotto nel 1980 in sostituzione del dollaro rhodesiano alla pari. Il codice ISO 4217 iniziale fu "ZWD". Al momento dell'introduzione, il dollaro aveva un valore superiore al dollaro statunitense (ZWD 0,68 = USD 1). Tuttavia il valore della valuta si è eroso molto rapidamente negli anni. Il 26 luglio 2006 il valore del dollaro al mercato parallelo è caduto ad un milione di dollari per una sterlina inglese.[2]

Secondo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2005 il capo della Banca Centrale dello Zimbabwe, Gideon Gono, annunciò che "lo Zimbabwe avrebbe avuto una nuova valuta entro l'anno successivo". Furono preparate nuove monete e banconote per sostituire quelle in uso. Gono non fornì il nome della nuova valuta. Nel giugno 2006 il ministro delle finanze, David Chapfika, affermò che lo Zimbabwe doveva raggiungere le stabilità macroeconomica (cioè un'inflazione a sole due cifre) prima di poter introdurre una nuova valuta.

Il dollaro fu ridenominato il 1º agosto 2006 con un cambio di 1 secondo dollaro = 1 000 primi dollari. Il nuovo dollaro era suddiviso in 100 cent anche se, in pratica, i cent non vennero mai usati. Oltre ad emettere il nuovo dollaro, il governo lo svalutò del 60% rispetto al dollaro USA (vedi la tabella storica dei tassi di cambio più avanti), da 101 000 vecchi dollari (pari a 101 rivalutati) a 250 nuovi dollari. Il codice ISO 4217 inizialmente assegnato alla nuova valuta era "ZWN" ma, a causa dell'impossibilità della banca centrale di affrontare un cambio valutario, si decise di lasciare il vecchio "ZWD".[3]

La campagna per la rivalutazione, che Gideon Gono denominò "Operazione Alba" (in inglese: "Operation Sunrise"), venne completata il 21 agosto 2006. Si stima che circa 10 000 miliardi di vecchi dollari (pari al 22% dell'offerta di moneta) non furono riscattati durante questo periodo.[4]

Il 12 dicembre 2006, in un memorandum inviato alle banche e ad altre istituzioni finanziarie, Gono lasciò intendere che avrebbe definito la successiva fase delle sue riforme monetarie (denominata "Project Sunrise Two") al momento della presentazione del documento di revisione della politica monetaria, prevista per il gennaio 2007. Non fu possibile avere conferma immediata dall'ufficio di Gono se il memorandum potesse essere ritenuto un avviso alle banche riguardo al lancio della nuova valuta in gennaio. Ma l'amministratore delegato di una delle più grandi banche del paese affermò che gli operatori industriali avevano inteso dal memo del governatore che la nuova moneta sarebbe stata introdotta il mese successivo.[5] Un nome possibile pareva essere "ivhu", che significa "terra" in lingua shona.[6]

L'anno successivo, il 2 febbraio 2007, la banca centrale rivelò che "presto" sarebbe stato emesso un nuovo dollaro (il terzo), e diede alcuni dettagli delle nuove banconote (si veda oltre). Tuttavia, con l'inflazione che in quel momento era ancora a quattro cifre, le banconote rimasero in magazzino. Durante lo stesso mese di febbraio, la banca centrale dichiarò l'inflazione "illegale", vietando qualsiasi aumento sui prezzi di determinati beni di prima necessità tra il 1º marzo e il 30 giugno 2007. I dirigenti di alcune imprese locali furono arrestati con l'accusa di aver aumentato i prezzi dei loro prodotti. Gli economisti in generale dubitano che tali misure possano essere efficaci per eliminare il problema nel lungo periodo.[7][8]

L'economista Eddie Cross affermò il 15 giugno 2007 che "Ci sono voci secondo le quali la banca centrale toglierà altri tre zeri dalla nostra valuta la prossima settimana e questo vorrebbe dire che un dollaro sarà pari a un milione dei vecchi dollari. Nel commercio e nell'industria regna il caos, e gli operatori del settore pubblico sono frenetici".[9]

Il dollaro zimbabwiano fu nuovamente svalutato il 6 settembre 2007, questa volta del 92%,[10] per avere un cambio ufficiale di 30 000 dollari locali per un dollaro USA, sebbene il cambio al mercato nero fosse pari a 600 000 dollari locali per 1 USD.[11]

Nel frattempo la società "WM/Reuters" introdusse una valuta nozionale (ISO ZWD) per riflettere più accuratamente i cambi del mercato nero. Infatti, da quando si era cominciata a verificare una penuria di valute estere nel paese, il cambio ufficiale era quasi impossibile da ottenere. Il metodo di calcolo era basato sulla parità dei poteri di acquisto, utilizzando la doppia quotazione di alcune società nelle borse valori di Harare (ZSE) e di Londra (LSE).[senza fonte]

Terzo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

La banconota da 1 dollaro zimbabwiano del 2008.
La banconota da 5 miliardi di dollari zimbabwiani.
La banconota da 10 miliardi di dollari zimbabwiani.
La banconota da 100 mila miliardi di dollari zimbabwiani (1014 Z3$), pari a 1027 Z1$.

Il 30 luglio 2008 il governatore della banca centrale, Gideon Gono, annunciò che il dollaro sarebbe stato ridenominato.[12] Con effetto dal 1º agosto 2008, 10 miliardi di vecchi dollari (Z2$) sarebbero diventati 1 nuovo dollaro (Z3$); il codice ISO 4217 della nuova valuta sarebbe stato "ZWR".[12] Il progetto prevedeva l'emissione di monete da 5, 10 e 25 dollari e banconote in tagli da 5, 10, 20, 100 e 500 dollari.[13] Mentre all'impresa tedesca "Giesecke & Devrient" veniva revocato l'incarico di stampare la valuta zimbabwiana, sui giornali apparve la notizia che la nuova valuta era stata stampata prima che il rapporto venisse interrotto e che era stata tenuta in magazzino fino ad allora.[14]

A causa della frequente penuria di denaro contante e della perdita di valore del dollaro, le valute estere vennero effettivamente legalizzate come valuta de facto il 13 settembre 2008, mediante un programma speciale che autorizzava ufficialmente una serie di dettaglianti ad accettare monete straniere-[15] Questo provvedimento non fece altro che riconoscere la dollarizzazione dell'economia che nella realtà era già in corso, con molti commercianti che si rifiutavano di accettare dollari locali, pretendendo invece il pagamento con dollari USA o rand sudafricani.[16][17] Nonostante la ridenominazione, la banca centrale è stata obbligata a stampare banconote di valore sempre maggiore per stare al passo con la montante inflazione, con i 10 zeri che sono riapparsi alla fine del 2008 (si veda oltre).

Dal 29 gennaio 2009 tutti gli individui e le società dello Zimbabwe sono autorizzati a condurre affari utilizzando qualsiasi valuta.[18]

Quarto dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2009 la banca centrale ha annunciato l'intenzione di rimuovere dalla valuta 12 ulteriori zeri, con 1 000 000 000 000 vecchi dollari (Z3$) scambiati con 1 nuovo dollaro (Z4$).[19] Le nuove banconote sono state introdotte con valori facciali da 1, 5, 10, 20, 50, 100 e 500 dollari.[20] Le banconote del quarto dollaro circolano insieme a quelle del terzo, che hanno continuato ad avere corso legale fino al 30 giugno 2009.[19] Il nuovo codice ISO è "ZWL".[21]

Il dollaro dello Zimbabwe è ormai completamente irrilevante, essendo l'economia del paese quasi del tutto dollarizzata.[22] Anche il servizio postale nazionale, Zimpost, è giunto a farsi pagare dai propri clienti in dollari statunitensi, anche per i francobolli denominati in dollari zimbabwiani.

Nella sua prima relazione sul budget, il ministro delle finanze, Tendai Biti, ha affermato che "la morte del dollaro zimbabwiano è una realtà con la quale dobbiamo vivere; dall'ottobre 2008 la nostra valuta nazionale è diventata moribonda".[23]

Il 12 aprile 2009 il ministro della programmazione economica, Elton Mangoma, ha annunciato la sospensione della valuta locale "per almeno un anno", ponendo di fatto fine al quarto dollaro.[24][25][26][27][28][29]

Inflazione[modifica | modifica wikitesto]

Inflazione nello Zimbabwe (dati ufficiali) dall'indipendenza[30]
Data Tasso Data Tasso Data Tasso Data Tasso Data Tasso Data Tasso
1980 7% 1981 14% 1982 15% 1983 19% 1984 10% 1985 10%
1986 15% 1987 10% 1988 8% 1989 14% 1990 17% 1991 48%
1992 40% 1993 20% 1994 25% 1995 28% 1996 16% 1997 20%
1998 48% 1999 56,9% 2000 55,22% 2001 112,1% 2002 198,93% 2003 598,75%
2004 132,75% 2005 585,84% 2006 1 281,11% 2007 66 212,3% Luglio 2008 231 150 888,87%

L'inflazione dilagante e il collasso dell'economia hanno duramente svalutato la moneta, portando molte organizzazioni ad utilizzare al suo posto il dollaro statunitense, l'euro, la sterlina britannica, il rand sudafricano o il pula del Botswana. All'inizio del XXI secolo il paese cominciò a sperimentare l'iperinflazione. L'inflazione raggiunse il 623% nel gennaio 2004, quindi tornò a valori inferiori (seppur sempre a tre cifre) nel 2004, prima di superare il 1 000% nell'aprile 2006[31][32] e raggiungere il 1 281,1% alla fine dell'anno.[33][34][35]

L'inflazione raggiunse un altro picco record di 3 714% (anno su anno) nell'aprile 2007.[36][37] Il tasso mensile per l'aprile del 2007 era di oltre il 100%, implicando che l'inflazione avrebbe potuto presto superare tutte le previsioni, tenuto conto che il 100% mensile prolungato su 12 mesi produce un'inflazione annuale di oltre il 400 000%. A metà anno l'inflazione per il 2007 stava frantumando ogni record, considerando che l'inflazione per il mese di maggio 2007 era stimata al 4 530% (anno su anno).[38]

Il 21 giugno 2007, l'ambasciatore degli Stati Uniti nello Zimbabwe, Christopher Dell, affermò che l'inflazione avrebbe potuto raggiungere il livello di 1,5 milioni percento entro la fine dell'anno. Il tasso d'inflazione non ufficiale in quel momento era di oltre l'11 000%, e il cambio al mercato nero era di 400 000 dollari per una sterlina britannica.[39]

Il 13 luglio 2007 il governo comunicò di aver temporaneamente interrotto la pubblicazione dei dati (ufficiali) relativi all'inflazione; manovra che gli osservatori sostennero mirata a distogliere l'attenzione dalla "inflazione senza controllo che era diventata il simbolo della catastrofe economica senza precedenti del paese".[40]

Il 27 luglio 2007 il Consiglio dei Consumatori dello Zimbabwe ("Consumer Council of Zimbabwe") affermò che, in base ai suoi recenti calcoli sulla spesa mensile di una famiglia urbana composta da sei persone, l'inflazione per il mese di giugno era superiore al 13 000%. L'Ufficio Centrale di Statistica ("Central Statistical Office"), fonte ufficiale dell'indice dei prezzi al consumo, non ha più pubblicato alcun dato dal febbraio 2007, quando comunicò un tasso di inflazione annuo al 1 729%.[41]

Nel settembre 2007 l'Ufficio Centrale di Statistica annunciò un tasso d'inflazione ufficiale del 6 592,8% per il mese di agosto 2007.[42] Stime private erano ben oltre il 20 000%.[43] Nell'ottobre 2007 venne annunciato un tasso d'inflazione ufficiale del 7 892,1% per il mese di settembre 2007.[44] Nel novembre 2007 fu annunciato un tasso d'inflazione ufficiale del 14 840,5% per il mese di ottobre 2007.[45]

Iperinflazione[modifica | modifica wikitesto]

Cambio ufficiale, del mercato nero e OMIR dal 1º gennaio 2001 al 2 febbraio 2009. Si noti la scala logaritmica.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Iperinflazione nello Zimbabwe.

Il 27 novembre 2007 il capo dell'Ufficio Centrale di Statistica, Moffat Nyoni, annunciò che sarebbe stato impossibile calcolare ancora il tasso d'inflazione del dollaro. Questo a causa della mancanza di disponibilità di beni di prima necessità, e della conseguente mancanza di informazioni sulla base delle quali calcolare il tasso d'inflazione; inoltre, la maggioranza dei computer e dei software non hanno la capacità di gestire un numero così elevato di cifre. Il Fondo Monetario Internazionale affermò che l'inflazione era prevista in ascesa fino al 100 000% annuo.[46]

Il 14 febbraio 2008 l'Ufficio Centrale di Statistica annunciò che il tasso d'inflazione per il mese di dicembre 2007 era pari al 66 212,3%, e il tasso di cambio non ufficiale era di 7,1 milioni di dollari per 1 USD.[47][48] Il 20 febbraio 2008 l'Ufficio Centrale di Statistica affermò che, ufficialmente, l'inflazione aveva superato nel gennaio 2008 il livello del 100 000%, arrivando al 100 580,2%.[49] Il 4 aprile 2008 uscì la notizia che l'inflazione ufficiale nel mese di febbraio 2008 era balzata al 164 900,3%.[50][51] Il 15 maggio 2008 i giornali riportarono che, ufficialmente, l'inflazione nel mese di marzo 2008 era arrivata al 355 000%.[52] Il 21 maggio 2008, in base a una valutazione indipendente, l'inflazione nel mese di maggio 2008 era balzata a 1 063 572,6%.[53] Il servizio statistico statale aveva affermato che la scarsità di beni nei negozi era tale da impedire il calcolo di nuovi dati (ufficiali).[54] Il 26 giugno 2008 i dati più recenti dell'Ufficio Centrale di Statistica mostravano che l'inflazione annuale era cresciuta di 7 336 000 punti percentuali arrivando a 9 030 000% il 20 giugno ed era prevista raggiungere per la fine del mese il livello di 10 500 000%.[55]

Secondo John Robertson, rispettato economista dello Zimbabwe, era probabile che l'inflazione si attestasse a 2 milioni percento nel mese di maggio 2008 e tra i 10 e i 15 milioni percento nel mese di giugno 2008.[56] Robertson stimò che l'inflazione nel mese di luglio 2008 sarebbe arrivata a un livello tra i 40 e i 50 milioni percento.[56] L'inflazione poteva essere solamente stimata a causa della impossibilità di seguire il costo dei beni individuali.[56]

Il 16 agosto 2008 l'Ufficio Centrale di Statistica di Harare rese noto che l'inflazione dello Zimbabwe era balzata a giugno al livello di 11 milioni e 27 000 punti percentuali su base annua, dai 2,2 milioni del mese precedente.[57]

Sulla base delle statistiche dell'Ufficio Centrale di Statistica, il tasso d'inflazione annuo è arrivato al 231 milioni percento nel mese di luglio 2008. Il tasso mese su mese si è attestato al 2 600,2%.[58][59][60]

Come previsto dai manuali di teoria quantitativa della moneta, questa iperinflazione è stata causata principalmente dalla scelta della Reserve Bank of Zimbabwe di far crescere a dismisura l'offerta di moneta.

Dal febbraio 2009, in seguito a un periodo di iperinflazione e al rifiuto diffuso della moneta svalutata, alle società e agli individui è stato permesso l'utilizzo per le transazioni domestiche anche di altre valute, come ad esempio il dollaro statunitense o il rand sudafricano. Tale decisione ha avuto come conseguenze la sostanziale dollarizzazione dell'economia del paese[18][61] e l'abbandono del dollaro zimbabwiano per l'uso quotidiano.[62]

Reazioni all'iperinflazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2009 un quotidiano indipendente pubblicato dai giornalisti dello Zimbabwe in esilio e conosciuto come "The Zimbabwean" ha intrapreso una campagna a Johannesburg, in Sudafrica, al fine di protestare contro un pesante dazio all'importazione con cui il governo espressione del partito ZANU-PF lo ha preso di mira. Banconote dello Zimbabwe dal valore facciale enorme sono state distribuite gratuitamente a motociclisti e pedoni. Le banconote senza valore sono state usate anche per ricoprire muri e tabelloni per le affissioni - tutte stampate con slogan come "è più economico stampare questo sulle banconote" e "combatti il regime che ha rovinato una nazione".[63]

Offerta di moneta (2006–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Assegno al portatore da 100 milioni di dollari.

Il 16 febbraio 2006 il governatore della Banca Centrale, Gideon Gono, annunciò che il governo aveva stampato 20 500 miliardi di dollari al fine di comprare valuta estera per saldare gli arretrati al Fondo Monetario Internazionale.[64] All'inizio di maggio 2006 il governo dello Zimbabwe annunciò che avrebbero prodotto ulteriori 60 000 miliardi di dollari.[65] La valuta aggiuntiva era necessaria per finanziare i recenti aumenti salariali concessi a soldati e poliziotti (300%) e agli altri dipendenti pubblici (200%). Tali spese non erano tra quelle previste per il corrente anno fiscale, e il governo non disse da dove sarebbero arrivati i fondi necessari per finanziarle. Il 29 maggio i dirigenti della Reserve Bank dichiararono all'IRIN che i progetti di stampare 60 000 miliardi di dollari (pari a circa 592,9 milioni di dollari USA al cambio ufficiale) erano stati brevemente ritardati dopo che il governo non era riuscito ad assicurarsi la valuta estera per acquistare l'inchiostro e la carta speciale necessari per stampare la carta moneta. Alla fine di agosto 2006 venne data notizia che circa 10 000 miliardi di vecchi dollari (pari al 22% dell'offerta di moneta) non erano stati convertiti in dollari rivalutati. Questi assegni al portatore furono demonetizzati.

Il 27 giugno 2007 fu annunciato che il presidente, Robert Mugabe, aveva ordinato al governatore della Reserve Bank, Gideon Gono, di stampare ulteriori mille miliardi di dollari per provvedere agli stipendi dei dipendenti pubblici e dei soldati che erano stati aumentati, rispettivamente, del 600% e del 900%.[66] Il 28 luglio 2007 Mugabe affermò che lo Zimbabwe avrebbe continuato a stampare moneta finché questa fosse stata insufficiente per finanziare i progetti pubblici.[67] Il 30 agosto 2007 fu riferito che altri 3 000 miliardi di dollari erano stati stampati per pagare 500 000 carri e 800 000 aratri a trazione animale più un numero imprecisato di capi di bestiame.[68] Il 3 settembre 2007 i giornali riferirono che il mercato nero in Zimbabwe era ancora fiorente, nonostante i controlli sui prezzi. Persone in precedenza impiegate per 11 USD (pari a 2 milioni di dollari locali) al mese, erano in grado di guadagnare 166 USD (pari a 30 milioni) proprio commerciando al mercato nero.[69] Il 24 novembre 2007 l'offerta di moneta era arrivata a 58 000 miliardi di dollari rivalutati,[70] pari a 41 milioni di dollari USA al cambio parallelo. Tuttavia, le banche del paese potevano contare solo su mille - 2 000 miliardi di questi dollari, il che significava che i membri del settore pubblico stavano trattenendo 56-57 000 miliardi in contanti. Il 4 gennaio 2008 venne data notizia che l'offerta di moneta era stata incrementata di 33 000 miliardi, arrivando a 100 000 miliardi di dollari rivalutati.[71][72] Inoltre venne sospesa la prevista demonetizzazione degli assegni al portatore da 200 000 dollari, incrementando così l'offerta di moneta.

Alcuni assegni al portatore stampati dalla Reserve Bank of Zimbabwe tra il luglio 2007 e il luglio 2008 (oggi scaduti) che illustrano il tasso di iperinflazione nello Zimbabwe.

L'emissione di ulteriori banconote (in tagli da 1, 5 e 10 milioni di dollari), programmata per il 18 gennaio 2008, avrebbe aumentato l'offerta di moneta per un ammontare sconosciuto. Il 21 gennaio 2008 Gideon Gono annunciò che l'offerta di moneta era stata aumentata a 170 000 miliardi dalla metà di dicembre, prevedendo inoltre che avrebbe raggiunto gli 800 000 miliardi di dollari entro il 28 gennaio 2008.[73]

Il 1º marzo 2008 i giornali pubblicarono documenti in base ai quali veniva dimostrato che la società "Giesecke & Devrient" di Monaco stava incassando più di 500 000 euro alla settimana per spedire banconote nello Zimbabwe allo sbalorditivo ritmo di 170 000 miliardi di dollari alla settimana.[74] "Il regime sta sopravvivendo mediante la stampa di moneta", ha detto Martin Rupiya, professore di studi bellici e di sicurezza all'Università dello Zimbabwe. "A questo punto non c'è altra via".[74] Secondo una fonte alla Reserve Bank of Zimbabwe, la "Giesecke & Devrient" spediva ogni settimana 432 000 fogli di banconote alla tipografia "Fidelity" di Harare, dove venivano stampati i valori facciali. Ciascun foglio era composto da 40 banconote e la produzione era interamente costituita da banconote da 10 milioni di dollari.[74] Il 1º luglio 2008 la società "Giesecke & Devrient" decise che non avrebbe più stampato banconote per lo Zimbabwe, cedendo alle pressioni del governo tedesco.[75][76]

In un report sull'inflazione in Zimbabwe, pubblicato il 18 luglio 2008, si riportava che il costo di un uovo era di 50 miliardi di dollari (pari a GBP 0,17 e USD 0,32), e venivano mostrati annunci pubblicitari relativi a premi di 100 000 miliardi in un derby locale e di 1,2 milioni di miliardi di dollari ($1 200 000 000 000 000,00 pari a circa GBP 2 100 e a USD 4 200) in una lotteria. Rivelava inoltre che una pensione di guerra era al momento pari a 109 miliardi di dollari (pari a GBP 0,37 e USD 0,74) mensili, che i negozi potevano accettare assegni solo se il cliente raddoppiava l'importo, poiché i costi sarebbero saliti nel tempo necessario per la liquidazione dell'assegno, e che le persone potevano prelevare solo fino a un massimo di 100 miliardi di dollari dagli sportelli automatici.[77]

Banconota dello Zimbabwe da 100 miliardi di dollari insieme al numero di uova che ci si poteva acquistare il giorno della sua emissione.

Il 23 luglio 2008 una società austro-ungherese con sede in Vienna confermò che stava fornendo alla Reserve Bank le licenze e il software necessari per disegnare e stampare la valuta dello Zimbabwe.[78][79] La società, denominata "Jura JSP", affermò che avrebbe considerato la possibilità di porre fine a tale fornitura se l'Unione europea le avesse richiesto di farlo.[78] Senza le licenze e il software, la Banca Centrale dello Zimbabwe non sarebbe stata in grado di stampare banconote in tagli superiori a quelli già in circolazione.[79]

Il 24 luglio 2008 la Reserve Bank of Zimbabwe annunciò che "stava per porre in essere misure appropriate indirizzate a fronteggiare l'attuale tracollo sul fronte valutario, così come nei sistemi finanziario e contabile".[80] Fu promesso che "nei giorni immediatamente seguenti" sarebbero stati istituiti cambiamenti al limite dei prelevamenti di contante e alle restrizioni imposte dai sistemi informatici.[80] Al momento il limite di prelevamento di contante imposto dal governo era di 100 miliardi di dollari al giorno, una cifra inferiore al costo di un filone di pane[80]. I sistemi informativi e tecnologici non potevano gestire numeri tanto grandi; gli sportelli ATM di una delle principali banche davano "errore per eccesso di dati" ("data overflow error") bloccando i tentativi dei clienti di prelevare denaro con così tanti zeri.[81] Il medesimo giorno, l'Istituto di Gestione Commerciale affermò che 1 200 miliardi di dollari avevano lo stesso valore di una sterlina britannica.[82]

Dal gennaio al dicembre 2008 il tasso di crescita dell'offerta di moneta è aumentato da 81 143% a 658 miliardi percento.[83]

Data 2006
(ago)
2006
(set)
2007
(nov)
2007
(dic)
2008
(21 gen)
2008
(28 gen)
2008
(mar)
2008
(giu)
Offerta di moneta
(ZW$ rivalutati)
45 miliardi 35 miliardi 58 mila miliardi;
67 mila miliardi
100 mila miliardi 170 mila miliardi 800 mila miliardi 25 milioni di miliardi più di 900 milioni di miliardi

Abbandono della valuta e demonetizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'uso di valute straniere fu legalizzato nel gennaio del 2009; ciò causò per la prima volta, dopo anni di iperinflazione e speculazione, la stabilizzazione dei prezzi al consumo.[84] Il dollaro zimbabwaiano subì un netto calo nell'uso, giacché l'iperinflazione aveva reso inservibili perfino le banconote dai valori nominali più alti.

Il 2 febbraio del 2009 la valuta fu ridenominata ancora una volta, al cambio di 1 000 000 000 000 (1012) ZWR per 1 ZWL. Il 12 aprile dello stesso anno la valuta fu effettivamente abbandonata in quanto il Ministro per la pianificazione economica Elton Mangoma ne confermò la sospensione per un periodo di almeno un anno, ma il tasso di cambio fu mantenuto per oltre un anno da allora. Il Governo dichiarò che la moneta sarebbe stata reintrodotta solo se la produzione industriale fosse cresciuta del 60% o oltre, comparata con una media di aprile del 2009 del 20%.[85]

Il 29 gennaio del 2014 la banca centrale dello Zimbabwe annunciò che il dollaro statunitense, il rand sudafricano, la pula del Botswana, la sterlina, l'euro, il dollaro australiano, lo yuan cinese, la rupia indiana e lo yen giapponese sarebbero state accettate tutte come valuta corrente del Paese.[86]

Il 12 giugno del 2015, la Reserve Bank dello Zimbabwe dichiarò che sarebbe iniziato un processo di demonetizzazione, per passare totalmente al dollaro statunitense alla fine di settembre dello stesso anno.[87][88]

Monete[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 furono introdotte monete con i valori di 1, 5, 10, 20 e 50 cent e 1 dollaro. La moneta da 1 cent fu coniata in bronzo e le altre in cupro-nichel. Nel 1989 l'acciaio ricoperto di bronzo sostituì il bronzo. Una moneta da 2 dollari fu introdotta nel 1997. Nel 2001 l'acciaio ricoperto di nichel sostituì il cupro-nichel nelle monete da 10, 20, 50 cent e 1 dollaro e fu introdotta una moneta bimetallica da 5 dollari. Queste monete[89] continuano ad avere corso legale, ma a causa del loro bassissimo valore, sono usate solo come gettoni per il gioco d'azzardo nel casinò dello Zimbabwe.

Nel giugno 2005 sono stati annunciati i piani della Banca Centrale per l'emissione di nuove monete da 5 000 e 10 000 dollari,[90] che tuttavia non sono mai state emesse.

Nell'agosto 2008 tutte le vecchie monete furono reintrodotte al valore facciale da intendersi in nuovi dollari (Z3$) e furono introdotte nuove monete da 10 e 25 dollari. Queste monete erano state coniate nel 2003 ma vennero emesse solo in occasione della ridenominazione.[91]

Banconote, traveler's cheques e assegni al portatore[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Banconote dello Zimbabwe.
Il controvalore di 8 sterline in dollari zimbabwiani (2003).

Primo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 la Banca Centrale dello Zimbabwe introdusse banconote nei tagli da 2, 5, 10 e 20 dollari. Le banconote da 50 dollari furono introdotte nel 1994, seguite da quelle da 100 dollari nel 1995, da 500 dollari nel 2001 e da 1 000 dollari nel 2003.

Nel 2003, con l'inflazione che montava, la Banca Centrale iniziò ad emettere traveler's cheque nei tagli da 1 000, 5 000, 10 000, 20 000, 50 000 e 100 000 dollari. Questi furono sostituiti lo stesso anno da assegni al portatore inizialmente nei tagli da 5 000, 10 000 e 20 000 dollari e quelli da 50 000 e 100 000 dollari seguirono nel 2006.

Secondo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto 2006 è stata introdotta la nuova valuta con assegni al portatore da 1, 5, 10 e 50 cent, 1, 10, 20, 50, 100, 500, 1 000, 10 000 e 100 000 dollari. Esiste anche un taglio da 5 dollari che però non appare in nessuna delle pubblicazioni della Banca Centrale. Assegni al portatore da 5 000 dollari (datati 1º febbraio 2007) e da 50 000 dollari (datati 1º marzo 2007) sono stati emessi nel marzo 2007. Assegni da 200 000 dollari (datati 1º agosto 2007) sono stati emessi nell'agosto 2007.

In seguito, Gideon Gono della Reserve Bank of Zimbabwe annunciò (il 19 dicembre 2007) che nuovi assegni al portatore (da 250 000; 500 000 e 750 000 dollari) erano stati prodotti e sarebbero stati distribuiti il 20 dicembre. Inoltre gli assegni al portatore di valore più elevato (200 000 dollari) sarebbero stati demonetizzati dal 1º gennaio 2008[92]. Tuttavia, a causa dei problemi in corso, i progetti di demonetizzare questa banconota furono messi da parte fino alla fine di dicembre.

Il 16 gennaio 2008, a una conferenza stampa, il governatore della Banca Centrale Gono affermò che "Con effetto da venerdì (18 gennaio), la Reserve Bank of Zimbabwe metterà in circolazione i seguenti assegni al portatore: un milione di dollari (del valore ufficiale di circa 33 USD/22 EUR ma di circa 50c al tasso di cambio parallelo), cinque milioni di dollari e 10 milioni di dollari"[93]. Continuò: "...il limite di prelievo giornaliero di contanti è stato innalzato dagli attuali 50 milioni a 500 milioni di dollari per individuo". Meno di un mese dopo aver annunciato una manovra simile, Gono disse che le nuove banconote avrebbero fornito il sollievo richiesto dai consumatori che spesso dovevano andare a fare la spesa con sacchi di denaro.[94]

Il 3 aprile 2008 sui giornali apparve la notizia che dal giorno seguente sarebbero stati emessi assegni al portatore da 25 e da 50 milioni di dollari. La Reserve Bank avrebbe aumentato inoltre il limite massimo di prelievi per gli individui a 5 miliardi di dollari al giorno.[95][96][97] Il mese successivo, il 5 maggio, la Banca Centrale annunciò che sarebbero stati emessi assegni al portatore da 100 e da 250 milioni di dollari a partire dal 6 maggio. Decise inoltre di far fluttuare il tasso di cambio ufficiale per contrastare la speculazione sul mercato nero.[98] Appena dieci giorni dopo, il 15 maggio 2008, la Reserve Bank annunciò che sarebbero stati emessi assegni al portatore da 500 milioni di dollari a partire dal 20 maggio. Fu anche annunciato che nello stesso giorno sarebbero stati emessi agro cheques in tagli da 5, 25 e 50 miliardi di dollari. Tutti avrebbero avuto scadenza alla fine del 2008.

Il 14 luglio 2008 i giornali riportarono la notizia che una società tedesca aveva bloccato la fornitura di carta per banconote alla "Fidelity Printers & Refiners", la società statale dello Zimbabwe che stampa la valuta locale[99]. L'uso virtualmente incessante delle presse per la stampa delle banconote aveva causato la rottura dei macchinari, e le parti necessarie per le riparazioni non venivano più spedite in Zimbabwe.[99]

Il 19 luglio 2008 la Reserve Bank ha annunciato che sarebbero stati emessi agro cheques in tagli da 100 miliardi di dollari dal 21 luglio.[100][101]

Terzo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la rivalutazione del dollaro nell'agosto 2006, ci furono continue discussioni e proposte relative a un'ulteriore rivalutazione. All'inizio del 2007 sembrava che fosse stata pianificata una rivalutazione, con i disegni per le nuove banconote già commissionati.[102] Progetti simili furono nuovamente annunciati nell'ottobre 2007.[103] Questi progetti furono posticipati al 2008, anche se nel novembre 2007 la rivalutazione era ritenuta "imminente".[104] L'operazione, che sarebbe stata chiamata "Sunrise Two", avrebbe dovuto rimuovere almeno quattro zeri dalla valuta[105][106]. Tuttavia, il 18 dicembre 2007, fu data notizia che era stata prodotta una nuova emissione dei correnti assegni al portatore da 200 000 dollari; manovra apparentemente sostitutiva della rivalutazione[107]. Dopo questa, ebbero luogo ulteriori emissioni di assegni al portatore.

Il 30 luglio 2008 la Banca Centrale annunciò la nuova moneta, valida dal 1º agosto 2008, ottenuta rimuovendo 10 zeri dai valori monetari, con "un fattore di 1 a 10"[108]. Le vecchie monete del primo dollaro da 10, 20, 50 cent, 1, 2 e 5 dollari ebbero corso legale assumendo il valore nella nuova valuta (aumentando così il proprio valore 10 000 miliardi di volte); in aggiunta vennero introdotte monete da 10 e 25 dollari, e banconote in tagli da 1, 5, 10, 20, 100 e 500 dollari. I vecchi assegni al portatore e agro cheques avrebbero continuato a circolare insieme alle nuove banconote fino al 31 dicembre 2008, con i prezzi esposti nei negozi in entrambe le valute, la vecchia e la nuova[109].

Tuttavia, la piega ormai familiare di stampare banconote in tagli sempre maggiori per stare al passo con l'inflazione continuò nonostante la ridenominazione. Il 19 settembre 2008 la Reserve Bank introdusse una banconota da 1 000 dollari, e dieci giorni dopo, quando il cambio non ufficiale era di oltre 270 000 dollari per 1 USD, emise nuove banconote in tagli da 10 000 e 20 000 dollari[110]. Le banconote da 50 000 dollari furono emesse il 13 ottobre 2008, seguite da quelle da 100 000, 500 000 e 1 000 000 dollari annunciate il 3 novembre[111]. Il limite di prelievi giornalieri di contante fu incrementato da 50 000 dollari a 500 000 dollari per gli individui e a 1 milione di dollari per alcune selezionate società[112]. Banconote in tagli da 10, 50 e 100 milioni furono emesse non appena, il 4 dicembre 2008, il limite di prelievi venne portato a 100 milioni settimanali[113][114]. Appena quattro giorni dopo, l'8 dicembre, la Banca Centrale emise una banconota da 200 milioni[115], e introdusse una banconota da 500 milioni il 12 dicembre, del valore approssimativo di 8 USD al momento[116]. In poco più di sei mesi, i tagli in miliardi ritornarono, con l'emissione da parte della Reserve Bank delle banconote da 1, 5 e 10 miliardi il 19 dicembre[117].

Nonostante l'inflazione abbia continuato a montare nel 2009, causando l'erosione del valore del dollaro e incentivando la dollarizzazione dell'economia, la Reserve Bank ha annunciato un'altra serie di nuove banconote, questa volta in tagli da 20 e 50 miliardi, da introdurre il 12 gennaio[118]. Passando a un altro ordine di grandezza, la Banca Centrale annunciò per la prima volta tagli in migliaia di miliardi, svelando banconote da 10, 20, 50 e 100 000 miliardi di dollari il 16 gennaio[119][120][121][122]. Le nuove banconote avrebbero dovuto aiutare i cittadini con un impiego formale permettendo loro di prelevare il valore di un intero stipendio mensile dietro presentazione della corrispondente busta paga. Il 2 febbraio 2009 la Banca Centrale ha annunciato che avrebbe rivalutato nuovamente la valuta, rimuovendo 12 zeri e riducendo così mille miliardi di vecchi dollari (Z3$) a un nuovo dollaro (Z4$)[20].

Quarto dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2009 il dollaro è stato nuovamente rivalutato, con 1 000 000 000 000 (mille miliardi) di vecchi dollari (Z3$) ridotti a 1 nuovo dollaro (Z4$). Le nuove banconote introdotte hanno valori facciali da 1, 5, 10, 20, 50, 100 e 500 dollari[20]. Le banconote del quarto dollaro sono circolate insieme a quelle del terzo fino al 30 giugno 2009[19].

Andamento storico dei tassi di cambio[modifica | modifica wikitesto]

Questa tabella mostra una storia condensata dei tassi di cambio con il dollaro USA:

Primo dollaro Secondo dollaro Terzo dollaro
Data Tasso di cambio
1983 1
1997 10
2000 100
giugno 2002 1 000
marzo 2005 10 000
gennaio 2006 100 000
luglio 2006 500 000+
Data Tasso di cambio
agosto 2006 650
settembre 2006 1 000
dicembre 2006 3 000
gennaio 2007 4 800
feb 2007 7 500
marzo 2007 26 000
aprile 2007 35 000
maggio 2007 50 000
giugno 2007 400 000
luglio 2007 300 000
agosto 2007 200 000
Data Tasso di cambio
settembre 2007 600 000
ottobre 2007 1 000 000
novembre 2007 1 500 000
dicembre 2007 4 000 000[123]
gennaio 2008 6 000 000
febbraio 2008 16 000 000[124]
marzo 2008 70 000 000
aprile 2008 100 000 000
maggio 2008 777 500 000
giugno 2008 40 928 000 000
luglio 2008 758 530 000 000
Data Tasso di cambio
agosto 2008 1 780
settembre 2008 590 000
7 ottobre 2008 2 300 000
14 ottobre 2008 10 700 000
21 ottobre 2008 1 220 000 000
28 ottobre 2008 251 000 000 000
7 novembre 2008 663 000 000 000 000
12 novembre 2008 13 000 000 000 000 000
17 novembre 2008 642 000 000 000 000 000

I tassi di cambio del terzo dollaro sopra riportati sono OMIR[125]. Il tasso di cambio per contanti (cash rate) era significativamente diverso. La tabella seguente ne riporta l'andamento storico per il terzo dollaro:

Data Tasso di cambio per contanti
(cash rate)
settembre 2008 1 000
ottobre 2008 90 000
novembre 2008 1 200 000
Metà dicembre 2008 60 000 000
Fine dicembre 2008 2 000 000 000
Metà gennaio 2009 1 000 000 000 000
2 febbraio 2009 300 000 000 000 000

Primo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1978 al 2006 (anno in cui la valuta è stata rivalutata), il primo dollaro si è svalutato passando da 0,6788 dollari a circa mezzo milione di dollari per 1 USD.

La tabella seguente mostra con maggior dettaglio l'andamento storico del tasso di cambio per un dollaro USA:

Tassi di cambio del primo dollaro (Z1$)
Data Tasso di cambio ufficiale (Z1$) Tasso di cambio parallelo (Z1$) Note
1978 R$0,6788 (apr) n/a La valuta è il dollaro rhodesiano, agganciato al dollaro USA.
1980 R$0,68 (mar) n/a Il dollaro rhodesiano viene legato a un paniere di valute che comprende franco francese, marco tedesco, rand sudafricano, franco svizzero, sterlina britannica, dollaro statunitense.
Il 18 aprile 1980 viene dichiarata l'indipendenza dello Zimbabwe. Il dollaro zimbabwiano sostituisce il dollaro rhodesiano alla pari (1 Z$ = 1 R$).
1982 0,8925-0,9140 (dic) - Nel dicembre 1982 il dollaro zimbabwiano viene svalutato del 16,5%.
1983 0,96135 (gen) Fino a 3,18 (lug) Il dollaro zimbabwiano viene svalutato del 5%. Cambio parallelo altamente variabile con premi fino al 231%.
1983 (ago) - 1993 (dic) 0,96135 - 6,82 Paniere flessibile. Cambi duali. Viene imposto il 20% di tasse sui pagamenti in uscita.
1994 6,82 (gen) 8,36 (ott) Cambio ufficiale fluttuante dal 1º luglio 1994. Cambi duali. Il dollaro zimbabwiano viene svalutato del 17%.
1995 8,26 (gen) 8,85 (ott) Cambio ufficiale fluttuante. Cambi duali. Cambi unificati nel dicembre 1998.
1996 9,13 (gen) 10,52 (ott)
1997 10,50 (gen) 12,00 (gen);
25,00 (nov)
1998 18,00 (gen) 16,65 (giu);
19,00 (lug);
23,50
1999 36,23 (gen) 38,30 (set) Il 31 marzo 1999 il tasso di cambio ufficiale viene fissato a 38 ZWD per 1 USD. Il mercato parallelo riemerge entro il dicembre 1999.
2000 38-55 56-62 (lug);
65-70 (ago)
Nell'agosto 2000 il tasso di cambio ufficiale viene fissato a 50 ZWD, poi a 51 ZWD e quindi a 55 ZWD per 1 USD. Il tasso di cambio parallelo al mercato nero ha ampi premi. Nel novembre 2000 vengono chiusi gli uffici di cambiavalute.
2001

55

70 (gen);
80 (feb);
100 (mar);
120 (apr);
140 (mag);
160 (giu);
250 (lug);
300 (ago);
400 (set);
300 (ott);
320 (nov);
340 (dic)
Nel giugno 2001 il cambio ufficiale diventa fisso con una banda di oscillazione.
2002 55 380 (gen);
710 (giu);
1 400 (lug);
1 740 (ott);
1 400 (dic)
Nel 2002 dilaga il mercato nero dei cambiavalute.
2003 55 (gen);
824 (feb)
1 400 (gen);
1 450 (feb);
2 300 (mag);
3 000 (lug);
6 000 (ago);
6 400 (ott);
6 000 (nov)
Nel febbraio 2003 il tasso di cambio ufficiale viene rifissato a 824 ZWD per 1 USD.
2004 824 (1º gen);
4 196 (12 gen);
5 730 (dic)
5 500 (1º gen);
6 000 (dic)
Nel gennaio 2004 vengono istituite aste infrasettimanali di valuta (sotto il controllo della banca centrale) per determinare il tasso di cambio ufficiale.
2005 5 730 (gen);
6 200 (mar);
9 000 (mag);
10 800 (18 lug);
17 600 (25 lug);
24 500 (25 ago);
26 003 (set);
26 003 (ott);
60 000 (nov);
84 588 (30 dic)
6 400 (gen);
14 000 (mar);
20 000 (mag);
25 000 (18 lug);
45 000 (25 lug);
45 000 (25 ago);
75 000 (set);
80 000-100 000 (ott);
90 000 (nov);
96 000 (30 dic)
Il 24 agosto 2005 il dollaro zimbabwiano diventa l'unità valutaria di valore inferiore al mondo.
Nel novembre 2005 le aste di valuta periodiche vengono interrotte e la Banca Centrale annuncia che il cambio sarà controllato da "fattori di mercato".
2006 (fino al 31 luglio) 85 158,02 (3 gen);
99 201,58 (24 gen);
101 195,54 (28 apr)[126]
100 000 (6 gen);
106 050 (19 gen);
115 000 (20 gen);
125 000-150 000 (25 gen);
175 000-190 000 (24 feb);
205 000-220 000 (3 mar);
220 000-230 000 (13 apr);
300 000-310 000 (25 mag);
315 000 (9 giu);
340 000-350 000 (16 giu);
400 000 (21 giu);
450 000 (1º lug);
520 000 (9 lug)[127];
550 000 (27 lug)[128]
Gli economisti prevedono che il cambio non ufficiale arriverà a quasi 250 000 ZWD per 1 USD entro la metà del 2006.
Il 24 gennaio 2006 la banca centrale pone un limite alla variazione giornaliera del tasso di cambio ufficiale in base ai volumi scambiati. Il dollaro zimbabwiano è libero di fluttuare (rispetto al cambio medio) in una banda giornaliera di: 0% (per importi fino a 5 milioni USD), 1% (tra 5 e 10 milioni USD), 1,5% (tra 10 e 15 milioni USD) e 2% (oltre 15 milioni USD). Tale provvedimento blocca sostanzialmente il tasso di cambio ufficiale.

Secondo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo dollaro fu introdotto il 1º agosto 2006 con un tasso di cambio ufficiale di 250 dollari per 1 USD e un tasso di cambio parallelo di 550 dollari per 1 USD. Nel luglio 2008 il dollaro venne rivalutato di nuovo, con 10 miliardi di vecchi dollari (Z2$) convertiti in 1 nuovo dollaro (Z3$), dopo che il tasso di cambio parallelo aveva raggiunto il livello di 500 miliardi per 1 USD.

Nella tabella seguente si possono trovare dati più dettagliati:

Tassi di cambio del secondo dollaro (Z2$)
Data Tasso di cambio ufficiale (Z2$) Tasso di cambio parallelo (Z2$) Note
2006 agosto 250

550 (1º);
650 (3);
650 - 700 (24)

Il 1º agosto 2006 la Banca Centrale rivaluta il dollaro. 1 000 vecchi dollari (Z1$) diventano 1 nuovo dollaro (Z2$). Il tasso di cambio ufficiale viene fissato a 250 Z2$ per 1 USD. Il tasso di cambio parallelo sale rapidamente oltre i 600 Z2$ per 1 USD.
settembre

700 - 800 (importi elevati)[129] (8);
850[130] (14);
1 200 - 1 300[131] (28);
1 500 (importi elevati)[131] (29)

ottobre

1 500[132] (11)

novembre

1 700[133] (6);
2 000[134] (19);
2 400[135] (29)

dicembre

3 000[136] (25)

2007 gennaio 250

3 200[137] (11);
3 500[138] (18);
4 000[139] (20);
4 200[140] (23);
6 000[141] (26)

febbraio

4 800[142] (2);
5 000[143] (12);
6 600[144] (23);
7 000[145] (27)

marzo

7 500[146] (1º);
8 000[147] (2);
10 000[148] (8);
11 000[149] (11);
12 000 - 17 500[150] (16);
16 000[151] (19);
20 000[152] (21);
24 000[153] (22);
25 000[154] (27);
26 000[155] (29)

Il 21 marzo 2007 il dollaro dello Zimbabwe diventa l'unità valutaria di valore inferiore al mondo. Nel mese di marzo 2007 il tasso di cambio parallelo diventa estremamente volatile, con variazioni significative nei tassi di cambio riportati.
aprile 250
(15 000 cambio speciale)

30 000[156] (1º);
15 000[157] (7);
20 000[158] (8);
25 000[159] (11);
35 000[160] (15)

Il 26 aprile 2007 viene introdotto un "cambio speciale" di 15 000 Z2$ per 1 USD. Il miglior tasso di cambio viene applicato a minatori, agricoltori, operatori turistici, organizzazioni non governative, ambasciate, cittadini dello Zimbabwe che vivono all'estero e che rimettono i loro guadagni in patria, e altri soggetti che generano cambi con valute estere. Agli esportatori l'applicazione del miglior tasso di cambio viene assicurata solo nel caso di cambio valuta presso la banca centrale[161].
maggio

28 000[162] (10);
32 000[163] (18);
38 000[164] (20);
40 000[165] (22);
45 000[166] (24);
50 000[167] (29)

giugno

55 000[168] (3);
60 000[169] (12);
75 000 - 100 000[170] (13);
120 000[171] (16);
205 000[172] (20);
300 000[173] (22);
400 000[174] (23)

luglio

270 000[175] (5);
300 000[176] (14)

agosto

200 000[177] (21)

settembre 30 000

250 000[178] (7);
280 000[179] (14);
340 000[180] (18);
500 000[181] (26);
600 000[182] (29)

Il 7 settembre 2007 il tasso di cambio ufficiale viene portato a 30 000[183].
ottobre

750 000[184] (17);
1 000 000[185] (19)

novembre

1 200 000[186] (1º);
4 500 000[187] (14);
1 400 000[188] (24);
1 500 000[189] (30)

dicembre

1 800 000[190] (1º);
4 000 000[191] (3)

Nel dicembre 2007, a causa della penuria di banconote, i fondi trasferiti mediante i sistemi elettronici di trasferimento fondi (Electronic Funds Transfer Systems - EFTS) subiscono un premio che porta il cambio a circa 4 milioni di dollari, mentre il tasso di cambio per le transazioni in contanti si aggira intorno ai 2 milioni di dollari.
2008 gennaio

1 900 000[192] (3);
2 000 000[193] (4);
3 000 000[194] (8);
4 500 000[195] (19);
5 000 000[195] (21);
6 000 000[196] (24)

6 240 837,51 (OMIR)[197] (21);
5 787 585,19 (OMIR)[197] (25)

febbraio

7 500 000[198] (13);
8 500 000[199] (18);
16 000 000; 20 000 000 (importi elevati)[199] (21)

marzo

24 000 000[200] (2);
25 000 000[201] (5);
46 000 000[202] (10);
70 000 000[203] (19)

69 226 148,58 (OMIR)[204] (17)

aprile

80 000 000[205] (17);
85 000 000[206] (24);
100 000 000[207] (26)

maggio

30 000[126] (fino al 4);
168 815 333,33[126] (5);
187 073 022,88[126] (6);
190 429 449,18[126] (7);
204 565 727,39[126] (8);
210 389 632,00[126] (9);
216 528 794,21[126] (12);
224 832 332,83[126] (13);
236 706 849,48[126] (14);
246 433 371,43[126] (15);
255 771 415,67[126] (16);
275 335 294,12[126] (19);
303 753 731,48[126] (20);
337 341 911,76[126] (21);
369 632 426,29[126] (22);
405 870 411,18[126] (23);
434 449 294,12[126] (27);
486 485 294,12[126] (28);
529 336 764,71[126] (29);
580 678 132,35[126] (30)

190 000 000[208] (1º);
200 000 000[209] (6);
250 000 000[210] (13);
315 000 000[211] (16);
498 000 000[212] (22);
494 000 000[212] (23);
580 000 000[212] (28);
703 000 000[212] (29);
777 500 000[212] (30)

Il 6 maggio 2008 il tasso di cambio ufficiale viene lasciato libero di fluttuare.
giugno

647 863 191,18[126] (2);
718 489 852,94[126] (3);
843 884 558,82[126] (4);
969 647 058,82[126] (5);
1 105 887 222,22[126] (6);
1 365 130 333,33[126] (9);
1 679 946 944,44[126] (10);
2 150 078 888,89[126] (11);
2 904 111 111,11[126] (12);
3 524 549 987,29[126] (13);
4 276 736 111,11[126] (16);
4 952 500 000,00[126] (17);
5 817 192 485,76[126] (18);
6 718 055 555,56[126] (19);
7 437 184 423,78[126] (20);
8 260 031 632,83[126] (23);
9 005 149 886,88[126] (24);
9 801 839 921,51[126] (25);
10 594 701 303,45[126] (26);
11 378 472 550,24[126] (30)

971 500 000[212] (1º);
1 123 000 000[212] (3);
1 221 500 000[212] (4);
1 964 500 000[212] (5);
2 159 000 000[212] (6);
2 691 588 425[212] (7);
3 139 382 641[212] (9);
4 605 736 200[212] (10);
5 090 337 736[212] (11);
5 137 128 498[212] (12);
6 412 613 315[212] (13);
7 512 863 828[212] (16);
9 288 500 000[212] (17);
13 999 000 000[212] (18);
17 743 015 150[212] (19);
20 269 600 000[212] (21);
22 952 543 340[212] (23);
22 835 153 651[212] (24);
32 603 770 511[212] (26);
40 928 000 000[212] (30)

967 480 942 (OMIR)[213] (2);
1 746 899 809 (OMIR)[213] (3);
3 047 030 834 (OMIR)[213] (4);
16 044 776 323 (OMIR)[214] (19);
17 039 490 724 (OMIR)[214] (20);
34 910 587 875 (OMIR)[214] (23);
78 479 941 887 (OMIR)[214] (24);
62 024 868 786 (OMIR)[214] (25);
64 575 990 281 (OMIR)[214] (26);
164 312  344 622 (OMIR)[214] (30)

luglio

12 226 034 516,65[126] (1º);
13 350 764 705,88[126] (2);
14 345 060 331,82[126] (3);
15 183 703 996,98[126] (4);
16 204 996 229,26[126] (7);
17 066 529 677,98[126] (8);
17 883 023 378,58[126] (9);
18 681 527 512,36[126] (10);
19 489 294 117,65[126] (11);
20 170 317 159,13[126] (14);
21 460 313 914,03[126] (15);
23 356 231 572,65[126] (16);
25 389 017 580,37[126] (17);
27 164 677 690,87[126] (18);
30 201 803 133,32[126] (21);
34 749 797 812,59[126] (22);
39 129 724 504,88[126] (23);
43 319 583 395,92[126] (24);
48 679 445 871,90[126] (25);
54 036 639 077,74[126] (28);
58 886 562 526,04[126] (29);
63 761 761 010,94[126] (30);
69 484 070 056,18[126] (31)

53 049 500 000[212] (1º);
65 797 000 000[212] (7);
102 351 000 000[212] (8);
145 624 500 000[212]; 151 425 393 163[215] (11);
193 014 500 000[212]; 200 414 514 369[215] (14);
274 200 889 709[212] (15);
288 072 000 000[212]; 325 110 110 211[215] (16);
324 446 338 775[212]; 360 000 000 000[215] (17);
380 000 000 000[212]; 430 000 000 000[215] (18);
600 000 000 000[212][215] (21);
650 000 000 000[215] (22);
750 000 000 000[212] (23);
555 000 000 000[215] (25);
758 530 000 000[212] (30);
510 000 000 000[215] (31)

142 024 433 315 (OMIR)[214] (1º);
129 140 850 245 (OMIR)[214] (2);
109 689 985 935 (OMIR)[214] (3);
113 028 111 843 (OMIR)[214] (4);
202 409 619 045 (OMIR)[214] (7);
173 176 356 278 (OMIR)[214] (8);
126 117 317 180 (OMIR)[214] (9);
139 534 966 792 (OMIR)[214] (10);
189 961 549 747 (OMIR)[214] (11);
194 840 848 150 (OMIR)[214] (14);
236 850 692 832 (OMIR)[214] (15);
241 421 049 361 (OMIR)[214] (16);
270 477 236 528 (OMIR)[214] (17);
404 332 849 598 (OMIR)[214] (18);
502 683 475 196 (OMIR)[214] (21);
687 860 375 011 (OMIR)[214] (22);
495 932 559 520 (OMIR)[214] (23);
488 452 876 313 (OMIR)[214] (24);
619 334 351 928 (OMIR)[214] (25);
525 086 664 547 (OMIR)[214] (28);
456 921 446 064 (OMIR)[214] (30);
669 809 343 407 (OMIR)[214] (31)

Ripristino dei dati di mercato[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi mesi prima delle riforme intraprese dalla Reserve Bank of Zimbabwe il 30 aprile 2008, virtualmente tutti gli strumenti più popolari per la conversione delle valute facevano affidamento per la pubblicazione dei dati sul tasso di cambio ufficiale di 30 000 ZWD per 1 USD, malgrado le ampie differenze tra quello e i cambi del libero mercato. Il 23 maggio 2008 "Bloomberg"[216] e "Oanda"[217] iniziarono a pubblicare tassi di cambio fluttuanti basati sul mercato bancario interno dello Zimbabwe (formalmente regolamentato), mentre "Yahoo Finance" cominciò ad utilizzare il tasso di cambio ufficiale aggiornato in luglio, ma con il separatore dei decimali spostato di sei posizioni. I tassi di cambio così riportati riflettevano in generale il tasso di cambio ufficiale come mostrato nella tabella sopra riportata. Questi cominciarono presto a differire, sopravvalutando il dollaro dello Zimbabwe in misura sempre maggiore rispetto a mercati meno regolamentati come i mercati esteri o anche i liberi scambi di cartamoneta per le strade di Harare, riflessi sopra dai cosiddetti tassi di cambio paralleli.

Terzo dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto 2008 furono rimossi 10 zeri dalla valuta, riducendo 10 miliardi di dollari (Z2$) a 1 dollaro (Z3$)[218]. Il 3 ottobre 2008 la Reserve Bank of Zimbabwe sospese temporaneamente il sistema di Real Time Gross Settlement, interrompendo i pagamenti elettronici sul mercato parallelo[219]; il sistema venne ripristinato il 13 novembre 2008[220].

Dopo la sua introduzione il 1º agosto 2008, il terzo dollaro ha continuato a svalutarsi.

Nella tabella seguente si può trovare una panoramica dei tassi di cambio:

Tassi di cambio del terzo dollaro (Z3$)
Data Tasso di cambio ufficiale (Z3$)[126] Tasso di cambio parallelo (Z3$) Tasso di cambio OMIR (Z3$)[214] Note
2008 agosto

7,58 (1º);
8,11 (4);
8,94 (5);
9,92 (6);
10,93 (7);
11,90 (8);
13,19 (13);
14,52 (14);
15,80 (15);
17,49 (18);
18,84 (19);
20,08 (20);
21,55 (21);
23,29 (22);
25,34 (25);
27,66 (26);
29,91 (27);
32,05 (28);
34,83 (29)

40,53[212]; 51[215] (1º);
61[215] (2);
40,96[212]; 66[215] (5);
74[215] (8);
41,79[212] (11);
110[215] (13);
64,12[212]; 190[215] (14);
230[215] (15);
223,51[212]; 375[215] (18);
420[215] (19);
430[215] (21);
460[212]; 440[215] (26);
700[212]; 650[215] (27);
1 400[212]; 1 700[215] (29)

49,23 (1º);
38,35 (4);
34,05 (5);
39,41 (6);
64,19 (7);
48,13 (8);
74,86 (13);
138,46 (14);
121,43 (15);
168,84 (18);
161,24 (19);
185,33 (20);
297,21 (21);
393,30 (22);
992,02 (25);
749,47 (26);
868,71 (27);
1 330,10 (28);
1 780,04 (29)

Il 1º agosto 2008 la Banca Centrale rivaluta nuovamente il dollaro dello Zimbabwe. 10 miliardi di vecchi dollari (Z2$) diventano 1 nuovo dollaro (Z3$).

Si veda anche un articolo che include una lista giornaliera dei tassi di cambio paralleli nel mese di agosto 2008[221].

settembre

37,15 (1º);
39,59 (2);
42,72 (3);
45,53 (4);
48,79 (5);
52,71 (8);
58,10 (9);
62,47 (10);
67,52 (11);
71,40 (12);
77,69 (15);
83,57 (16);
88,70 (17);
92,97 (18);
96,43 (19);
101,57 (22);
105,43 (23);
109,48 (24);
114,61 (25);
118,76 (26);
125,75 (29);
132,25 (30)

2 000[212]; 2 498[215] (1º);
2 800[212]; 3 650[215] (2);
4 300[212] (3);
4 500[212] (4);
4 800[212]; 5 700[215]; 7 500[222] (5);
8 500[215] (8);
14 000[212] (9);
20 000[212]; 29 000[215] (11);
30 000[222] (12);
34 000[212] (15);
22 000[212]; 34 000[215] (16);
33 000[212] (18);
65 059[212]; 59 652[215] (22);
80 754[215] (23);
140 251[212]; 135 368[215] (24);
271 915[215]; 1 000 (cash)[223] (25);
271 593[212] (26);
554 915[212]; 360 707[215] (29)

3 362 (1º);
3 949 (2);
4 311 (3);
5 085 (4);
11 815 (5);
13 583 (8);
11 608 (9);
14 936 (10);
25 384 (11);
19 788 (12);
18 888 (15);
11 633 (16);
22 837 (17);
34 606 (18);
37 997 (19);
79 816 (22);
131 237 (23);
270 794 (24);
247 618 (25);
266 075 (26);
557 362 (29);
592 416 (30)

ottobre

138,14 (1º);
145,62 (2);
153,10 (3);
160,46 (6);
167,68 (7);
176,33 (8);
183,19 (9);
198,93 (13);
208,65 (14);
217,72 (15);
229,90 (16);
244,05 (17);
266,40 (20);
290,92 (21);
316,56 (22);
345,18 (23);
507,24 (28);
558,53 (29);
619,52 (30)

790 510[215]; 1 000 000[224] (1º);
4 000 (cash)[225] (3);
11 000 (cash)[226] (11);
50 000 000[227] (16);
100 000 000[228]; 20 000 (cash)[229] (20);
50 000 (cash)[230] (24);
11 939 980 000[215]; 25 137 (cash)[215] (25);
69 127 (cash)[215] (27);
90 000 (cash)[231] (29)

1 418 021 (1º);
841 881 (2);
660 732 (3);
1 715 118 (6);
2 305 440 (7);
2 045 021 (8);
3 161 381 (9);
4 183 564 (10);
7 667 426 (13);
10 706 802 (14);
20 129 927 (15);
66 418 944 (16);
121 013 052 (17);
333 500 825 (20);
1 220 071 643 (21);
3 178 696 865 (22);
26 867 910 902 (23);
98 339 944 470 (24);
101 338 478 626 (27 am);
70 547 871 952 (27 pm);
233 621 089 202 (28 am);
250 783 986 568 (28 pm);
509 148 077 013 (29 am);
916 918 295 246 (29 pm);
2 443 676 912 678 (30 am);
3 949 870 500 674 (30 pm);
6 674 757 281 553 (31 am);
11 851 630 480 952 (31 pm)

I pagamenti elettronici (tramite RTGS) vengono sospesi dalla Banca Centrale il 3 ottobre 2008. I fondi non possono essere trasferiti tra le banche, bloccando effettivamente i tassi di cambio paralleli.

novembre

769,68 (3);
851,74 (4);
922,96 (5);
1 024,63 (6);
2 850,37 (7);
4 651,33 (10);
6 626,39 (11);
8 399,31 (12);
10 788,70 (13);
13 469,56 (14);
17 398,16 (17);
25 593,66 (18);
30 320,43 (19);
34 912,83 (20);
38 128,72 (21);
44 182,50 (24);
49 237,71 (25);
56 197,60 (26);
62 761,43 (27);
70 197,01 (28)

100 000 (cash)[232] (5);
30 000 000 000 000[215]; 200 000 (cash)[215] (7);
28 400 000 000 000 000[215] (12);
400 000 (cash)[233] (12);
650 000 (cash)[215] (14);
1 200 000 (cash)[215] (24)

12 405 270 255 015 (3 am);
35 179 473 949 600 (3 pm);
118 066 516 958 323 (4 am);
216 162 327 532 185 (4 pm);
267 539 344 335 978 (5 am);
225 497 447 368 896 (5 pm);
193 012 615 772 476 (6 am);
134 838 399 549 100 (6 pm);
182 325 758 081 729 (7 am);
663 325 716 143 026 (7 pm);
1 680 757 577 947 650 (10 am);
22 410 101 039 302 100 (10 pm);
44 754 638 846 288 100 (11 am);
27 157 406 063 618 700 (11 pm);
18 237 844 841 170 300 (12 am);
12 981 054 269 303 500 (12 pm);
19 148 534 621 367 600 (13 am);
41 974 524 821 395 400 (13 pm);
62 136 238 923 283 400 (14 am);
183 025 618 461 867 000 (14 pm);
251 649 721 203 565 000 (17 am);
642 371 437 695 221 000 (17 pm);
661 229 327 046 568 000 (18 am);
447 591 739 042 251 000 (18 pm);
439 481 070 796 885 000 (19);
12 617 983 349 233 500 (20)

Il 13 novembre 2008 la Banca Centrale pone fine alla sospensione del sistema di regolamento lordo in tempo reale (Real Time Gross Settlement System - RTGS)[220]. Il 26 novembre 2008 il sistema RTGS non è ancora operativo, in parte a causa del mancato pagamento da parte del governo dello Zimbabwe della società responsabile per la fornitura del sistema[234].

La Borsa Valori dello Zimbabwe (ZSE), e di conseguenza il tasso di cambio OMIR, crolla il 20 novembre 2008, quando le accuse di manipolazione del mercato diventano pubbliche. Il direttore generale della ZSE, Emmanuel Munyukwi, rivela che un gran numero di assegni (da milioni di miliardi, miliardi di miliardi e migliaia di miliardi di miliardi) erano stati respinti[235].
Dal 20 novembre 2008 i titoli azionari della società "Old Mutual Plc" non vengono più negoziati, rendendo così indisponibili i tassi di cambio OMIR. Si stima che il 25 novembre 2008 il tasso di cambio OMIR sarebbe stato pari a 649 374 262 960 211[236].

dicembre

76 620,00 (1º);
83 613,46 (2);
89 826,13 (3);
100 330,21 (4);
111 126,89 (5);
128 734,67 (8);
140 085,70 (9);
154 661,25 (10);
226 954,13 (11);
404 294,50 (12);
925 825,00 (17);
1 151 656,00 (18);
1 423 462,00 (19);
1 748 530,00 (23);
2 133 117,00 (24);
2 772 250,00 (29);
3 641 246,00 (30);
4 894 167,00 (31)

2 000 000 (cash)[215] (2);
5 300 000 (cash)[215] (4);
10 000 000 (cash)[237] (5);
25 000 000 (cash)[238] (9);
30 000 000 (cash)[215] (10);
60 000 000 (cash)[116] (12);
150 000 000 (cash)[215] (16);
200 000 000 (cash)[215] (17);
600 000 000 (cash)[215] (19);
9 000 000 000 (cash)[239] (22);
2 000 000 000 (cash)[215] (24)

2009 gennaio

5 601 509 (2);
6 386 667 (5);
8 042 778 (7);
8 676 674 (8);
9 326 444 (9);
10 148 113 (12);
11 171 474 (13);
13 856 763 (14);
15 273 676 (15);
16 744 890 (16);
18 683 139 (19);
20 215 883 (20);
25 599 608 (21);
30 577 532 (22);
36 844 444 (23);
44 796 944 (26);
415 888 889 (27);
1 407 917 306 (28);
3 429 836 806 (29);
7 039 188 034 (30)

5 050 505[240] (2);
40 000 000 000[241] (12);
3 000 000 000 000[242] (15);
1 000 000 000 000[215] (16);
5 000 000 000 000[215] (21);
10 000 000 000 000[243] (22);
13 000 000 000 000[244] (23);
30 000 000 000 000[245] (27);
40 000 000 000 000[246] (28);
100 000 000 000 000[247] (29)

35 000 000 000 000 000[248] (1º)

febbraio

12 336 416 667 (2)

250 000 000 000 000 (1º)[249];
300 000 000 000 000[19];
12 626 265 000 (2)[240]

150 000 000 000 000 000[248] (1º)

Quarto dollaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2009 la Banca Centrale ha annunciato l'eliminazione di ulteriori 12 zeri dalla valuta: mille miliardi di vecchi dollari (Z3$) vengono cambiati con 1 nuovo dollaro (Z4$)[19].

Tassi di cambio del quarto dollaro (Z4$)
Data Tasso di cambio ufficiale[126] Tasso di cambio parallelo Tasso di cambio delle Nazioni Unite [248] Note
2009 febbraio

22,00 (3); 24,51 (4);
28,54 (5); 32,19 (6);
35,34 (9); 38,80 (10);
42,32 (11); 46,07 (12);
49,87 (13); 53,00 (16);
58,04 (17); 62,70 (18);
66,49 (19); 71,31 (20);
76,22 (23); 81,58 (24);
86,15 (25); 91,39 (26);
95,42 (27)

300[19] (2);
0,01265[240] (3);
24,76[240] (4)

150 000 (5)

Il 3 febbraio 2009 la Banca Centrale rivaluta nuovamente il dollaro. Mille miliardi di vecchi dollari (Z3$) diventano 1 nuovo dollaro (Z4$).

Il 19 febbraio 2009 riapre la Borsa di Harare (ZSE), dopo circa tre mesi di chiusura. Tutte le transazioni avverranno in USD.

marzo

99,67 (2); 103,29 (3);
108,01 (4); 113,12 (5);
117,26 (6); 121,85 (9);
126,11 (10); 131,00 (11);
134,92 (12); 138,58 (13);
143,42 (16); 150,52 (17);
156,69 (18); 163,34 (19);
170,39 (20); 177,25 (23);
186,61 (24); 193,52 (25);
199,76 (26); 206,74 (27);
209,62 (30); 213,07 (31)

aprile

221,29 (1º); 225,83 (2);
230,68 (3); 238,94 (6);
244,81 (7); 245,21 (8);
249,40 (9); 255,19 (14);
259,10 (15); 263,94 (16);
266,64 (17); 271,04 (20);
286,68 (22); 288,65 (23);
294,18 (24); 306,68 (29);
309,31 (30)

Il 12 aprile 2009 il dollaro zimbabwiano viene sospeso.
maggio

315,23 (4); 319,13 (5);
328,36 (6); 320,02 (7);
326,26 (8); 329,65 (11);
332,26 (12); 336,46 (13);
345,12 (14); 350,30 (15);
350,30 (18); 354,58 (19);
357,48 (20); 360,64 (21);
363,14 (22); 365,95 (27);
369,70 (28); 375,22 (29)

322,355[240] (5)

giugno

380,01 (1); 380,24 (2);
378,59 (3); 371,32 (4);
371,68 (5); 370,16 (8);
367,83 (9); 366,49 (10);
364,81 (11); 363,82 (12);
362,12 (15); 363,48 (16);
364,48 (17); 363,01 (18);
362,18 (19); 362,72 (22);
366,20 (23); 368,29 (24);
369,05 (25); 369,10 (26);
372,66 (29); 373,38 (30)

luglio

372,56 (1º); 367,99 (2);
368,78 (3); 382,00 (6);
376,00 (7); 373,48 (8);
372,02 (9); 371,37 (10);
370,72 (13); 370,66 (14);
371,01 (15); 371,39 (16);
371,98 (17); 371,55 (20);
373,81 (21); 360,55 (22);
353,99 (23); 364,48 (27);
358,77 (28); 358,71 (29);
363,07 (31)

agosto

363,30 (3); 366,00 (4);
366,13 (5); 361,68 (6);
362,30 (7); 361,80 (12);
362,04 (13); 361,82 (14);
361,84 (17); 362,09 (18);
362,24 (19); 362,33 (20);
362,19 (21); 361,84 (24);
362,34 (25); 362,20 (26);
362,45 (27); 361,62 (28);
361,59 (31)

settembre

359,00 (1); 360,90 (2);
361,08 (3); 356,50 (4);
360,51 (8); 360,91 (9);
361,02 (10); 360,99 (11);
361,02 (14); 361,02 (15);
361,02 (16); 361,02 (17);
361,02 (18); 360,90 (21);
359,85 (22); 362,21 (23);
362,15 (24); 362,37 (28);
362,37 (29); 362,37 (30)

ottobre

362,370 (1); 361,90 (2);
361,90 (5); 361,90 (6);
361,90 (7); 361,90 (8);
361,90 (12); 361,90 (13);
361,90 (14); 361,90 (15);
361,90 (16); 361,90 (20);
361,90 (21); 361,90 (22);
361,90 (23); 361,90 (26);
361,90 (27); 361,90 (28);
361,90 (30);

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Multidevises, Natixis. URL consultato il 2 marzo 2009.
  2. ^ (EN) Joseph Gumbo, Bills Put Zimbabwe Under "Martial Law", Institute for War and Peace, 27 luglio 2006. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) Currency reform Zimbabwe (PDF), Telekurs Financial, 9 agosto 2006. (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2007).
  4. ^ (EN) Dumisani Ndlela, 78% old currency returned: RBZ, Zimbabwe Independent, 15 settembre 2006. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Harare expected to unveil new currency next month, Zim Online, 14 dicembre 2006. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  6. ^ (EN) Patience Rusere, Some Expect New Currency From Zimbabwe Central Bank In 2007, Voice of America, 14 dicembre 2006. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2007).
  7. ^ (EN) Michael Wines, As Inflation Soars, Zimbabwe Economy Plunges, The New York Times, 7 febbraio 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  8. ^ (EN) Zimbabwe jail over bread prices, BBC News, 1º dicembre 2006. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  9. ^ (EN) Eddie Cross, The Zimbabwe Situation, 15 giugno 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  10. ^ (EN) David Wilson, S&P's Sub-$10 Club, Lexmark's `Buy,' Zimbabwe's Dollar: Timshel[collegamento interrotto], Bloomberg, 7 settembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  11. ^ (EN) Jan Raath, Devaluation is 'too little, too late' to save Zimbabwe, Times Online, 7 settembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  12. ^ a b (EN) Angus Shaw, Zimbabwe devalues currency; 10B becomes 1 dollar, Associated Press, 30 luglio 2008.
  13. ^ (EN) Wayne Mafaro, Mugabe says might declare state of emergency over prices, ZimOnLine, 30 luglio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2008).
  14. ^ (EN) Sebastien Berger; Peta Thornycroft, Zimbabwe to cut ten zeros from banknotes in fight against inflation, The Daily Telegraph, 31 luglio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  15. ^ (EN) Sebastien Berger, Final humiliation for Zimbabwe dollar as foreign currency legalised, The Daily Telegraph, 11 settembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  16. ^ (EN) Sebastien Berger; Peta Thornycroft, Zimbabwe shops stop accepting local currency, The Daily Telegraph, 27 ottobre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  17. ^ (EN) Karin Brulliard, Zimbabwe Turns To the Greenback, The Washington Post, 4 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  18. ^ a b (EN) Zimbabwe abandons its currency, BBC News, 29 gennaio 2009. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  19. ^ a b c d e f (EN) Zimbabwe removes 12 zeros from currency, CNN, 2 febbraio 2009. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  20. ^ a b c (EN) Zimbabwe dollar sheds 12 zeros, BBC News, 2 febbraio 2009. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  21. ^ (EN) Zimbabwe Dollar Revaluations February 2009, WM/Reuters, 6 febbraio 2009. URL consultato il 2 marzo 2009.
  22. ^ (EN) Bernard Mpofu, Banks Redeem Treasury bills, woo Depositors, Zimbabwe Independent, 5 marzo 2009. URL consultato il 9 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2009).
  23. ^ (EN) Paul Nyakazeya, Revised Budget Dashes Infrastructure Repair Hopes, The Zimbabwe Independent, 19 marzo 2009. URL consultato il 24 marzo 2009 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2009).
  24. ^ (EN) Cris Chinaka, Zimbabwe dollar shelved 'for at least a year', newzimbabwe.com, 12 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2009).
  25. ^ (EN) Zimbabwe Suspends Use of Own Currency, Voice of America, 12 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  26. ^ (EN) Cris Chinaka; Sophie Hares, Zimbabwe shelves own currency for a year, Reuters, 12 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  27. ^ (EN) Zimbabwe dollar 'not back soon', BBC News, 12 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  28. ^ Lo Zimbabwe rinuncia alla moneta nazionale, 10 miliardi non bastano per il pane, Rai News 24, 12 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  29. ^ (EN) Wolfgang H. Thome, Zimbabwe dumps own currency, eTurboNews, 14 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  30. ^ (EN) Inflation Rates, Reserve Bank of Zimbabwe. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  31. ^ Zimbabwe: vita media più bassa al mondo, inflazione più alta, Swiss Info, 8 aprile 2006. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  32. ^ L’inflazione in Zimbabwe arriva al 1.204,6%, La Gazzetta del Sud Africa, 17 settembre 2006. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  33. ^ (EN) Inflation hits a record high in Zimbabwe, Mail & Guardian Online, 10 marzo 2006. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  34. ^ (EN) Zimbabwean inflation hits 1,281%, BBC News, 10 gennaio 2007. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  35. ^ Nello Zimbabwe l'inflazione più alta del mondo: è del 1281%, Radio Vaticana, 13 gennaio 2007. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  36. ^ (EN) Angus Shaw, Inflation in Zimbabwe surges to record 3,714 percent, the highest in the world, Associated Press, 17 maggio 2007. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  37. ^ Nello Zimbabwe Borsa più veloce dell'inflazione, La Repubblica, 11 giugno 2007. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  38. ^ (EN) Blessing Zulu, Zimbabwe Inflation Data Delayed Again; Estimate Points To 4,530%, Voice of America, 12 giugno 2007. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  39. ^ (EN) Andrew Meldrum, US predicts regime change in Zimbabwe as hyperinflation destroys the economy, The Guardian, 22 giugno 2007. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  40. ^ (EN) Hendricks Chizhanje, Harare suspends release of inflation data, Zimbabwe Online, 14 luglio 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  41. ^ (EN) Paul Nyakazeya, June inflation 13 000%: CCZ, The Zimbabwe Independent, 27 luglio 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  42. ^ (EN) Nelson Banya; MacDonald Dzirutwe, Zimbabwe inflation slows amid warning of collapse, Reuters, 18 settembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  43. ^ (EN) Chris McGreal, Mugabe's price cuts bring cheap TVs today, new crisis tomorrow, The Guardian, 16 luglio 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  44. ^ (EN) Zimbabwe inflation surges to 7,892 percent, Yahoo News, 17 ottobre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  45. ^ (EN) Paul Nyakazeya, $1m note on the way as cash crisis worsens, Zimbabwe Independent, 16 ottobre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  46. ^ (EN) Zimbabwe inflation 'incalculable', BBC News, 27 novembre 2007. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  47. ^ (EN) Zimbabwe inflation spirals again, BBC News, 14 febbraio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  48. ^ Zimbabwe: inflazione annuale record a dicembre, 66.000 %, Swiss Info, 14 febbraio 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  49. ^ (EN) Zimbabwe annual inflation over 100,000 per cent, Sydney Morning Herald, 21 febbraio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  50. ^ (EN) Shame Makoshori, Inflation surges to 165 000%, The Financial Gazette, 4 aprile 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  51. ^ Zimbabwe: inflazione al 164.900%, ANSA, 16 aprile 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  52. ^ (EN) Inflation Hits 355 000%, Zimbabwe Independent, 15 maggio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  53. ^ (EN) Angus Shaw, Zimbabwe inflation now over 1 million percent, Associated Press, 21 maggio 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  54. ^ (EN) Tichaona Sibanda, Inflation hits one million percent as prices continue to skyrocket, SW Radio Africa, 21 maggio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  55. ^ (EN) Inflation gallops ahead: 9000 000%, Zimbabwe Independent, 26 giugno 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  56. ^ a b c (EN) Chris McGreal, Zimbabwe's accelerating inflation rate reaches the millions, The Sydney Morning Herald, 18 luglio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  57. ^ Zimbabwe: inflazione alle stelle, balzo dell'11 mln per cento[collegamento interrotto], Agenzia Giornalistica Italia, 19 agosto 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  58. ^ (EN) Martin Kadzere, Inflation soars to 231 million percent, The Herald, 9 ottobre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  59. ^ (EN) Zimbabwe inflation hits new high, BBC News, 9 ottobre 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  60. ^ Zimbabwe: inflazione stellare e niente accordo, Vita.it, 9 ottobre 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  61. ^ Zimbabwe. Inflazione, valuta nazionale sconfitta dal dollaro Usa, Apcom, 29 gennaio 2009. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  62. ^ (EN) Karin Brulliard, As Zimbabwean Dollar Dies, So Does a Lucrative Career, The Washington Post, 21 febbraio 2009. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  63. ^ (EN) Zimbabwe Campaign Posters Printed On Bank Notes, The Zimbabwean, 2 aprile 2009. URL consultato il 2 aprile 2009.
  64. ^ (EN) Andrew Meldurm, Africa needs more courage, says Mugabe, The Guardian, 21 febbraio 2006. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  65. ^ (EN) Randall Parker, Zimbabwe Inflation Over 900 Percent, ParaPundit, 4 maggio 2006. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  66. ^ (EN) Zimbabwe: Gono ordered to print Z$1 Trillion for Civil servants and Army, Zimbabwe Daily News, 27 giugno 2007. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  67. ^ (EN) Mugabe says will print more money if there isn't enough, International Herald Tribune, 28 luglio 2007. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  68. ^ (EN) RBZ provides $3 trillion for vote buying, The Zimbabwean, 30 agosto 2007. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  69. ^ (EN) Robyn Dixon, He can get it for you fast, Los Angeles Times, 3 settembre 2007. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  70. ^ (EN) Of cash and dealers, IRIN, 24 novembre 2007. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  71. ^ (EN) Cash crisis: No end in sight, The Financial Gazette, 4 gennaio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  72. ^ (EN) Dumisani Ndlela, ZANU-PF split looms, The Financial Gazette, 4 gennaio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  73. ^ (EN) Zimbabwe central bank blames banks for banknote shortage, Reuters, 21 gennaio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  74. ^ a b c (EN) Christina Lamb, Planeloads of cash prop up Mugabe, The Sunday Times, 2 marzo 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  75. ^ (EN) Giesecke & Devrient halts deliveries to the Reserve Bank of Zimbabwe, Giesecke & Devrient GmbH, 1º luglio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  76. ^ (EN) Giesecke & Devrient Halts Deliveries to the Reserve Bank of Zimbabwe, Reuters, 1º luglio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  77. ^ (EN) Chris McGreal, What comes after a trillion?, The Guardian, 18 luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  78. ^ a b (EN) Daniel Howden; Tom Armitage, Firm with licence to print Mugabe's money, The Independent, 24 luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  79. ^ a b (EN) Austrian company helps Zimbabwe bank produce near-worthless money, Deutsche Presse-Agentur, 24 luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2008).
  80. ^ a b c (EN) Nelson Banya, Zimbabwe central bank promises currency reforms, Reuters, 24 luglio 2008. (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2008).
  81. ^ (EN) $100 billion for three eggs, The Herald Sun, 25 luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  82. ^ (EN) Susanna Woods, 1.2 trillion Zimbabwe dollars for £1, Institute of Commercial Management, 24 luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2009).
  83. ^ (EN) When a lot of money is bad, The Financial Gazette.
  84. ^ (EN) Zimbabwe abandons its currency, BBC, 29 gennaio 2009. URL consultato il 10 luglio 2015.
  85. ^ (EN) Zimbabwe dollar 'not back soon', BBC, 12 aprile 2009. URL consultato il 10 luglio 2015.
  86. ^ (EN) Zimbabwe to use Chinese currency, NewsDay Zimbabwe, 30 gennaio 2014. URL consultato il 10 luglio 2015.
  87. ^ (EN) Zimbabwe ditches its all but worthless currency, Financial Times. URL consultato il 10 luglio 2015.
  88. ^ (EN) Demonetization of the Zimbabwe Dollar (PDF), Reserve Bank of Zimbabwe, 11 giugno 2015. URL consultato il 10 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
  89. ^ Foto delle monete dello Zimbabwe (JPG), su diggafromdover.com. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  90. ^ (EN) N. Lawa, Coins to replace notes, The Zimbabwean, 3 giugno 2006. (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2005).
  91. ^ (EN) Zimbabwe 2003/08 - 10 & 25 dollars, World Coin News. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  92. ^ (EN) MacDonald Dzirutwe, Zimbabwe introduces higher denomination banknotes, Reuters, 20 dicembre 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  93. ^ Massimo A. Alberizzi, Banconote da 10 milioni, Zimbabwe al collasso, Corriere della Sera, 20 gennaio 2008. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  94. ^ (EN) Zim to introduce $10m note[collegamento interrotto], Fin24.com, 16 gennaio 2008. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  95. ^ Fotografia di una banconota da 50 milioni di dollari (JPG), Canadian Broadcasting Corporation. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  96. ^ (EN) RBZ introduces new notes, Zimbabwe Independent, 3 aprile 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  97. ^ (EN) Wayne Mafaro, Harare introduces Z$50 million note, Zimbabwe Online, 3 aprile 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  98. ^ (EN) Zimbabwe releases $250m bank note, The Australian, 6 maggio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  99. ^ a b (EN) Lack of bank note paper threatens Zimbabwe economy, Los Angeles Times, 14 luglio 2007. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  100. ^ (EN) Zimbabwe introduces Z$100bn note, BBC News, 19 luglio 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  101. ^ (EN) Zimbabwe introduces 100-billion-dollar note, Agence France-Presse, 19 luglio 2008.
  102. ^ (EN) Shakeman Mugari, New notes out, Zimbabwe Independent, 2 febbraio 2007. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  103. ^ (EN) Tichaona Sibanda, Reserve Bank to Launch New Currency, SW Radio Africa, 1º ottobre 2007. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  104. ^ (EN) Torby Chimhashu, New Zimbabwe currency imminent, newzimbabwe.com, 12 gennaio 2008. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  105. ^ (EN) Shame Makoshori, Sunrise 2: Rollout begins, The Financial Gazette, 30 novembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  106. ^ (EN) Gideon Gono, The Imminent Launch of Sunrise 2 (PDF), Reserve Bank of Zimbabwe, 21 novembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2010).
  107. ^ (EN) Tichaona Sibanda, Confusion as RBZ orders banks to briefly stop operations, SW Radio Africa Zimbabwe News, 18 dicembre 2007. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  108. ^ (EN) Zimbabwe to revalue its currency, BBC News, 30 luglio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  109. ^ (EN) Gideon Gono, Half Year Monetary Policy statement (PDF), Reserve Bank of Zimbabwe, 30 luglio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2008).
  110. ^ (EN) Zimbabwe unveils $20,000 banknote, AFP, 29 settembre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2008).
  111. ^ (EN) Zimbabwe issues $1 million bills as inflation soars, CNN, 3 novembre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  112. ^ (EN) New bills and new withdrawal limits, newzimbabwe.com, 5 novembre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2008).
  113. ^ (EN) Zimbabwe introduces new banknotes as inflation soars, Reuters, 3 dicembre 2008. (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  114. ^ (EN) Alex Bell, Bank cash withdrawals increased again as protests gather momentum, SW Radio Africa, 1º dicembre 2008. URL consultato il 24 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2008).
  115. ^ (EN) Zimbabwe to introduce 200-mln-dollar note next week, Xinhua, 6 dicembre 2008. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  116. ^ a b (EN) Zimbabwe introduces $500 million note, CNN, 12 dicembre 2008. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  117. ^ (EN) Zimbabwe unveils 10 billion dollar note, Reuters, 19 dicembre 2008.
  118. ^ (EN) Zimbabwe introduces new $50 billion note, CNN, 10 gennaio 2009. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  119. ^ (EN) RBZ unveils $100 trillion note, The Herald, 16 gennaio 2009. (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2009).
  120. ^ Zimbabwe, arriva banconota da 100 trilioni, in La Repubblica. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  121. ^ Zimbabwe, prezzi alle stelle banconote da 100 trilioni, in La Repubblica, 17 gennaio 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  122. ^ La banconota da cento trilioni di dollari, in La Repubblica, 16 maggio 2013. URL consultato il 16 maggio 2013.
  123. ^ A causa della penuria di banconote del dicembre 2007, i fondi trasferiti attraverso i Sistemi di Trasferimento Elettronico dei Fondi (Electronic Funds Transfer Systems - EFTS) sopportano un premio che rende il cambio pari a circa 4 milioni di dollari, mentre il cambio per le transazioni in contanti varia intorno ai 2 milioni.
  124. ^ Il tasso di cambio era di 20 000 000 per importi elevati.
  125. ^ La sigla "OMIR" sta per "Old Mutual Implied Rate" ed indica il tasso di cambio implicito nel valore dei titoli azionari della società "Old Mutual Plc", quotata sia alla borsa valori di Londra (LSE), sia a quella di Harare (ZSE). Tale tasso viene calcolato sulla base della teoria della parità dei poteri di acquisto dividendo il prezzo dell'azione sul ZSE per il prezzo della stessa azione sul LSE. Il risultato è il cambio OMIR per la sterlina britannica. Utilizzando i cambi incrociati si ottiene quindi il cambio OMIR per il dollaro USA.
  126. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn Fonte: Reserve Bank of Zimbabwe. Foreign Exchange Rates Archiviato il 25 marzo 2008 in Internet Archive.
  127. ^ (EN) Peta Thornycroft, Bring on the wheelbarrows, The Daily Telegraph, 11 luglio 2006. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  128. ^ (EN) Joseph Gumbo, Bills Put Zimbabwe Under "Martial Law", Institute for War and Peace, 27 luglio 2006. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  129. ^ (EN) Dumisani Ndlela, Forex still scarce, Zim Independent, 8 settembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  130. ^ (EN) Cold comfort for Mugabe, The Telegraph, 14 settembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  131. ^ a b (EN) Dumisani Ndlela, Zim dollar plumbs fresh depths, Zim Independent, 29 settembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  132. ^ (EN) Black market rate continues to gallop, ANDnetwork.com, 11 ottobre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  133. ^ (EN) Wave of price hikes dampen hopes for recovery, Zimbabwe Online, 6 novembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  134. ^ (EN) AirZim fee fuels currency black market, Zimbabwe Standard, 19 novembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  135. ^ (EN) Zimdollar takes heavy knock on black market, Zimbabwe Online, 29 novembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  136. ^ (EN) Makusha Mugabe, No Rice and Chicken This Christmas, AND, 25 dicembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  137. ^ (EN) Dollar drops as demand soars, The Zimbabwean, 11 gennaio 2007. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  138. ^ (EN) Charles Rukuni Bulawayo, Zim dollar plumbs new depths, Financial Gazette, 18 gennaio 2007. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  139. ^ (EN) Foreign currency parallel market rates shoot up, Zimbabwe Online, 20 gennaio 2007. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  140. ^ (EN) Blessing Zulu, Devaluation Talk Pushes Zimbabwe Dollar Down To Z$4,200 To USD, Voice of Africa, 23 gennaio 2007. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  141. ^ (EN) Costs of ARVs spiral, Zimbabwe Situation, 26 gennaio 2007. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  142. ^ (EN) Paul Nyakazeya, Zim dollar firms marginally, Zimbabwe Independent, 2 febbraio 2007. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  143. ^ (EN) MacDonald Dzirutwe, ANALYSIS-Mugabe pressure rises as Zimbabwe economic woes spread, Reuter, 11 febbraio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  144. ^ (EN) Paul Nyakazeya, AirZim hikes fares 100%, Zim Indipendent, 23 febbraio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  145. ^ (EN) Tsungai Murandu, Zimbabwe central bank to devalue dollar, Zim Online, 27 febbraio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  146. ^ (EN) Eddie Cross, The crisis intensifies!, Zimbabwe Situation, 1º marzo 2007. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  147. ^ (EN) Angus Shaw, Little cheer from new Z$50 000 banknote in Zim, Mail and Guardian, 2 marzo 2007. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  148. ^ (EN) Jan Raath, Mugabe under threat from within his collapsing state, The Times, 7 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  149. ^ (EN) Peta Thornycroft, Inflation forces citizens into mafia economy, IOL, 11 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  150. ^ (EN) Dumisani Ndlela, Dollar touches $17 500 to greenback, Zim Independent, 16 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  151. ^ (EN) Justin Muponda, Inflation to hit 5 000 percent mark this year: IMF, Zim Online, 19 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  152. ^ (EN) Opposition in Zimbabwe Mounts, Says U.S. Diplomat, The New York Times, 21 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  153. ^ (EN) Mugabe fighting for political life in behind-the-scenes ruling party power struggle, International Herald Tribune, 22 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  154. ^ (EN) Blessing Zulu, Zimbabwe Dollar In New Downward Spike Against Major Currencies, Voice of America, 26 marzo 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  155. ^ (EN) Daniel Howden, Mugabe faces the music in Tanzania as police launch mass arrest of opponents, Independent, 29 marzo 2007. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  156. ^ (EN) Eric Bloch, Zimbabwe business committing hara-kiri, Zimbabwe Independent, 1º aprile 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  157. ^ (EN) Fuel Prices Tumble, The Herald, 7 aprile 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  158. ^ (EN) Angus Shaw, Black Market Economy Thrives in Zimbabwe, Associated Press, 8 aprile 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  159. ^ (EN) Across the border for sugar, IRIN, 11 aprile 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  160. ^ (EN) Zimdollar drop: speculators blamed, Zim Standard, 15 aprile 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  161. ^ (EN) Nasreen Seria; Godfrey Mutizwa, Zimbabwe Devalues Currency by 98% to Boost Exports, Bloomberg, 26 aprile 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  162. ^ (EN) Golden leaf fails to boost forex earnings, The Zimbabwean, 10 maggio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  163. ^ (EN) Peter Schrank, Back to the dark ages, The Economist, 18 maggio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  164. ^ (EN) Pindai Dube; Nqobani Ndlovu, Zimbabwe dollar in for a hard time, Zim Standard, 20 maggio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  165. ^ (EN) Dianna Games, How life goes on for the super rich of Zimbabwe, Business Day, 22 maggio 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  166. ^ (EN) Police ban march, The Financial Gazette, 24 maggio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  167. ^ (EN) As services collapse, corruption flourishes, IRIN, 29 maggio 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  168. ^ (EN) Zimbabwe targets 25 pct mth/mth inflation by year-end, Reuters, 3 giugno 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  169. ^ (EN) Children left at home pay the price of migration, IRIN, 12 giugno 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  170. ^ (EN) Eddie Cross, Mugabe should resign, The Zimbabwean, 13 giugno 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  171. ^ (EN) Eddie Cross, Zimbabwe Situtation, 16 giugno 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  172. ^ (EN) Violet Gonda, Will the economic collapse be the end of Mugabe?, SW Radio Africa, 20 giugno 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  173. ^ (EN) Zimbabwe currency crashes; inflation as high as 9,000%, CNN, 22 giugno 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  174. ^ (EN) Tererai Karimakwenda, Zimbabwe dollars rejected as currency crashes, Zimbabwe Situation, 23 giugno 2007. URL consultato il 7 marzo 2009.
  175. ^ (EN) Zimbabwe in disarray over inflation fight, International Herald Tribune, 5 luglio 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  176. ^ (EN) Neil Reynolds, A letter of despair from Zimbabwe, Globe and Mail, Canada, 14 luglio 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  177. ^ (EN) Water shortages spur sharp rise in diarrhea, dysentery in Zimbabwe, International Herald Tribune, 21 agosto 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  178. ^ (EN) Zimbabwe devalues currency to 30,000/dlr, Reuters, 7 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  179. ^ (EN) Paul Nyakazeya, Zim dollar weakens, Zim Independent, 14 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  180. ^ (EN) Not Enough Money to Feed the Hungry, UN Integrated Regional Information Networks, 18 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  181. ^ (EN) Blessing Zulu, Zimbabwe Food, Transport Prices Soar While Local Currency Tumbles, Voice of America, 26 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  182. ^ (EN) Scott Johnson, Decaying Nation, Newsweek, 29 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  183. ^ (EN) Zimbabwe devalues currency to 30,000/dlr, Reuters, 7 settembre 2007. URL consultato il 5 marzo 2009.
  184. ^ (EN) Patricia Mpofu, Zim opposition wants police prosecuted for torture, Zim Online, 17 ottobre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  185. ^ (EN) 1 U.S. dollar buys 1 million Zimbabwe dollars on black market, International Herald Tribune, 19 ottobre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  186. ^ (EN) Mugabenomics, Mens News Daily, 1º novembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  187. ^ (EN) Trader Vic, Zim: War heroes & plenty zeros, Fin24, 14 novembre 2007. URL consultato il 9 marzo 2009.
  188. ^ (EN) Of cash and dealers, IRIN, 24 novembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  189. ^ (EN) Lucia Makamure, Asylum-seekers face deportation from UK, Zim Independent, 30 novembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2009.
  190. ^ (EN) Chris Muronzi, Cash for sale in Zim, Fin24, 1º dicembre 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  191. ^ (EN) Blessing Zulu, Zimbabwe Dollar Crashes On Central Bank Plan To Issue New Notes, Voice of America, 4 dicembre 2007. URL consultato il 6 marzo 2009.
  192. ^ (EN) Patience Rusere, Cash-Poor Zimbabweans Turn To Parallel Market To Procure Bank Notes, Voice of America, 4 gennaio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  193. ^ (EN) Money for nothing, IRIN, 5 gennaio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  194. ^ (EN) Zim dollar takes another dive, The Zimbabwean, 9 gennaio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  195. ^ a b (EN) Zimbabwe dollar takes heavy knock, Zimbabwe Gazette, 19 dicembre 2007.
  196. ^ (EN) Jonga Kandemiiri, Zimbabwe Cash Crisis Eases But Local Currency Value Heads South, Voice of America, 25 gennaio 2008. URL consultato il 6 marzo 2009.
  197. ^ a b (EN) Money Market Summary (PDF), Bulls 'n Bears, 25 gennaio 2008. URL consultato il 5 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2008).
  198. ^ (EN) Zimbabwe's inflation woes continue, IOL, 13 febbraio 2008. URL consultato il 5 marzo 2009.
  199. ^ a b (EN) Edith Kaseke, Dollar tumbles again, as one US unit trades at Z$20 million, Zim Online, 21 febbraio 2008. URL consultato il 5 marzo 2009.
  200. ^ (EN) Christina Lamb, Planeloads of cash prop up Mugabe, The Sunday Times, 2 marzo 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  201. ^ (EN) Zimbabwe currency tumbles to record 25 million Zimbabwe dollars for one American dollar, International Herald Tribune, 6 marzo 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  202. ^ (EN) Sokwanele, Zimbabwe Business Watch : Week 11, Zimbabwe Situation, 11 marzo 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  203. ^ (EN) More cash makes food expensive, IRIN, 19 marzo 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  204. ^ (EN) Lee Shungu, Cash Shortage To Ease, For Now!, The Zimbabwe Gazette, 28 marzo 2008. URL consultato il 5 marzo 2009.
  205. ^ (EN) Wayne Mafaro; Nqobizitha Khumalo, No let up in Zim crackdown on reporters, Zim Online, 17 aprile 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  206. ^ (EN) Charles Rukuni, ZITF shows stark contrast in Zim, Financial Gazette, 24 aprile 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  207. ^ (EN) Peta Thornycroft, Cry, Another Beloved Country, Newsweek, 26 aprile 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  208. ^ (EN) MacDonald Dzirutwe, Zimbabwe commercial bank eases foreign exchange rules, Reuters, 1º maggio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  209. ^ (EN) Zimbabwe's currency gets more threadbare, Business Report, 6 maggio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  210. ^ (EN) The Reserve Bank of Zimbabwe caves in to black market pressure, The Zimbabwean, 14 maggio 2008. URL consultato il 6 marzo 2009.
  211. ^ (EN) Zimbabwe Business Watch : Week 20, Zimbabwe Situation, 16 maggio 2008. URL consultato il 6 marzo 2009.
  212. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg Fonte: ZIMMoney
  213. ^ a b c (EN) Zim Dollar Crashes, Zim Independent, 6 giugno 2008. URL consultato il 5 marzo 2009.
  214. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad Fonte: Zimbabwean Equities Archiviato il 20 agosto 2008 in Internet Archive.
  215. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay Fonte: SW Radio Africa
  216. ^ (EN) World Currencies: Europe/Africa/Middle East, Bloomberg L.P.. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  217. ^ (EN) FXConverter - Currency Converter for 164 Currencies, Oanda Corporation. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  218. ^ (EN) MacDonald Dzirutwe, Zimbabwe redenominates currency to ease crisis, Reuters, 30 luglio 2008. (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2008).
  219. ^ (EN) Paul Nyakazeya, Zimbabwe: RBZ Suspends RTGS Payment System, Zimbabwe Independent, 2 ottobre 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  220. ^ a b (EN) Violet Gonda, Reserve bank reinstates electronic transfers, SW Radio Africa, 13 novembre 2008. URL consultato il 17 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2008).
  221. ^ (EN) John Robertson, Zimbabwe’s re-valued currency after one month, The Zimbabwe Times, 3 settembre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  222. ^ a b (EN) Is this the end of Zimbabwe’s $1000 loaf of bread?, Zimbabwe Situation, 12 settembre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  223. ^ (EN) MacDonald Dzirutwe, Zimbabwe licenses shops to accept foreign currency, Reuters, 25 settembre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  224. ^ (EN) Brian Latham, Zimbabwe Tobacco Season Officially Ends; Deliveries Down 40%, Bloomberg, 30 settembre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  225. ^ (EN) Lizwe Sebata; Edith Kaseke, Political impasse sends Zimbabwe dollar tumbling, ZimOnLine, 3 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  226. ^ (EN) 50,000-dollar banknote for inflation-wracked Zimbabwe, AFP, 11 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  227. ^ (EN) Zimbabwe power-sharing talks collapse, Africa News, 17 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  228. ^ (EN) Zimbabwe stock market up 257 percent in a day, CNN, 22 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  229. ^ (EN) Zimbabwe's Economic Crisis Worsens, Zimbabwe Situation, 20 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  230. ^ (EN) Sibangani Sibanda, Why was Zimbabwe invited to Kampala?, The Zimbabwe Times, 24 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  231. ^ (EN) Patience Rusere, Zimbabwe Central Banker Reports 'Concerted Efforts' For Turnaround, Voice Of America, 29 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2009.
  232. ^ (EN) The grey economy is the real one, The Zimbabwe Situation, 4 novembre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  233. ^ (EN) Jonga Kandemiiri, Zimbabwe Prices In Stratosphere As Political Power-Sharing Falters, Voice of America, 12 novembre 2008. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  234. ^ (EN) Articolo, Radio VOP, 26 novembre 2008.
  235. ^ Annuncio sul sito "zimbabweanequities.com" del 19 novembre 2008.
  236. ^ Annuncio sul sito "zimbabweanequities.com" del 25 novembre 2008.
  237. ^ (EN) New Zimbabwe bank limits trigger surge in prices, APA, 5 dicembre 2008. URL consultato il 5 marzo 2009.
  238. ^ (EN) Articolo, Associated Press, 9 dicembre 2008.
  239. ^ (EN) Articolo, Chronicle, 22 dicembre 2008. (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2009).
  240. ^ a b c d e (EN) Zimbabwe Dollar Update (PDF), WM/Reuters, giugno 2009. URL consultato il 28 luglio 2009.
  241. ^ (EN) Articolo, Associated Press, 12 gennaio 2009.
  242. ^ (EN) Nelson Banya, Zimbabwe to launch 100 trillion dollar note: report, Reuters Africa, 16 gennaio 2009. URL consultato il 4 marzo 2009.
  243. ^ (EN) Jan Raath, Unintended effect of Zimbabwe dollarization - no change!, Business Features, 23 gennaio 2009. URL consultato il 4 marzo 2009.
  244. ^ (EN) Raymond Maingire, Teachers demand US$2 200 minimum, The Zimbabwe Times, 22 gennaio 2009. URL consultato il 4 marzo 2009.
  245. ^ (EN) Harare teacher: 'I can't afford to work', BBC News, 27 gennaio 2009. URL consultato il 5 marzo 2009.
  246. ^ (EN) Cris Chinaka, Budget likely to show Mugabe's desperation, Reuters, 28 gennaio 2009. URL consultato il 5 marzo 2009.
  247. ^ (EN) Brian Latham, Zimbabwe Teachers Can’t Afford to Report for Work, Bloomberg, 29 gennaio 2009. URL consultato il 5 marzo 2009.
  248. ^ a b c Fonte: United Nations Treasury. The United Nations Operational Rates of Exchange
  249. ^ (EN) Zim trims 12 zeroes from trillion dollar note, Commodity Online, 2 febbraio 2009. URL consultato il 4 marzo 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Tassi di cambio per ZWD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

Notizie[modifica | modifica wikitesto]

Primo dollaro
Preceduta da:
Dollaro della Rhodesia
Motivo: riconoscimento dell'indipendenza
Tasso: alla pari
Valuta di Zimbabwe
18 aprile 1980 – 31 luglio 2006
Seguita da:
Secondo dollaro
Motivo: inflazione
Tasso: 1 Z2$ = 1 000 Z1$
Secondo dollaro (rivalutato)
Preceduta da:
Primo dollaro
Motivo: inflazione
Tasso: 1 Z2$ = 1 000 Z1$
Valuta di Zimbabwe
1º agosto 2006 – 31 luglio 2008
Seguita da:
Terzo dollaro
Motivo: iperinflazione
Tasso: 1 Z3$ = 10 000 000 000 Z2$
Terzo dollaro (rivalutato)
Preceduta da:
Secondo dollaro
Motivo: iperinflazione
Tasso: 1 Z3$ = 10 000 000 000 Z2$
Valuta di Zimbabwe
1º agosto 2008 – 1º febbraio 2009
Seguita da:
Quarto dollaro
Motivo: iperinflazione
Tasso: 1 Z4$ = 1 000 000 000 000 Z3$
Quarto dollaro (rivalutato)
Preceduta da:
Terzo dollaro
Motivo: iperinflazione
Tasso: 1 Z4$ = 1 000 000 000 000 Z3$
Valuta di Zimbabwe
2 febbraio 2009 –
Seguita da:
in corso